Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’immunoterapia annuncia la “nuova era” per il trattamento del cancro

Una “nuova era” per il trattamento del cancro è alle porte, secondo gli esperti. Due nuovi studi pubblicati forniscono ulteriori prove che l’immunoterapia – l’uso di farmaci per stimolare la risposta immunitaria – è altamente efficace contro la malattia.

Cellule cancerogene

Presentato di recente alla riunione annuale dell’American Society for Clinical Oncology del 2015, uno studio ha rivelato che una combinazione farmacologica di ipilimumab e nivolumab (un farmaco immunitario) ha ridotto le dimensioni del tumore in quasi il 60% degli individui con melanoma avanzato – la forma più letale di cancro della pelle – rispetto a ipilimumab da solo, mentre un altro studio ha rilevato che nivolumab ha ridotto il rischio di morte per cancro del polmone di oltre il 40%.

Nivolumab è un farmaco già approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento del melanoma metastatico in pazienti che non hanno risposto a ipilimumab o ad altri farmaci. E ‘anche approvato per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) che ha metastatizzato durante o dopo la chemioterapia.

Secondo gli esperti di cancro, tuttavia, i risultati di questi ultimi studi indicano che nivolumab e altri farmaci per la terapia immunitaria potrebbero un giorno diventare un trattamento standard per il cancro, sostituendo la chemioterapia.

Il Prof. Roy Herbst, capo dell’oncologia medica presso il Yale Cancer Center di New Haven, CT, ritiene che ciò potrebbe accadere nei prossimi 5 anni. “Penso che stiamo assistendo a un cambio di paradigma nel modo in cui viene trattato l’oncologia”, ha detto. “Il potenziale per la sopravvivenza a lungo termine, una cura efficace, è sicuramente lì.”

Nivolumab più ipilimumab ha ridotto le dimensioni del tumore di almeno un terzo per quasi 1 anno

Nivolumab appartiene a una classe di farmaci noti come “inibitori del checkpoint”. Funziona bloccando l’attivazione di PD-L1 e PD-1 – proteine ​​che aiutano le cellule tumorali a nascondersi dalle cellule immunitarie, evitando l’attacco.

In uno studio di fase 3, il Dr. Rene Gonzalez, del Cancer Center dell’Università del Colorado, e colleghi hanno testato l’efficacia di nivolumab combinato con ipilimumab – un farmaco che stimola le cellule immunitarie a combattere il cancro – o ipilimumab da solo in 945 pazienti con melanoma avanzato (stadio III o stadio IV) che non avevano ricevuto alcun trattamento preventivo.

Mentre il 19% dei pazienti trattati con ipilimumab da solo ha avuto una riduzione della dimensione del tumore per un periodo di 2,5 mesi, i tumori del 58% dei pazienti che hanno ricevuto nivolumab più ipilimumab sono diminuiti di almeno un terzo per quasi un anno.

Commentando queste scoperte, il co-leader Dr. James Larkin, del Royal Marsden Hospital nel Regno Unito, ha detto:

“Somministrando questi farmaci si stanno effettivamente prendendo due freni dal sistema immunitario piuttosto che da uno, quindi il sistema immunitario è in grado di riconoscere i tumori che in precedenza non riconosceva e reagiva e li distruggeva.

Per le immunoterapie, non abbiamo mai visto tassi di restringimento del tumore oltre il 50%, quindi è molto significativo da vedere. Questa è una modalità di trattamento che penso avrà un grande futuro per il trattamento del cancro “.

Dr. Gonzalez e colleghi hanno anche dimostrato l’efficacia di un altro farmaco immunitario chiamato pembrolizumab in pazienti con melanoma avanzato.

Mentre il 16% dei 179 pazienti trattati con chemioterapia da solo non ha registrato progressione della malattia dopo 6 mesi, il team ha riscontrato che la progressione della malattia è stata interrotta per il 36% di 361 pazienti trattati con pembrolizumab dopo 6 mesi.

Dr. Gonzalez osserva che mentre una combinazione di nivolumab e ipilimumab mostra una maggiore efficacia contro il melanoma avanzato rispetto a pembrolizumab, presenta anche una maggiore tossicità. Circa il 55% dei pazienti trattati con nivolumab più ipilimumab ha avuto gravi effetti collaterali, come affaticamento e colite, con circa il 36% di questi pazienti che ha interrotto il trattamento.

Il dott. Gonzalez sostiene che tale trattamento può essere migliore per i pazienti il ​​cui tumore non comporta sovraespressione della proteina PD-L1.

“Forse i pazienti con PDL1-negativi trarranno maggior beneficio dalla combinazione, mentre i pazienti con PDL1-positivi potrebbero usare un farmaco che bersaglia quella proteina con uguale efficacia e minore tossicità”, aggiunge. “Nel melanoma metastatico, tutti i pazienti e non solo quelli che sono PD-L1-positivi possono trarre beneficio da pembrolizumab.”

Nivolumab ha quasi raddoppiato la sopravvivenza dei pazienti da NSCLC

In un altro studio, la dottoressa Julie Brahmer, direttore del Thoracic Oncology Program presso il Johns Hopkins Kimmel Cancer Center, e colleghi hanno testato l’efficacia di nivolumab rispetto alla chemioterapia standard con il farmaco docetaxel tra 260 pazienti con NSCLC.

Tutti i pazienti erano stati precedentemente trattati per la malattia, ma il cancro era tornato e si era diffuso.

Il team ha scoperto che i pazienti che hanno ricevuto nivolumab avevano una sopravvivenza globale più lunga rispetto a quelli trattati con chemioterapia standard, a 9,2 mesi contro 6 mesi.

A 1 anno dopo il trattamento, i ricercatori hanno scoperto che nivolumab ha quasi raddoppiato la sopravvivenza dei pazienti. Circa il 42% dei pazienti che hanno ricevuto nivolumab era vivo dopo 1 anno, rispetto al solo 24% dei pazienti sottoposti a chemioterapia.

I risultati dello studio hanno anche dimostrato un periodo più lungo di progressione della malattia bloccata per i pazienti trattati con nivolumab rispetto a quelli sottoposti a chemioterapia, a 3,5 mesi rispetto a 2,8 mesi.

Complessivamente, i ricercatori hanno stimato che, rispetto ai pazienti sottoposti a chemioterapia, quelli che hanno ricevuto nivolumab presentavano un rischio inferiore al 41% di morte per NSCLC.

Commentando questi risultati, la dott.ssa Brahmer dice:

“Questo consolida l’immunoterapia come opzione terapeutica per il cancro del polmone: nei 20 anni in cui sono stato in pratica, considero questo un importante traguardo”.

Mentre entrambi gli studi mostrano la promessa per l’uso dell’immunoterapia nel trattamento del cancro, gli esperti osservano che tale trattamento sarebbe costoso.L’uso di nivolumab più ipilimumab per il trattamento del melanoma avanzato, ad esempio, costerebbe almeno $ 200.000 per paziente.

Come tale, i ricercatori dicono che è importante che la ricerca futura determini quali pazienti oncologici potrebbero trarre maggiori benefici dall’immunoterapia.

recentemente riportato su uno studio condotto da ricercatori del Cancer Research UK, che rivela una classe di farmaci chiamati inibitori AKT può aumentare l’effetto della radioterapia contro vari tumori, tra cui mammella, reni, melanoma e tumori cerebrali.

Like this post? Please share to your friends: