Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’esercizio aerobico può essere la chiave per la prevenzione dell’Alzheimer

Una nuova ricerca recentemente pubblicata esamina i benefici dell’esercitazione per ritardare il morbo di Alzheimer.

due anziani che camminano

L’anno scorso, una revisione degli scienziati dell’Università della California del Sud a Los Angeles ha rilevato che ben 1 caso su 3 di malattia di Alzheimer era prevenibile attraverso i cambiamenti dello stile di vita.

Lo stesso rapporto ha inoltre evidenziato nove passaggi che chiunque potrebbe prendere per ridurre significativamente il proprio rischio. Uno di questi passaggi era l’aumento dell’attività fisica.

Di fatto, è ampiamente accettato che l’esercizio fisico è un buon modo per prevenire la demenza che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (WHO) raccomanda che gli individui di età pari o superiore a 65 anni praticano 150 minuti di esercizio aerobico di intensità moderata ogni settimana o 75 minuti settimanali di esercizio aerobico a intensità intensa, per tenere a bada questa forma di demenza.

Infine, una terza opzione raccomandata dall’OMS riguarda l’attività di intensità moderata e vigorosa, integrata da attività di rafforzamento muscolare.

Ma come sottolineano gli autori del nuovo studio, l’OMS basa le sue raccomandazioni su alcune meta-analisi che hanno prodotto risultati contrastanti sui benefici dell’esercizio per la demenza.

Una delle ragioni di questi risultati contrastanti potrebbe essere che la ricerca precedente utilizzava strumenti statistici datati, suggeriscono gli autori dello studio.

Così, Gregory Panza – un fisiologo di esercizi presso il Dipartimento di Cardiologia dell’Hartford Hospital di Hartford, CT – e il suo team si sono proposti di esaminare i benefici cognitivi dell’esercizio in modo più approfondito e utilizzando strumenti più nuovi.

Hanno effettuato una revisione della letteratura esistente, che comprendeva un totale di 19 studi che esaminavano gli effetti dell’esercizio degli anziani a rischio.

Complessivamente, l’analisi ha incluso 1.145 anziani che erano a rischio di Alzheimer o perché a uno dei loro genitori era stata diagnosticata la malattia, o perché avevano già un lieve deficit cognitivo, che è un precursore dell’Alzheimer.

Aerobico migliore per la prevenzione dell’Alzheimer

Panza ei suoi colleghi hanno rivelato che la funzione cognitiva negli anziani che praticavano solo attività aerobica era tre volte migliore di quella degli anziani che facevano una combinazione di esercizi aerobici e esercizi di rafforzamento muscolare.

Lo studio ha mostrato che, nel complesso, gli anziani che facevano qualunque tipo di esercizio dimostravano una funzione cognitiva migliore di quelli che non praticavano affatto. Infatti, quelli che non praticavano avevano un leggero declino cognitivo.

Lo studio ha anche confermato che le linee guida dell’OMS per l’attività fisica sono state supportate dalle prove che hanno esaminato. Come concludono gli autori:

“I nostri risultati suggeriscono che l’esercizio fisico può ritardare il declino della funzione cognitiva che si verifica in individui che sono a rischio o con AD [malattia di Alzheimer], con l’esercizio aerobico che potrebbe avere l’effetto più favorevole.”

Infatti, Panza e colleghi affermano che il loro è il primo studio a suggerire che l’esercizio aerobico può essere superiore nella sua capacità di allontanare il morbo di Alzheimer in soggetti a rischio.

Tuttavia, gli autori ammettono anche che “[a] studi clinici controllati randomizzati controllati che includono misurazioni oggettive della funzione cognitiva sono necessari per confermare [i loro] risultati”.

“In definitiva,” osservano, “gli studi dovrebbero mirare a esaminare l’attività fisica e l’esercizio in combinazione con altre strategie (ad es. Farmaci) per sviluppare opzioni di prevenzione e trattamento più mirate per l’AD”.

Like this post? Please share to your friends: