Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’obesità è ora una malattia, decide l’Associazione Medica Americana

L’obesità è stata ufficialmente riconosciuta come una malattia dall’American Medical Association, un’azione che potrebbe mettere maggiormente l’accento sulla condizione di salute dei medici e delle compagnie assicurative al fine di minimizzarne gli effetti.

La nuova decisione è stata presa in occasione della riunione annuale dell’AMA di martedì da parte dei delegati a Chicago, e si è scagliata contro una raccomandazione di una commissione che aveva studiato l’argomento.

Il Dr. Patrice Harris, membro del consiglio di amministrazione dell’associazione, ha commentato in una dichiarazione: “Riconoscere l’obesità come una malattia aiuterà a cambiare il modo in cui la comunità medica affronta questo complesso problema che riguarda circa un americano su tre”.

Il cambiamento aiuterà la lotta contro le malattie legate all’obesità come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache e potrebbe migliorare i finanziamenti per i farmaci per l’obesità, la chirurgia e la consulenza.

L’obesità dovrebbe essere etichettata come una malattia è stata storicamente dibattuta. Nel 2008, la Società per l’obesità ha annunciato ufficialmente il proprio sostegno per chiamare l’obesità come una malattia.

Nel 2004, Medicare ha rimosso la formulazione dal suo manuale di copertura che in precedenza ha detto che l’obesità non era una malattia, e l’Internal Revenue Service ha detto che i trattamenti per l’obesità possono contare per detrazioni fiscali.

L’attuale voto della Camera dei delegati dell’AMA ha contrapposto le conclusioni del Consiglio dell’associazione per la scienza e la salute pubblica, che aveva esaminato l’argomento nel corso dell’ultimo anno.

Il consiglio ha dichiarato che l’obesità non dovrebbe essere classificata come malattia perché la misura utilizzata per classificare l’obesità (indice di massa corporea, indice di massa corporea) è errata. Studi separati suggeriscono che il BMI non misura il contenuto complessivo di grasso o tessuto magra (muscolo).

Molte persone che hanno un BMI superiore al livello considerato obeso sono in buona salute, mentre altre sotto possono avere problemi metabolici e livelli di grasso corporeo pericolosi.

Il consiglio ha detto:

“Considerati i limiti esistenti di B.M.I. per diagnosticare l’obesità nella pratica clinica, non è chiaro che il riconoscimento dell’obesità come malattia, in contrapposizione a una” condizione “o un” disturbo “, si tradurrà in migliori risultati di salute”.
Una ragione per cui l’AMA ha deciso a favore dell’obesità come malattia è che diminuirà lo stigma dell’obesità che deriva dal pensiero diffuso che sia solo il risultato di un eccesso di alimentazione e di un’attività fisica insufficiente. I medici dicono che alcune persone non hanno il controllo completo del loro peso.

Inoltre, il Consiglio riconosce che l’obesità si adatta ad alcuni criteri medici di una malattia, come il deterioramento della funzione corporea.

Coloro che non erano d’accordo con il cambio di classificazione citavano che rendere l’obesità una malattia categorizza un terzo degli americani come malati e può portare a più farmaci e interventi chirurgici che sono costosi, invece di cambiamenti nello stile di vita.

I delegati hanno rifiutato la conclusione del consiglio di studio e hanno votato a favore della risoluzione che è stata sostenuta anche dall’American College of Cardiology e dall’American Association of Clinical Endocrinologists.

La risoluzione diceva:

“Il suggerimento che l’obesità non è una malattia ma piuttosto una conseguenza di uno stile di vita scelto esemplificato dalla sovralimentazione e / o dall’inattività equivale a suggerire che il cancro al polmone non è una malattia perché è stato determinato dalla scelta individuale di fumare sigarette”.
Secondo un rapporto di Robert Wood Johnson Foundation e Trust for America’s Health pubblicato ad agosto, i tassi di obesità in America sono rimasti stabili per la prima volta dal 1980.

Scritto da Kelly Fitzgerald

Like this post? Please share to your friends: