Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’ibuprofene potrebbe fermare l’Alzheimer, affermano i ricercatori

Potresti aver assunto l’ibuprofene oggi, per alleviare il mal di testa o alleviare il mal di schiena. Ma ci potrebbe essere più di questo farmaco comune che sollievo dal dolore; un nuovo documento suggerisce che una dose giornaliera di ibuprofene potrebbe prevenire la malattia di Alzheimer.

una donna che prende l'ibuprofene

Guidato dal Dr. Patrick McGeer, che è il CEO di Aurin Biotech in Canada, lo studio descrive come l’ibuprofene potrebbe ridurre l’infiammazione causata da un peptide correlato all’Alzheimer.

Il documento è stato recentemente pubblicato nel.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Si stima che circa 5,7 milioni di adulti negli Stati Uniti vivano con la malattia.

Si prevede che questo numero salirà a quasi 14 milioni entro il 2050.

La ricerca continua per le cause esatte dell’Alzheimer, ma si ritiene che una proteina appiccicosa chiamata beta-amiloide abbia un ruolo nella malattia.

La beta-amiloide può aggregarsi e formare “placche” nel cervello. Queste placche interferiranno con la comunicazione delle cellule cerebrali, che può portare a perdita di memoria, cambiamenti comportamentali e molti altri sintomi caratteristici della malattia di Alzheimer.

In uno studio pubblicato l’anno scorso, il Dr. McGeer e colleghi hanno rivelato che un peptide beta-amiloide – noto come beta-amiloide 42 (Abeta 42) – è presente nella saliva, così come nel cervello, e che i livelli di questo peptide sono più alti negli adulti che sono a maggior rischio di Alzheimer.

Sulla base di questi risultati, il team suggerisce che un test della saliva potrebbe essere usato per prevedere il rischio della malattia di Alzheimer anni prima che insorgessero i sintomi.

“Quello che abbiamo imparato attraverso la nostra ricerca”, riferisce il Dr. McGeer, “è che le persone che sono a rischio di sviluppare l’Alzheimer mostrano gli stessi livelli elevati di Abeta 42 delle persone che già lo possiedono, inoltre esibiscono quei livelli elevati in tutto il loro vita quindi, teoricamente, potrebbero essere testati in qualsiasi momento. “

Una “vera svolta”?

Nel loro studio, i ricercatori affermano che l’ibuprofene – un farmaco antinfiammatorio non steroideo ampiamente usato (NSAID) – potrebbe prevenire lo sviluppo dell’Alzheimer in persone con alti livelli di Abeta 42.

Il dott. McGeer e la squadra indicano ricerche precedenti che hanno condotto, in cui hanno suggerito che l’Abeta 42 innesca una risposta infiammatoria.

Questa risposta potrebbe essere ridotta dall’ibuprofene e altri FANS, affermano i ricercatori, che potrebbero fermare l’Alzheimer nelle sue tracce.

Il team afferma che l’identificazione del rischio di Alzheimer attraverso un test della saliva offrirebbe alle persone l’opportunità di prevenire lo sviluppo dell’Alzheimer attraverso una dose giornaliera di ibuprofene.

“Sapendo che la prevalenza della malattia di Alzheimer inizia a 65 anni”, spiega il Dr. McGeer, “raccomandiamo che le persone vengano sottoposte a test 10 anni prima, a 55 anni, quando l’insorgenza del morbo di Alzheimer di solito iniziava”.

“Se esibiscono livelli elevati di Abeta 42, allora è il momento di iniziare a prendere ibuprofene al giorno per scongiurare la malattia”.

Dr. Patrick McGeer

Egli saluta il test della saliva come una “vera svolta” perché “indica una direzione in cui [la malattia di Alzheimer] può essere eliminata”. Tuttavia, le affermazioni del Dr. McGeer sono state accolte con alcune critiche.

Raccomandazione giornaliera di ibuprofene ‘prematura’

Il dott. Doug Brown, responsabile della politica e della ricerca presso l’Alzheimer’s Society nel Regno Unito, ritiene che sia troppo presto per raccomandare l’ibuprofene quotidiano per la prevenzione dell’Alzheimer.

“Gli studi sulla popolazione”, afferma, “che raccolgono grandi quantità di informazioni da cartelle cliniche di migliaia di persone, hanno sollevato l’idea che l’assunzione di ibuprofene e di altri antinfiammatori da banco potrebbe essere collegata a un minor rischio di demenza “.

“Ma i risultati degli studi clinici con questi farmaci sono stati finora deludenti.”

“Il suggerimento dei ricercatori in questo articolo che l’assunzione di un farmaco antinfiammatorio giornaliero non appena un risultato positivo per il rischio di demenza è dimostrato da un test della saliva è prematuro”, aggiunge il dott. Brown, “sulla base delle prove al momento.”

Prende inoltre nota dei rischi di uso a lungo termine di FANS, tra cui sanguinamento intestinale e ulcere gastriche. I FANS possono anche interagire con altri farmaci, come il warfarin, e produrre effetti dannosi.

“Raccomandiamo sempre di parlare con il medico prima di cambiare i farmaci”, afferma il dott. Brown.

Like this post? Please share to your friends: