Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’esposizione dell’Agente Arancione aumenta il rischio di cancro della pelle nei veterani del Vietnam

La guerra del Vietnam terminò nel 1975, ma – anche a distanza di 4 decenni – si registrarono alti tassi di tumore cutaneo non melanoma invasivo in veterani del Vietnam esposti al controverso diserbante Agent Orange, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista.

Una potente giungla defoliante, milioni di litri di Agent Orange sono stati spruzzati in tutto il Vietnam per rimuovere la copertura forestale nascondendo le truppe nemiche e distruggendo i raccolti.

Contenente un contaminante diossico altamente tossico chiamato TCDD, Agent Orange è collegato a una vasta gamma di malattie negli esseri umani, tra cui molti tumori.

Nessuno sa esattamente quante persone sono state esposte al TCDD durante la guerra del Vietnam, ma circa un milione e mezzo di americani hanno prestato servizio in Vietnam durante il periodo più intenso di utilizzo di erbicidi.

Esposizione a TCDD e rischio di cancro

Durante gli anni ’70, i veterani che tornavano dal Vietnam cominciarono a riferire eruzioni cutanee, cancro, problemi psicologici e difetti alla nascita nei loro figli. L’esposizione all’Agente Orange è stata sospettata come il principale fattore che contribuisce.

Sebbene ora ci siano molte prove che collegano l’esposizione dell’Agente Arancione a malattie gravi, ci sono ancora molte domande riguardo ai suoi effetti avversi sulla salute a cui non è stata data una risposta.

Il legame tra l’esposizione all’Agente Arancio e il cancro della pelle fu analizzato per la prima volta negli anni ’80. Tuttavia, l’organizzazione per gli affari dei veterani, che fornisce benefici ai veterani per problemi di salute causati da TCDD, attualmente non riconosce il cancro della pelle come una condizione relativa all’agente Orange.

Veterani il doppio delle probabilità di sviluppare il cancro della pelle

I ricercatori dietro il nuovo studio hanno analizzato le cartelle cliniche di 100 veterani del Vietnam che si sono iscritti al registro dell’Agente Orange all’ospedale Veterans Affairs di Washington, DC, tra il 2009 e il 2010.

un soldato ferito

Di questo campione, il 56% viveva o lavorava in aree contaminate dall’Agente Orange, il 30% era impegnato nell’irrorazione dell’Agent Orange e il 14% era esposto a TCDD viaggiando attraverso aree contaminate.

Complessivamente, il 51% dei veterani dello studio aveva un carcinoma cutaneo invasivo non-melanoma (NMISC). Si tratta di una cifra statisticamente significativa – circa il doppio del tasso medio negli uomini di età simile. Nei veterani che avevano attivamente spruzzato l’agente arancione, il rischio di NMISC è aumentato al 73%.

Un’altra condizione della pelle, il cloracne, è stata osservata nel 43% dei veterani. Il tasso di NMISC tra i veterani con cloracne era dell’80%. Anche i veterani con pelle o colore degli occhi più chiari avevano un rischio maggiore di sviluppare il cancro della pelle.

Sono necessari ulteriori studi

I ricercatori riconoscono che ci sono stati alcuni problemi nel loro studio. Non sono stati in grado di includere un gruppo di controllo – un campione di confronto tra veterani del Vietnam non esposti all’Agente Orange – nello studio a causa della sensibilità nell’accedere alle cartelle cliniche dei veterani.

Inoltre, poiché questo studio richiedeva ai veterani di ricordare eventi di decenni prima, i ricercatori non potevano essere certi che le informazioni su quanto tempo i veterani erano stati esposti alla TCDD erano accurate.

Ma i risultati rafforzano i risultati precedenti tra esposizione TCDD e rischio di NMISC, affermano i ricercatori. Il Dr. Clemens e co-autori dicono:

“Ulteriori studi sono garantiti per determinare il rischio relativo all’interno di questa popolazione di pazienti e per determinare strategie di gestione appropriate in modo che i veterani possano ricevere le cure che hanno guadagnato in servizio.”

Like this post? Please share to your friends: