Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’esposizione a metalli pesanti può aumentare il rischio di autismo

Anche se non è ancora noto ciò che causa l’autismo, i ricercatori ritengono che una complessa interazione tra fattori ambientali e genetica sia responsabile della condizione. Separare questi fattori, tuttavia, può essere una sfida. Ma un nuovo studio potrebbe aver trovato un modo per isolare la genetica dai fattori ambientali che contribuiscono alla malattia, consentendo ai ricercatori di concentrarsi sul legame tra i livelli di metalli pesanti e il rischio di autismo.

la parola autismo scritta in gesso su una tavola

Secondo gli ultimi dati dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), ben 1 su 68 bambini negli Stati Uniti ha il disturbo dello spettro autistico (ASD).

Un recente studio esplora un nuovo fattore che può contribuire al rischio di sviluppare ASD: la concentrazione di metalli pesanti nel corpo di un bambino.

La nuova ricerca è stata condotta da Manish Arora, Ph.D., scienziato ambientale e dentista presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York City, NY, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista

Come spiegano gli autori del nuovo studio, ci sono stati studi precedenti che hanno studiato la relazione tra metalli tossici, nutrienti essenziali e il rischio di avere ASD, ma questi studi erano limitati a causa dei mezzi imperfetti di valutare le concentrazioni di metalli.

Ad esempio, tali studi hanno dovuto approssimare l’esposizione al metallo tossico in base alle concentrazioni di metalli nel sangue. Tuttavia, questa stima è stata fatta dopo che i bambini erano già stati diagnosticati con ASD, piuttosto che prima.

Inoltre, alcuni di questi studi non erano in grado di spiegare fattori genetici che possono aver influenzato i risultati; in generale, la separazione dei fattori ambientali da quelli genetici nello sviluppo dell’autismo è una sfida per i ricercatori.

Il metodo utilizzato in questo nuovo studio, tuttavia, riesce a bypassare molte di queste limitazioni. Osservando i denti da latte naturali, i ricercatori spiegano che hanno accesso a informazioni che risalgono alla vita prenatale di un bambino. E studiando i gemelli, il prof. Arora e colleghi sono stati in grado di separare le influenze genetiche da quelle ambientali.

Usare i denti da latte per misurare l’esposizione ai metalli

Per determinare la quantità di metallo che i corpi dei bambini contenevano prima e dopo la nascita, i ricercatori hanno utilizzato i laser per analizzare gli anelli di crescita sui denti dei bambini.

La tecnologia laser ha permesso agli scienziati di estrarre con precisione strati specifici di dentina, che è la sostanza che si trova sotto lo smalto dei denti.

Allo stesso modo in cui possiamo dire l’età di un albero osservando gli anelli di crescita in una sezione trasversale del suo tronco, gli scienziati sono stati in grado di vedere diversi stadi di sviluppo corrispondenti a diversi anelli guardando una sezione trasversale di i denti dei bambini.

Questa corrispondenza tra gli strati di crescita della dentina, i loro livelli di piombo e l’esposizione al piombo durante le diverse fasi di sviluppo, è stata precedentemente dimostrata dal Prof. Arora e dal gruppo di ricerca che hanno svolto precedentemente.

Cindy Lawler, Ph.D., responsabile del ramo Genes, Environment and Health della National Institute of Environmental Health Sciences (NIEHS), spiega l’importanza dell’uso di questo metodo scientifico per studiare l’autismo:

“Pensiamo che l’autismo inizi molto presto, molto probabilmente nel grembo materno, e la ricerca suggerisce che il nostro ambiente può aumentare il rischio di un bambino, ma quando i bambini vengono diagnosticati all’età di 3 o 4 anni, è difficile tornare indietro e sapere quali sono le mamme esposto a. Con i denti da latte, possiamo effettivamente farlo. “

I ricercatori hanno esaminato i denti di 32 coppie di gemelli, oltre a studiare separatamente i denti di 12 individui da coppie gemelle.

Gli scienziati sono stati in grado di confrontare modelli di sviluppo dei denti e concentrazioni di metalli in coppie di gemelli in cui solo un gemello aveva ASD, in due gemelli che avevano entrambi il disturbo, e in coppie in cui nessuno dei due gemelli aveva ASD.

I metalli pesanti, o la capacità del corpo di processarli, possono influenzare il rischio di ASD

In coppie comprendenti un solo gemello con ASD, i denti hanno rivelato maggiori differenze nei livelli di assorbimento del metallo.

Lo studio ha rivelato che i bambini con ASD avevano livelli di piombo molto più alti durante il loro sviluppo.

La maggiore differenza tra i livelli di piombo nei bambini con ASD e bambini senza fu notata durante il periodo dopo la nascita.

I livelli di zinco, d’altro canto, mostravano uno schema più complesso. Durante il periodo prenatale, i bambini con ASD avevano livelli più bassi di zinco, ma dopo la nascita, questi livelli sono aumentati a livelli più elevati rispetto a quelli riscontrati nei bambini senza ASD.

Infine, il manganese è stato trovato correlato anche con l’ASD. I bambini con ASD sembravano avere meno manganese rispetto ai bambini senza, sia prima che dopo la nascita.

Nel complesso, lo studio suggerisce che l’esposizione prenatale ai metalli pesanti, o la capacità del corpo di processarli, può influenzare le possibilità di sviluppare l’autismo.

“Molti studi hanno confrontato gli attuali livelli di piombo nei bambini che sono già stati diagnosticati”, dice Lawler. “[Ma] essere in grado di misurare qualcosa a cui i bambini sono stati esposti molto prima della diagnosi è un grande vantaggio.”

David Balshaw, Ph.D., capo del ramo Esposizione, risposta e tecnologia NIEHS, pesa anche sul metodo scientifico utilizzato per questo studio, dicendo: “C’è una crescente eccitazione sul potenziale dei denti da latte come una ricca testimonianza di esposizione precoce della vita di un bambino a fattori sia utili che dannosi nell’ambiente “.

Il prof. Arora ha definito il metodo “una finestra sulla nostra vita fetale”. Egli e i suoi colleghi osservano, tuttavia, che sono necessari ulteriori studi su larga scala per replicare e confermare i loro risultati.

Scopri come un farmaco per la tubercolosi potrebbe aiutare a curare l’autismo.

Like this post? Please share to your friends: