Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’herpes zoster può portare a ictus e infarto

L’herpes zoster, noto anche come fuoco di Sant’Antonio, è collegato a un aumento dei tassi di eventi cardiovascolari acuti come ictus ischemico e infarto del miocardio, o infarto, secondo la ricerca pubblicata in.

[herpes zoster]

L’herpes zoster è un virus comune, che colpisce un milione di americani ogni anno, con conseguenze potenzialmente gravi.

Il virus provoca sia la varicella che l’herpes zoster. Dopo la varicella, il virus rimane inattivo o dormiente all’interno del corpo.

Se diventa di nuovo attivo, che può essere dopo molti anni, può causare l’herpes zoster, un rash cutaneo doloroso e vescicante che può essere complicato da un dolore prolungato, grave, invalidante – una condizione chiamata nevralgia post-herpetica (PHN).

L’herpes zoster può apparire a qualsiasi età, ma in particolare nelle persone di età superiore a 60 anni, quelli che hanno avuto la varicella prima dell’età di 1 anno o gli individui con un sistema immunitario indebolito.

Una persona che ha un contatto diretto con l’eruzione di herpes zoster e non ha mai avuto né la varicella né il vaccino può sviluppare la varicella ma non l’herpes zoster. Tuttavia, la varicella può essere così lieve che le persone non se ne accorgono in quel momento; possono successivamente sviluppare l’herpes zoster.

Non è ancora chiaro perché il virus ritorni improvvisamente attivo.

Aumento del rischio cardiovascolare dopo l’herpes zoster

Le malattie cardiovascolari acute (CVD), tra cui ictus ischemico e infarto del miocardio (MI), sono le principali cause di morbilità e mortalità negli Stati Uniti. È necessaria una migliore comprensione di ciò che causa le malattie cardiovascolari acute e come possono essere prevenute.

Fatti veloci su scandole

  • Quasi 1 persona su 3 negli Stati Uniti riceverà un fuoco di Sant’Antonio ad un certo punto
  • Il 20% di questi svilupperà PHN e l’1-4% sarà ospedalizzato
  • Negli Stati Uniti ci sono 96 decessi correlati a scandole all’anno.

Scopri di più sul fuoco di Sant’Antonio

Si ritiene che le infezioni acute portino a malattie cardiovascolari a causa della disfunzione all’interno dei vasi sanguigni, in cui le placche si rompono nella parete dell’arteria, aumentando il rischio di coaguli di sangue.

Nel 2006, un programma di vaccinazione mirata per persone di età pari o superiore a 60 anni è stato introdotto negli Stati Uniti nel tentativo di prevenire la morbilità associata allo zoster.

Caroline Minassian e colleghi della London School of Hygiene e Tropical Medicine nel Regno Unito volevano misurare l’aumento del rischio a breve termine di ictus e infarto miocardico dopo zoster, nonché l’impatto della vaccinazione zoster.

Il team ha identificato 42.954 beneficiari Medicare di età pari o superiore a 65 anni che avevano una diagnosi di herpes zoster e un ictus ischemico e 24.237 beneficiari che avevano avuto una diagnosi di herpes zoster e MI durante un periodo di 5 anni.

I ricercatori hanno quindi calcolato la possibilità di avere ictus o infarto miocardico entro 12 mesi dalla diagnosi di zoster, rispetto ai tempi in cui il paziente non aveva il virus, noto come periodo di riferimento. Hanno anche regolato per età.

Tra quelli con diagnosi di herpes zoster nell’ultimo anno, c’è stata una probabilità 2,4 volte maggiore di un ictus ischemico e 1,7 volte più alta probabilità di infarto miocardico nella prima settimana dopo l’herpes zoster, rispetto al periodo di riferimento. Il rischio diminuiva gradualmente nei 6 mesi successivi alla diagnosi di herpes zoster.

L’ictus ischemico e il rapporto di incidenza MI sembravano gli stessi indipendentemente dal fatto che gli individui fossero stati vaccinati contro lo zoster o meno.

Le limitazioni includono il fatto che i principali eventi della vita e lo stress non sono stati presi in considerazione, e che solo pochi partecipanti sono stati vaccinati, riducendo così la capacità di rilevare l’effetto della vaccinazione.

Gli autori dicono:

“Questi risultati migliorano la nostra comprensione della temporalità e magnitudine dell’associazione tra gli eventi cardiovascolari zoster e acuta”.

Un precedente studio pubblicato suggerisce che un più alto tasso di ictus è legato al fuoco di Sant’Antonio.

Like this post? Please share to your friends: