Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’eiaculazione frequente riduce il rischio di cancro alla prostata?

La prostata è una piccola ghiandola a forma di noce che svolge un ruolo importante nell’eiaculazione. Produce il liquido nello sperma e aiuta a spingere questo fluido fuori quando un uomo eiacula.

Circa 1 su 7 uomini negli Stati Uniti saranno diagnosticati con cancro alla prostata durante la loro vita. Poiché il cancro alla prostata è così comune, è importante essere consapevoli dei fattori di rischio. Questo articolo esplora se l’eiaculazione frequente può ridurre il rischio di cancro alla prostata.

C’è un link?

Uomo seduto sul bordo del letto, cercando stressato.

Negli ultimi anni ci sono stati una serie di articoli che dichiarano che l’eiaculazione più spesso può ridurre il rischio di cancro alla prostata. Sebbene queste affermazioni possano sembrare titoli sensazionalistici, possono essere supportate in parte da prove scientifiche.

Cosa dice la ricerca

Secondo uno studio del 2016, gli uomini che eiaculano più frequentemente hanno meno probabilità di sviluppare il cancro alla prostata, rispetto a quelli che eiaculano meno spesso.

La ricerca del 2016 è stata il seguito di uno studio del 2004, giunto a una conclusione simile. Entrambi gli studi hanno rilevato che il rischio di cancro alla prostata può essere ridotto per gli uomini che eiaculano 21 volte o più al mese. Questo è stato confrontato con uomini che eiaculato solo 4-7 volte al mese.

Altri studi hanno scoperto alcune prove contrastanti. I ricercatori non sono d’accordo sul fatto che l’eiaculazione più spesso renda gli uomini di tutte le età meno propensi a contrarre il cancro alla prostata.

Uno studio del 2008 ha rilevato che la masturbazione frequente era legata solo a un ridotto rischio di cancro alla prostata negli uomini sopra i 50 anni. I ricercatori in questo studio hanno scoperto che gli uomini di 20 e 30 anni che eiaculavano più spesso erano effettivamente a maggior rischio di cancro alla prostata.

Al contrario, uno studio dell’Australia del 2003 ha scoperto che gli uomini che eiaculavano frequentemente da giovani avevano un tasso ridotto di cancro alla prostata.

Sono necessarie ulteriori ricerche

Da tutte le conclusioni di ricerca che sono disponibili, le prove possono indicare un collegamento tra aumento della frequenza di eiaculazione e il rischio di cancro alla prostata di un uomo.

Tuttavia, a causa delle conclusioni contraddittorie e contraddittorie, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se l’eiaculazione frequente diminuisce il rischio di cancro alla prostata negli uomini di tutte le età.

Fattori di rischio

Medico maschio bianco senior con il giovane paziente maschio nero, nella discussione.

Essere a conoscenza dei fattori di rischio del cancro alla prostata può aiutare gli uomini a capire la loro probabilità di svilupparlo.

Secondo l’American Society of Clinical Oncology, i seguenti fattori rendono più probabile per gli uomini lo sviluppo del cancro alla prostata:

  • Età: man mano che gli uomini invecchiano, aumenta il rischio di sviluppare il cancro alla prostata. Oltre l’80% dei casi di cancro alla prostata colpisce uomini sopra i 65 anni.
  • Etnia: gli uomini neri hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto agli uomini bianchi e possono svilupparlo in età precoce. Gli uomini di colore hanno anche un rischio maggiore di essere colpiti da forme aggressive di cancro alla prostata. Gli uomini ispanici hanno meno probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto agli uomini bianchi non ispanici.
  • Storia familiare: gli uomini sono a più alto rischio di sviluppare il cancro alla prostata se hanno parenti stretti con cancro alla prostata.
  • Genetica: alcuni cambiamenti genetici possono aumentare il rischio di cancro alla prostata. La ricerca su questo potenziale collegamento è in corso.
  • Esposizione all’agente Orange: utilizzato durante la guerra del Vietnam, il Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti ha elencato questa sostanza chimica come collegata al cancro alla prostata.
  • Dieta: I ricercatori ritengono che la dieta di un uomo possa influenzare il rischio di cancro alla prostata, ma gli studi non sono conclusivi. Sono necessarie ulteriori ricerche per indagare ulteriormente su questa possibile connessione.

Ridurre il rischio

Uomo che si china a riprendere fiato dopo aver corso o jogging nel parco, ascoltando musica sul lettore mp3 legato al suo braccio.

La ricerca del 2014 ha rilevato che quanto segue ha contribuito a ridurre il rischio di cancro alla prostata:

  • smettere di fumare
  • esercitarsi regolarmente
  • prendendo inibitori della 5-alfa-reduttasi

Mentre i primi due cambiamenti dello stile di vita sono relativamente facili da fare, la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti non ha approvato inibitori della 5-alfa-reduttasi per la prevenzione del cancro alla prostata.

I cambiamenti nella dieta possono anche aiutare a ridurre il rischio di cancro alla prostata. La ricerca è in corso, ma l’American Society of Clinical Oncology rileva i seguenti risultati degli studi attuali:

  • una dieta ricca di grassi può aumentare il rischio di cancro alla prostata
  • diete ricche di frutta e verdura possono ridurre il rischio di cancro alla prostata

Tuttavia, questi cambiamenti nella dieta potrebbero dover essere fatti prima nella vita per avere un effetto sul rischio di sviluppare un cancro alla prostata

Rilevamento precoce

Il carcinoma della prostata può essere diagnosticato precocemente con un esame del sangue o con un esame rettale. La diagnosi precoce del cancro può migliorare le probabilità di successo del trattamento.

Gli esami del sangue potrebbero non essere l’opzione migliore per tutti gli uomini, in quanto possono mostrare condizioni che non richiedono un trattamento. È una buona idea per gli uomini sopra i 50 anni discutere di essere testati per il cancro alla prostata con il loro medico.

Conclusione

La ricerca mostra la possibilità di un legame tra l’eiaculazione frequente e il rischio di cancro alla prostata. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per capire se l’eiaculazione diminuisce frequentemente il rischio di cancro alla prostata per uomini di tutte le età.

Poiché la ricerca è in corso, è importante che gli uomini leggano regolarmente sul cancro alla prostata e discutono le loro preoccupazioni con un medico.

Like this post? Please share to your friends: