Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’escitalopram antidepressivo aiuta il cuore a causare lo stress

I ricercatori della Duke Medicine hanno rivelato che un antidepressivo comunemente prescritto – escitalopram (Lexapro) – potrebbe essere usato per trattare una condizione cardiaca causata dallo stress tra le persone che soffrono di cardiopatia ischemica stabile.

I risultati dello studio, pubblicato nel numero del 22/29 maggio 2013 del Journal of American Medical Association, hanno scoperto che le persone con malattia coronarica stabile e ischemia miocardica (MSIMI) indotta dallo stress mentale assumono escitalopram – una ricaptazione selettiva della serotonina inibitore (SSRI) usato per trattare la depressione e l’ansia – ha sperimentato tassi più bassi di MSIMI.

Un articolo pubblicato online First e di The Lancet hanno rivelato che la sertralina e l’escitalopram hanno evidenti vantaggi in termini di efficacia e accettabilità tra tutti gli SSRI.

Inoltre, il farmaco ha dimostrato di migliorare significativamente la qualità della vita tra coloro che soffrono di disturbi d’ansia.

In MSIMI vi è un limitato flusso di sangue al cuore; è stato dimostrato in studi precedenti che lo stress emotivo può innescare le condizioni cardiache. Ciò è particolarmente preoccupante perché i pazienti con MSIMI tendono a sperimentare problemi cardiaci peggiori.

L’autore principale, Wei Jiang, M.D., professore associato di psichiatria e scienze comportamentali e medicina interna al Duca, ha dichiarato:

“L’ischemia miocardica indotta da stress mentale è una condizione grave, in quanto i pazienti con questa condizione tendono ad avere problemi cardiaci peggiori rispetto ai pazienti che non ne hanno.Questo studio ha dimostrato per la prima volta che è curabile con un farmaco modulante le emozioni.”
MSIM si verifica a seguito di cambiamenti nel cuore, come una riduzione della quantità di sangue pompato dal ventricolo sinistro del cuore e problemi con il nuovo movimento della parete.

Non ci sono molte opzioni attualmente disponibili per trattare la condizione.

L’autore senior, Christopher O’Connor, MD, direttore del Duke Heart Center e capo della Divisione di Cardiologia, ha dichiarato: “Al fine di migliorare la nostra comprensione del miglioramento della salute cardiovascolare, riteniamo che la continua ricerca tra l’intersezione della salute mentale e la malattia cardiovascolare dovrebbe essere una priorità. ”

Nel loro studio “Risposte di stress mentale indotto da ischemia miocardica a trattamento con escitalopram” (REMIT), i ricercatori hanno valutato possibili modi per alleviare i sintomi cardiovascolari causati dallo stress mentale.

Un totale di 310 persone hanno partecipato allo studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo.

I pazienti arruolati avevano una cardiopatia coronarica preesistente. I ricercatori hanno analizzato quali partecipanti hanno sperimentato MSIMI conducendo un semplice test da sforzo utilizzando un tapis roulant e tre test di stress mentale.

La funzione cardiaca è stata valutata con l’ecocardiografia e l’elettrocardiografia.

127 dei pazienti che sono stati testati avevano MSIMI – 112 di loro hanno completato lo studio. Sono stati scelti casualmente per ricevere escitalopram o placebo.

Il team ha rilevato che rispetto al placebo, coloro che erano in escitalopram erano 2,62 volte meno probabilità di sperimentare MSIMI durante i tre compiti di stress mentale.

I partecipanti al gruppo escitalopram si sono sentiti più controllati e più calmi di quelli del gruppo placebo durante l’ultimo compito di stress mentale.

Jiang ha aggiunto: “I nostri risultati supportano l’ipotesi che l’uso a breve termine di SSRI migliora i livelli di biomarcatori associati a esiti cardiovascolari avversi”.

Gli SSRI potrebbero svolgere un ruolo importante nella gestione delle cardiopatie coronariche.

L’autore dello studio Eric Velazquez, M.D., professore associato di cardiologia al Duke, ha scritto:

“Tutti i medici che curano i pazienti con malattia coronarica devono essere consapevoli di come gli stressori emotivi possono avere un impatto negativo sulla gestione della malattia. Dovremmo avere conversazioni con i nostri pazienti sul loro stile di vita per valutare i loro livelli di stress mentale e se i meccanismi di coping che usano sono adeguato o se è necessario un aiuto più mirato alla salute mentale. ”
Gli autori hanno concluso:

“In sintesi, un miglioramento farmacologico di 6 settimane della funzione serotoninergica sovrapposta alla migliore gestione basata sull’evidenza della CHD è apparso per migliorare significativamente l’insorgenza di MSIMI e questi risultati supportano ed estendono precedenti risultati suggerendo che modificare la funzione serotoninergica centrale e periferica potrebbe migliorare i sintomi di CHD e avere implicazioni per la comprensione dei percorsi attraverso i quali le emozioni negative influenzano la prognosi cardiovascolare “.
Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare quanto a lungo deve essere assunto escitalopram.

Lo stress può causare problemi cardiaci

Lo stress può avere un impatto significativo sui problemi cardiaci. Secondo uno studio su The Lancet condotto da ricercatori dell’University College di Londra, se hai un lavoro molto stressante e non hai la libertà di prendere decisioni, le tue probabilità di provare un infarto sono del 23% più alte.

Inoltre, uno studio del 2008 condotto da ricercatori della stessa università di Londra che coinvolge oltre 10.000 dipendenti pubblici ha consentito di ridurre lo stress sul lavoro a un rischio più elevato di malattie cardiache.

Scritto da Joseph Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: