Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’isterectomia inclusa la rimozione dell’ovaio riduce il rischio di cancro alle ovaie – non aumenta altri rischi

Una donna che ha un’isterectomia che include la rimozione delle ovaie ha un rischio ridotto di sviluppare il cancro ovarico, e nessun rischio maggiore di sviluppare altri tipi di cancro, malattie cardiache o fratture dell’anca, i ricercatori dell’Università della California a San Francisco hanno rivelato in la rivista Archives of Internal Medicine.

La dottoressa Vanessa Jacoby e il team hanno raccolto dati dalla WHI (Women’s Health Initiative), che comprendeva oltre 25.000 donne in postmenopausa di età compresa tra 50 e 70 anni – tutte sottoposte a isterectomia e nessuna di loro aveva una storia familiare di cancro ovarico. Circa il 56% di loro ha anche rimosso le ovaie. Il 79% aveva ricevuto una qualche forma di terapia ormonale sostitutiva (terapia ormonale sostitutiva). Le donne sono state seguite per una media di 7 – 8 anni per scoprire quante malattie cardiache sviluppate, frattura dell’anca o cancro ovarico.

Hanno scoperto che il cancro dell’ovaio si sviluppava in 1 su 300 donne che avevano appena avuto un’isterectomia, rispetto a 1 su 5.000 che aveva rimosso anche le ovaie.

Entrambi i gruppi di donne – quelli con solo isterectomia e quelli con isterectomia più rimozione dell’ovaio avevano tassi di frattura dell’anca e di cardiopatie simili – 8 su 1.000 ogni anno.

Un’isterectomia è la rimozione chirurgica dell’utero – a volte può includere la cervice. Quando vengono rimossi sia l’utero che la cervice, la procedura viene chiamata isterectomia totale. La rimozione del solo corpo dell’utero senza rimuovere la cervice è nota come isterectomia subtotale. Una ovariectomia o ovariectomia è la rimozione chirurgica di una o entrambe le ovaie.

Le loro scoperte andarono contro lo studio sulla salute degli infermieri, che sembrava trovare un’associazione tra ovariectomia e un rischio più elevato di decessi per cancro, malattie cardiache e mortalità in generale.

Sebbene lo studio sulla salute degli infermieri fosse anche ampio e avesse un periodo di follow-up più lungo, copriva solo le donne di età compresa tra i 51 ei 63 anni.

Dr. Vanessa Jacoby ha detto:

“Ciò che il nostro studio sottolinea è che è molto poco chiaro perché c’è questo equivoco mix di dati: non c’è davvero una risposta giusta su cosa fare per rimuovere o mantenere le ovaie durante un’isterectomia, ma sicuramente c’è ancora molto lavoro da fare”.
Negli Stati Uniti, circa 600.000 isterectomie vengono eseguite ogni anno. Sono comunemente eseguiti su donne che non hanno ancora raggiunto la menopausa ma che hanno gravi emorragie o fastidiosi tumori benigni che crescono nell’utero. I pazienti di almeno 40 anni di solito vengono anche sottoposti a ovariectomia per proteggersi dal cancro ovarico. Il cancro ovarico colpisce solo circa l’1,4% delle femmine, tuttavia ha un tasso di mortalità molto alto.

Quando la terapia ormonale sostitutiva è diventata meno popolare per il trattamento dei sintomi della menopausa, la rimozione delle ovaie da donne senza storia familiare di cancro ovarico è diventata un argomento controverso. La TOS è stata collegata a un più alto rischio di ictus, malattie cardiache e cancro nel processo di Women’s Health Initiative.

Jacoby ha sottolineato che il loro studio non ha nulla a che fare con l’uso della terapia ormonale.

I ricercatori hanno affermato che la loro scoperta suggerisce che l’esecuzione di una ovariectomia non aumenta il rischio di sviluppare malattie e condizioni specifiche.

Le donne in postmenopausa che hanno rimosso le ovaie non hanno livelli ormonali significativamente diversi rispetto a quelli che mantengono le loro ovaie – la differenza di livello ormonale non è sufficiente per avere un impatto sulla loro salute a lungo termine, spiegano gli autori.

Gli autori hanno aggiunto che le donne che subiscono un’isterectomia e mantengono le loro ovaie hanno un rischio di cancro ovarico inferiore rispetto alle donne che non hanno mai un’isterectomia.

Sebbene le donne di questo ultimo studio che avevano le loro ovaie rimosse non presentassero un rischio maggiore di sviluppare ictus, infarto o coaguli di sangue polmonare, avevano un rischio moderatamente più alto di ipertensione successiva (pressione alta) e angina.

“Ooforectomia vs conservazione ovarica con isterectomia – malattia cardiovascolare, frattura dell’anca e cancro nello studio osservazionale dell’iniziativa per la salute delle donne”
Vanessa L. Jacoby, MD, MAS; Deborah Grady, MD, MPH; Jean Wactawski-Wende, PhD; JoAnn E. Manson, MD, DrPH; Matthew A. Allison, MD, MPH; Miriam Kuppermann, PhD, MPH; Gloria E. Sarto, MD, PhD; John Robbins, MD, MSH; Lawrence Phillips, MD; Lisa W. Martin, MD; Mary Jo O’Sullivan, MD; Rebecca Jackson, MD; Rebecca J. Rodabough, MS; Marcia L. Stefanick, PhD
Arch Intern Med. 2011; 171 (8): 760-768. doi: 10.1001 / archinternmed.2011.121

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: