Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’epatite C può essere trattata con vitamina B12

Le prime ricerche pubblicate online sulla rivista Gut suggeriscono che i pazienti con epatite C cronica che ricevono il trattamento HCV standard potrebbero trarre notevoli benefici dall’assunzione di integratori di vitamina B12.

Secondo i ricercatori, l’aggiunta di supplementi di vitamina B12 alla terapia standard potrebbe aumentare la capacità del corpo di combattere il virus.

I risultati dello studio hanno mostrato che gli effetti erano particolarmente forti nei pazienti la cui infezione era difficile da trattare in modo efficace.

Circa il 60-80% delle persone con epatite C sviluppa epatite cronica e circa un terzo sviluppa cirrosi e epatopatia terminale. Il trattamento standard di interferone (IFN peg) e ribavarin non riesce a liberare il virus in circa il 50% degli individui affetti dalla malattia o i ritorni dell’infezione dopo l’interruzione del trattamento.

Il genotipo 1 è il tipo più comune di genotipo dell’epatite C negli Stati Uniti e il più difficile da trattare. I pazienti con genotipo 2 e 3 hanno una probabilità quasi tripla rispetto ai pazienti con genotipo 1 di rispondere alla terapia con interferone alfa o alla combinazione di interferone alfa e ribavirina.

Il fegato è il principale centro di stoccaggio del corpo per la vitamina B12, ma questa capacità è compromessa da malattie, come l’epatite C. Come risultato, i ricercatori hanno deciso di stabilire se aggiungere supplementi di vitamina B12 al trattamento standard farebbe la differenza.

I ricercatori hanno arruolato 94 pazienti con HCV per partecipare allo studio. Il team ha poi assegnato in modo casuale i pazienti a ricevere un trattamento standard o un trattamento standard oltre alla vitamina B12 (5.000 ug) ogni quattro settimane per 24-48 settimane.

Dopo 4 settimane i ricercatori hanno valutato quanto efficacemente il corpo fosse in grado di liberare il virus (risposta virale rapida). Questa valutazione è stata nuovamente condotta a 12 settimane (completa risposta virale precoce), alla fine del trattamento e poi di nuovo a 24 settimane dopo l’interruzione del trattamento (risposta virale sostenuta).

Sebbene non siano state osservate differenze tra i due gruppi a quattro settimane, i ricercatori hanno riscontrato notevoli differenze nella risposta in tutti gli altri punti temporali, in particolare 24 settimane dopo l’interruzione del trattamento.

Inoltre, hanno scoperto che i pazienti portatori del ceppo di tipo 1 rispondevano significativamente meglio dei pazienti portatori del ceppo di tipo 2 o 3.

I risultati dello studio hanno indicato che l’aggiunta di supplementi di vitamina B12 alla terapia standard ha aumentato il tasso di risposta virale sostenuta del 34%.

I ricercatori affermano che l’aggiunta di vitamina B12 alla terapia standard è un’alternativa sicura ed economica ai farmaci antivirali di nuova generazione, specialmente per i pazienti portatori del ceppo di tipo 1.

I ricercatori osservano: “Questa strategia sarebbe particolarmente utile in quei paesi in cui, a causa di mezzi economici limitati, le terapie antivirali di nuova generazione non possono essere somministrate nella pratica di routine”.

Scritto da Grace Rattue

Like this post? Please share to your friends: