Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’herpes virus e l’EBV potrebbero essere affrontati con il farmaco a cuore

Lo spironolattone, comunemente usato in caso di insufficienza cardiaca, ha sorpreso gli scienziati bloccando l’infezione da virus di Epstein-Barr, in una svolta che potrebbe aiutare le persone con un’ampia varietà di condizioni correlate all’herpes.

[herpes virus]

Nel 1996, ha riferito che c’erano oltre 100 virus dell’herpes conosciuti, otto dei quali possono normalmente colpire gli esseri umani.

Herpes simplex virus di tipo 1 (HSV-1) viene trasmesso per bocca e causa herpes labiale. HSV-2 è responsabile per l’herpes genitale, causando vesciche dolorose o ulcere nell’area genitale. HSV-3, o herpes zoster, porta alla varicella e potenzialmente herpes zoster.

HSV-4, detto anche virus di Epstein-Barr (EBV) è responsabile della mononucleosi infettiva, comunemente nota come febbre ghiandolare o “malattia del bacio”, perché si diffonde attraverso la saliva.

EBV è stato anche collegato a una serie di altre condizioni, tra cui il cancro negli esseri umani. Le persone che subiscono un trapianto, o il cui sistema immunitario è già compromesso, sono particolarmente a rischio di EBV.

Secondo gli autori dello studio in corso, l’EBV “infetta la maggior parte degli esseri umani in tutto il mondo”. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) lo chiamano “uno dei virus umani più comuni al mondo”. La maggior parte delle persone, dicono, avrà questo virus, ma spesso non ci sono sintomi.

Opzioni limitate per il trattamento dell’herpes

Esiste solo una classe di farmaci antivirali per il trattamento dei virus dell’herpes, il che significa che non vi è alternativa nei casi di resistenza.

Gli scienziati della Scuola di Medicina dell’Università dello Utah, guidati dal Dr. Sankar Swaminathan, sono alla ricerca di nuovi farmaci per il trattamento delle infezioni virali. Stavano esaminando farmaci che potrebbero essere efficaci contro il virus dell’herpes attraverso un meccanismo diverso rispetto alle terapie attualmente disponibili.

Gli attuali farmaci funzionano impedendo a un virus di replicare il DNA, bloccando così una fase intermedia del ciclo di infezione virale.

Spironolattone (SPR), come i farmaci esistenti, è stato trovato per bloccare un passaggio chiave nell’infezione virale che presenta in tutti i virus dell’herpes, ma un passo diverso rispetto a quello preso di mira dai farmaci attuali. Ha impedito la replicazione del virus nelle cellule bloccando la cosiddetta proteina SM, necessaria per una fase avanzata del ciclo di infezione.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori vedono SPR come un buon candidato per lo sviluppo in una nuova classe di farmaci anti-herpes.

Il Dr. Swaminathan, che è capo delle malattie infettive all’Università dello Utah Health Care e professore di medicina interna, commenta:

“È straordinario che un farmaco che abbiamo usato in modo sicuro nella clinica da oltre 50 anni sia anche un efficace inibitore di EBV, mostrando come la ricerca di base possa rivelare cose che altrimenti non avremmo mai trovato.”

L’SPR viene normalmente usato per trattare l’insufficienza cardiaca attraverso un meccanismo metabolico, ma nell’affrontare l’infezione virale, sembra che ci sia un diverso percorso al lavoro.

Gli autori del presente studio hanno scoperto che un farmaco simile a SPR ha una capacità simile di trattare l’insufficienza cardiaca, ma non influisce sullo sviluppo del virus dell’herpes. Questi risultati suggeriscono che le azioni dello spironolattone sono separabili.

Dal momento che tutti gli herpes virus dipendono da proteine ​​simili alla SM per diffondere l’infezione, i risultati hanno ampie implicazioni.

I ricercatori prevedono che SPR diventi un modello per una nuova classe di farmaci per il trattamento di tutti gli herpesvirus. Ritengono che possa essere modificato per funzionare come antivirale senza effetti avversi e che può essere d’aiuto nella lotta contro le infezioni resistenti ai farmaci.

recentemente riferito che il virus dell’herpes può contribuire al declino cognitivo.

Like this post? Please share to your friends: