Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’estratto di semi d’uva uccide le cellule tumorali in laboratorio

Un team di scienziati statunitensi e cinesi ha scoperto che l’estratto di semi d’uva uccide le cellule di leucemia di laboratorio facendole diventare commitsuicida, mostrando così il potenziale valore dei composti naturali nel trattamento del cancro.

Lo studio è stato il lavoro dell’autore principale, il dottor Xianglin Shi, professore presso il Graduate Center for Toxicology presso l’Università del Kentucky e colleghi ed è pubblicato online nel numero del 1 ° gennaio 2009 di Clinical Cancer Research, una rivista dell’American Association for CancerResearch.

Numerosi studi hanno già rivelato che mangiare frutta e verdura aiuta a prevenire il cancro, e questo è probabilmente dovuto alla presenza di proantocianidine. Shi e colleghi hanno già studiato questa famiglia di composti antiossidanti nella buccia di mela e hanno scoperto che scatenavano le cellule di cancro della morte nelle cellule ma non le cellule non tumorali.

Studi sull’estratto di semi d’uva hanno anche suggerito che riduce i tumori al seno nei ratti e nei tumori della pelle nei topi, ed è attivo in un certo numero di linee di cellule tumorali umane di laboratorio (come cellule di cancro della pelle, della mammella, del colon, del polmone, dello stomaco e della prostata), ma fino ad ora nessuno ha studiato il suo effetto sui bloodcancers.

Shi e colleghi hanno utilizzato un estratto di semi d’uva commercialmente disponibile e hanno esposto le cellule di leucemia a varie concentrazioni dell’estratto per 12 e 24 ore, e hanno anche esaminato cosa accadde quando le cellule di leucemia furono esposte a 50 μg / ml dell’estratto su vari intervalli di tempo.

I risultati hanno mostrato che l’esposizione all’estratto di semi d’uva provocava un aumento dose-dipendente e dipendente dal tempo nell’apoptosi delle cellule tumorali. Hanno anche scoperto che l’estratto non ha influenzato le cellule normali, ma non sono stati in grado di determinarne il motivo.

“Questo è un composto naturale che sembra avere proprietà relativamente importanti”, ha detto Shi.

Lui e colleghi hanno poi esaminato i meccanismi sottostanti con cui l’estratto di semi d’uva ha provocato il suicidio delle cellule leucemiche. Hanno scoperto che l’estratto ha avuto un forte effetto sull’attivazione di JNK, che ha portato all’up-regulation di Cip / p21 (un inibitore CDK che controlla il ciclo cellulare).

Hanno ricontrollato la loro scoperta dimostrando che l’estratto di semi d’uva non funzionava se usato con un agente che bloccava JNK: questo era un approccio apharmacologico. Utilizzando un approccio genetico, hanno dimostrato che il silenziamento del gene JNK disabilita anche l’apoptosi del totrigger dell’estratto di semi d’uva.

Shi ha dichiarato alla stampa che:

“Questi risultati potrebbero avere implicazioni per l’incorporazione di agenti come l’estratto di semi d’uva nella prevenzione o nel trattamento di neoplasie ematologiche e possibilmente di altri tumori”.

“Quello che tutti cercano è un agente che ha un effetto sulle cellule tumorali ma lascia le cellule normali da solo, e questo dimostra che l’estratto di semi d’uva si adatta a questa categoria”, ha aggiunto.

Shi ha detto che questi risultati non sono sufficienti per giustificare la consulenza a persone che iniziano a mangiare molta uva, semi d’uva o pelle d’uva nella speranza che non evitino il cancro. È troppo presto per dire con certezza che l’estratto di semi d’uva ha questo effetto, anche se i risultati sono promettenti, ha detto.

Uccidere le cellule tumorali in una provetta non equivale a trattare i tumori in soggetti vivi.

Negli Stati Uniti, il cancro ematologico come la leucemia, il linfoma e il mieloma ha causato oltre 118.000 nuovi casi e quasi 54.000 morti nel 2006.

“L’induzione di apoptosi nelle cellule di leucemia umana da parte di semi d’uva si verifica tramite l’attivazione di c-Jun NH2-TerminalKinase.”
Ning Gao, Amit Budhraja, Senping Cheng, Hua Yao, Zhuo Zhang e Xianglin Shi
Clin Cancer Res Vol 15, numero 1, pagine 140-149, pubblicato il 1 ° gennaio 2009
doi: 10.1158 / 1078-0432.CCR-08-1447

Clicca qui per astratto.

Fonti: estratto del Journal, American Association for Cancer Research.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: