Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’epatite C può essere trasmessa attraverso il sesso orale?

L’epatite C è un tipo di malattia del fegato che può diffondersi da persona a persona. È causato dal virus dell’epatite C, altrimenti noto come HCV o epatite C.

Non esiste un vaccino corrente contro l’epatite C, sebbene possano essere prese misure preventive per ridurre il rischio di contrarre la malattia.

Il sesso vaginale e anale non protetto può portare a contrarre infezioni sessualmente trasmissibili (STI), ma le persone potrebbero chiedersi se lo stesso vale per il sesso orale.

L’epatite C è una malattia virale ed è contagiosa – è possibile contrarre l’epatite C dal sesso orale?

L’epatite C si diffonde attraverso il contatto con il sangue di un’altra persona. Se il sangue infetto da una persona entra nel flusso sanguigno di un’altra persona, quella persona potrebbe essere infettata.

Complessivamente, il rischio di trasmettere l’epatite C durante qualsiasi tipo di attività sessuale è basso. Mentre altamente improbabile, potrebbe accadere durante il sesso orale se una persona con epatite C ha le labbra screpolate e sanguinanti e il partner ha una ferita aperta.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l’epatite C non si diffonde attraverso i baci o la saliva.

Cos’è l’epatite C?

L’epatite C è un virus che colpisce il fegato.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 71 milioni di persone hanno infezioni croniche da epatite C a livello globale. Ogni anno circa 400.000 persone muoiono a causa di malattie epatiche correlate all’epatite C.

L’epatite C danneggia le cellule del fegato, causando infiammazione e cicatrici note come fibrosi, così come la cirrosi epatica. Può anche causare il cancro al fegato e insufficienza epatica.

Epatite C e sesso orale

coppia eterosessuale che si bacia.

Attualmente non ci sono prove dirette a dimostrare che l’epatite C sia trasmessa attraverso il solo sesso orale. Tuttavia, una persona dovrebbe essere ancora cauta ogni volta che è presente del sangue perché può ancora verificarsi un’infezione.

Se entrambi i partner sessuali hanno una frattura nella loro pelle, potrebbe esserci il rischio che il sangue passi da una persona all’altra.

Ulteriori fattori di rischio possono includere:

  • mestruazione
  • sanguinamento dalla bocca o dalle gengive
  • un’infezione alla gola
  • herpes labiale o afte
  • verruche genitali o herpes
  • labbra danneggiate e screpolate

Il rischio di contrarre o passare l’epatite C da una persona a un’altra durante il sesso orale è molto basso. Ciò è particolarmente vero per le coppie in relazioni monogame che sono state testate per malattie contagiose.

Sapere come l’epatite C si trasferisce da una persona all’altra, oltre a comprendere pratiche sessuali più sicure, può ridurre ulteriormente il rischio di infezione di una persona.

I fattori di rischio per contrarre l’epatite C includono:

  • una persona ha un’infezione acuta da HCV
  • un’alta carica virale
  • individui che hanno più partner sessuali
  • non usare la protezione della barriera, come preservativi o dighe dentali, durante l’attività sessuale
  • danneggiare la pelle da lesioni precedenti o attività sessuali ruvide
  • già avendo una IST o HIV

Come viene trasmessa l’epatite C?

Persona tatuata sul braccio.

Mentre la trasmissione dell’epatite C attraverso il contatto sessuale è rara, ci sono molti altri modi in cui una persona può essere infettata.

Il virus dell’epatite C vive nel sangue e in alcuni fluidi corporei. La trasmissione del virus si verifica quando il sangue di una persona infetta viene trasmesso ad un’altra persona.

Anche lo scambio di sperma può causare infezioni, sebbene le probabilità di questo siano molto rare.

Inoltre, mentre il virus dell’epatite è stato rilevato nella saliva, si ritiene che gli anticorpi nella saliva bloccano la trasmissione del virus ad altri, quindi la malattia non viene trasmessa attraverso i baci.

Oltre al contatto sessuale, i modi più comuni con cui una persona può essere infettata dal virus dell’epatite C sono:

  • iniettare droghe
  • uso di droghe intranasali o droghe sniffate
  • tatuaggio non regolamentato o non igienico e piercing
  • essere nato da una madre infetta dal virus
  • condivisione di rasoi, spazzolini da denti e tagliaunghie
  • alcune procedure mediche
  • allattamento al seno, solo se i capezzoli sono screpolati o sanguinanti; non viene trasmesso nel latte materno

Sintomi

Molte persone che sono state infettate dal virus dell’epatite C non si rendono conto di averlo.

Tuttavia, a seconda che l’infezione sia acuta o cronica, i sintomi della malattia possono includere:

  • mancanza di appetito
  • febbre
  • dolore addominale
  • fatica
  • tenerezza del fegato
  • urina più scura
  • sgabello di colore grigio
  • dolore articolare o muscolare
  • ittero (ingiallimento della pelle e del bianco degli occhi)
  • depressione

La maggior parte delle persone contagiate sperimenterà solo sintomi man mano che il virus progredisce e potrebbe non manifestare sintomi quando lo contraggono.

Molte persone infette scoprono di portare il virus solo quando hanno un esame del sangue di routine o cercano di donare il sangue.

Quando vedere un dottore

Paziente femminile in consultazione con medico femminile.

Sebbene sia spesso difficile per una persona sapere di essere stata infettata dal virus dell’epatite C, se ha motivo di ritenere di essere stata esposta ad essa, dovrebbe essere sottoposta a test il più presto possibile.

Tutti gli individui nati tra il 1945 e il 1965 dovrebbero essere testati per l’epatite C se non lo sono già stati. Le persone di questa generazione hanno cinque volte più probabilità di avere l’epatite C rispetto ad altre persone. Non c’è una chiara ragione per questo, ma i ricercatori sanno che la trasmissione era al massimo durante gli anni ’60 -’80.

La diagnosi viene effettuata utilizzando un esame del sangue per verificare la presenza di anticorpi specifici che potrebbero essere presenti in una persona infetta. Questo test è noto come test degli anticorpi anti-epatite C o anti-HCV.

Se una persona risulta positiva agli anticorpi, i medici suggeriranno ulteriori test per vedere se il virus dell’epatite C è attualmente attivo. Questo test è chiamato test RNA o PCR.

È possibile avere un risultato falso positivo. Ciò si verifica quando una persona riceve un test anti-HCV positivo quando non ha il virus.

Un risultato positivo può anche verificarsi se una persona ha avuto l’infezione in passato, ma ha già eliminato. Un test dell’RNA dovrebbe sempre essere fatto per confermare se una persona ha un’epatite C attiva.

È anche possibile che le persone con infezione recente ricevano un risultato falso negativo quando hanno il virus. Questo perché potrebbero non esserci anticorpi sufficienti nel sangue per reagire tempestivamente con il test.

Se infetto, un medico può riferire una persona a uno specialista del fegato. Altri esami del sangue e una biopsia epatica possono essere eseguiti per determinare il livello di danno e se si è verificata cirrosi o cancro del fegato.

Una vasta gamma di fattori determina le opzioni di trattamento. Le persone con epatite C dovrebbero anche essere vaccinate contro l’epatite A e B, se non precedentemente esposte.

Le persone sessualmente attive dovrebbero essere sottoposte a screening periodico per le IST, in particolare se cambiano partner sessuali o hanno molti partner sessuali. Potrebbero essere necessarie fino a 4 – 12 settimane prima che l’epatite C si manifesti nei risultati del test.

Trattamento

Circa il 15-20% delle infezioni da epatite C si risolve senza trattamento. In tutte le altre persone con la malattia, l’epatite C sarà cronica.

Non è chiaro il motivo per cui alcune persone possono eliminare il virus e altre no. Se a una persona viene diagnosticata l’epatite C, i medici possono prescrivere farmaci antivirali per il trattamento.

Altre pratiche di auto-cura che una persona può fare durante l’infezione acuta includono:

  • riposo adeguato
  • aumentare l’assunzione di liquidi
  • non bere alcolici
  • mangiare una dieta salutare

Se una persona non sa di avere un’epatite C acuta e si sviluppa in un’infezione cronica, un medico può raccomandare altri trattamenti medici.

prospettiva

L’epatite C è considerata una condizione gestibile. Nuovi farmaci antivirali si sono dimostrati efficaci nel combattere il virus e vivere uno stile di vita sano può aiutare a curare efficacemente l’epatite C.

Una persona con epatite C dovrebbe sempre prendere ulteriori precauzioni durante l’attività sessuale per limitare il rischio di trasmettere la malattia a qualcun altro.

Se a una persona viene diagnosticata l’epatite C, fare scelte salutari e lavorare a stretto contatto con un medico significa che di solito possono gestire il virus.

Like this post? Please share to your friends: