Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’esercizio non previene le arterie bloccate, lo studio trova

Uno studio a lungo termine che ha coinvolto più di 3.000 partecipanti ha fatto una scoperta inaspettata: i bianchi che trascorrono più di 7 ore di allenamento ogni settimana sono maggiormente a rischio di sviluppare calcificazione delle arterie coronariche.

uomo maturo che pareggia

La calcificazione dell’arteria coronaria (CAC) è una condizione caratterizzata da un accumulo di placca nei vasi principali che forniscono sangue al cuore.

Questa condizione può portare a una serie di problemi cardiovascolari, tra cui la scarsa circolazione del sangue da e verso il cuore, a seconda della gravità della formazione di placca nelle arterie.

Secondo i dati disponibili, il CAC è più comune negli uomini che nelle donne e di solito si sviluppa tardi. Alcune popolazioni considerate “a rischio” di sviluppare CAC sono individui con un indice di massa corporea più alto (BMI), quelli con ipertensione e persone con malattia renale cronica.

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Illinois di Chicago (UIC) e del Kaiser Permanente di Oakland, in California, ha ora esaminato l’impatto dell’esercizio fisico sulla probabilità di sviluppare un CAC.

Il Dott. Deepika Laddu, dell’UIC, ei suoi colleghi hanno fatto alcune scoperte sorprendenti, che sono state riportate all’inizio di questa settimana sul diario.

Più esercizio legato al più alto rischio di CAC

Il team ha reclutato 5.115 partecipanti attraverso lo studio di sviluppo del rischio di arteria coronaria in giovani adulti tra il marzo 1985 e il giugno 1986. La coorte di riferimento comprendeva sia uomini bianchi che neri, tutti di età compresa tra i 18 ei 30 anni.

In parte a causa di dati medici incompleti, tuttavia, l’analisi finale è stata condotta su informazioni provenienti da 3.175 partecipanti alla coorte originale.

I partecipanti sono stati seguiti per 25 anni, fino al 2011. Hanno subito otto esami durante questo periodo e hanno compilato questionari che riportavano i loro livelli di attività fisica in almeno tre di queste occasioni.

I partecipanti sono stati divisi in tre categorie, seguendo diverse traiettorie di attività fisica. Questi erano:

  • traiettoria uno: persone che hanno esercitato per meno di 150 minuti (2,5 ore) a settimana, che è al di sotto delle linee guida nazionali sull’attività fisica
  • traiettoria due: partecipanti che hanno seguito le linee guida sull’attività fisica esercitandosi per 150 minuti a settimana
  • traiettoria tre: persone che hanno superato le linee guida nazionali sull’attività fisica esercitandosi per più di 450 minuti (7,5 ore) ogni settimana

Con loro grande sorpresa, i ricercatori hanno scoperto che i partecipanti che avevano i più alti livelli di attività fisica (traiettoria tre) avevano il 27% in più di probabilità di sviluppare CAC per mezza età rispetto alle persone che esercitavano meno di 2,5 ore settimanali.

“Ci aspettavamo di vedere che livelli più alti di attività fisica nel tempo sarebbero associati a livelli inferiori di CAC”, ammette il dott. Laddu.

I bianchi sono i più a rischio

Lo sviluppo del CAC è stato testato durante l’ultimo anno dei partecipanti allo studio, quando erano tutti di età compresa tra 43 e 55 anni. A tale scopo sono state utilizzate scansioni computerizzate di tomografia dell’area del torace.

Dopo aver analizzato i loro dati in termini di razza e sesso, il team ha anche scoperto che il gruppo a più alto rischio era costituito da uomini bianchi, che avevano l’86% di probabilità in più di sviluppare CAC rispetto ai loro omologhi.

I neri nella traiettoria tre non erano significativamente a rischio, e nemmeno le donne – indipendentemente dal contesto razziale.

Secondo i ricercatori, la novità di questo studio sta nel fatto che è stato condotto per un lungo periodo di tempo (25 anni) in modo che i suoi autori potessero mappare il rischio di CAC in relazione ai modelli di esercizio fisico da parte dei giovani dei partecipanti età adulta per la loro mezza età.

“Poiché i risultati dello studio mostrano un livello significativamente diverso di rischio tra partecipanti in bianco e nero sulla base di traiettorie di esercizio a lungo termine, i dati forniscono la giustificazione per ulteriori indagini, soprattutto per razza, negli altri meccanismi biologici per il rischio di CAC in persone con molto alto livelli di attività fisica. “

Dr. Deepika Laddu

Nonostante i risultati dello studio, i ricercatori suggeriscono che sono necessarie ulteriori indagini per comprendere appieno le implicazioni.

“Gli alti livelli di esercizio nel tempo possono causare stress sulle arterie che portano a un CAC più elevato”, afferma il coautore di carta Dr. Jamal Rana, del Kaiser Permanente, “tuttavia questo accumulo di placca potrebbe essere del tipo più stabile, e quindi meno probabilità di rottura e causare infarto, che non è stato valutato in questo studio. “

Le nuove scoperte non dovrebbero essere considerate un motivo per interrompere l’esercizio, aggiunge il dott. Laddu.

A seguito di questo studio, i ricercatori stanno pianificando di indagare sulla probabilità di esiti diversi, come il rischio di avere un infarto.

Gli autori dello studio concludono: “Collettivamente, questi dati suggeriscono che i meccanismi biologici associati ad un aumento del CAC e ad alti livelli di [attività fisica] meritano un’ulteriore valutazione”.

“Allo stesso modo,” aggiungono, “l’impatto di livelli leggermente più elevati di CAC nell’invecchiamento, individui altamente attivi sui risultati [cardiovascolari] merita ulteriore attenzione”.

Like this post? Please share to your friends: