Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’esperienza di pre-morte è la stessa per tutti?

In un momento in cui una persona è vicina alla morte, può verificarsi una serie di vivide esperienze psicologiche. Queste cosiddette esperienze di pre-morte sono state segnalate da secoli.

Tunnel e spiriti sperimentano quasi la morte

La classica esperienza di pre-morte (NDE) include luci brillanti, una travolgente sensazione di pace, esperienze extracorporee (OBE), revisione della vita, riduzione della paura della morte e la percezione di trovarsi in un lungo tunnel. Le NDE sono sorprendentemente comuni, colpendo circa il 4% della popolazione e fino al 18% dei sopravvissuti all’arresto cardiaco.

Storicamente, sono stati collegati all’aldilà e usati come prova dell’anima, ma, proprio come qualsiasi altro fenomeno spesso riportato, gli scienziati sono desiderosi di arrivare al fondo biologico di esso. Forse non sorprende che non ci sia stata una grande quantità di ricerche sulle NDE; il momento nel tempo in cui si verificano li rende difficili da rintracciare in laboratorio.

Recentemente, Charlotte Martial, dell’Università di Liegi e l’ospedale universitario di Liegi, entrambi in Belgio, e il team hanno cercato di comprendere meglio l’esperienza della NDE. Volevano scoprire se la gente avesse o meno vissuto il fenomeno in un ordine simile. Le NDE sono le stesse per tutti?

Questo segna la prima volta che l’ordine delle NDE è stato studiato in modo scientifico, secondo Martial. Dice: “Per quanto a nostra conoscenza, nessuno studio ha esaminato in modo formale e rigoroso se le funzionalità NDE seguano un ordine o una distribuzione prestabiliti”.

Martial spiega che lo scopo del loro studio “era quello di investigare la distribuzione di frequenza di queste caratteristiche, sia a livello globale che in base alla posizione delle caratteristiche nelle narrative, così come le sequenze temporali più frequentemente riportate delle diverse caratteristiche dell’esperienza pre-morte”.

Le loro scoperte sono state recentemente pubblicate sulla rivista.

In cosa consistono le NDE?

Per ottenere un quadro accurato degli eventi che si svolgono in una NDE, i ricercatori hanno analizzato 154 racconti scritti del fenomeno. Hanno confrontato i tipi di eventi, con che frequenza si sono verificati e in quale ordine.

Dopo l’analisi, il team ha scoperto che ciascuna NDE coinvolgeva una media di quattro diversi fenomeni, le cui caratteristiche più frequenti erano:

  • una sensazione di tranquillità (vissuta dall’80% dei partecipanti)
  • assistere a luci brillanti (sperimentate dal 69% dei partecipanti)
  • incontrare persone o spiriti (con esperienza del 64% dei partecipanti)

Nel frattempo, le esperienze meno comuni stavano vivendo pensieri accelerati (percepiti dal 5% dei partecipanti), e avevano visioni precognitive, o vedevano eventi nel futuro (percepiti dal 4% dei partecipanti).

Per quanto riguarda l’ordine degli eventi, il 35 percento delle persone ha vissuto prima un OBE; l’evento più comunemente vissuto per ultimo è stata la sensazione di tornare al proprio corpo (sentito dal 36% dei partecipanti).

“Questo suggerisce che le esperienze di pre-morte sembrano essere regolarmente innescate da un senso di distacco dal corpo fisico e alla fine quando si ritorna al proprio corpo”.

Charlotte Martial

Secondo l’analisi, l’ordine più comune degli eventi NDE – che si verificano nel 22% dei partecipanti – era il seguente:

  1. O ESSERE
  2. vivendo un tunnel
  3. vedendo luci brillanti
  4. una sensazione di pace

Nel complesso, tuttavia, non c’era una sequenza universale di eventi; la sequenza precedente si è verificata in meno di 1 su 4 esperienze. Quindi, anche se ci sono dei punti in comune, ogni NDE è unica.

Come spiega Martial, “I nostri risultati suggeriscono che le esperienze di pre-morte potrebbero non includere tutti gli elementi, e gli elementi non sembrano apparire in un ordine fisso.”

“Mentre le esperienze di pre-morte possono avere un carattere universale in modo che possano mostrare caratteristiche comuni sufficienti per appartenere allo stesso fenomeno, abbiamo comunque osservato una variabilità temporale all’interno della distribuzione delle caratteristiche riportate”.

Il futuro della ricerca sulle NDE

Con un fenomeno poco studiato come NDE, ci sono ancora molte domande senza risposta. In futuro, Martial spera di esplorare l’influenza delle aspettative e degli sfondi culturali sull’esperienza NDE di un individuo. Inoltre, vorrebbe sbrogliare lentamente i “meccanismi neurofisiologici” dietro le NDE.

Mentre la neuroscienza va avanti, sono state avanzate varie teorie organiche sulle NDE, tra cui:

  • intrusione di sonno a occhi aperti (REM), in cui alcune caratteristiche del sonno REM si verificano durante la veglia
  • fattori farmacologici, forse coinvolgenti i recettori N-metil-D-aspartato
  • livelli alterati di gas nel sangue, come livelli elevati di anidride carbonica
  • attività nel lobo temporale, un’area del cervello pensata per essere coinvolta in esperienze religiose e mistiche

Tuttavia, testare una qualsiasi teoria in un’esperienza così difficile da definire è una vera sfida. È probabile che le nuove scoperte in questo campo di ricerca siano poche e distanti tra loro, ma ogni nuova visione acquisita è garantita per essere affascinante.

Like this post? Please share to your friends: