Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’obesità infantile è ancora in aumento

Uno studio pubblicato sulla rivista porta notizie cupe sul peso della nazione. Nonostante le pulsioni educative e i messaggi sulla salute pubblica, l’obesità infantile in America non mostra segni di rallentamento.

[Bambino sovrappeso con stetoscopio]

Attualmente, più di 1 americano su 3 è classificato come obeso.

Nonostante il fatto che le implicazioni sulla salute dell’obesità siano ben conosciute dalla popolazione, il juggernaut continua senza sosta.

L’immagine per i giovani non è molto migliore; negli ultimi 30 anni, il tasso di obesità infantile è raddoppiato e l’obesità adolescenziale è quadruplicata.

A partire dal 2012, quasi il 18 per cento dei bambini tra 6 e 11 anni era obeso. Le basi dietro l’obesità sono semplici da comprendere: troppe calorie entrano nel corpo e non abbastanza vengono bruciate.

Tuttavia, cambiare le abitudini alimentari di una nazione è un processo lento.

Un recente studio, condotto presso l’Università della Carolina del Nord a Chapel Hill e Wake Forest University, porta più dettagli sullo stato dell’obesità infantile e, sfortunatamente, non dipinge una buona immagine.

Obesità infantile in America

“Nonostante alcuni altri recenti rapporti, non abbiamo trovato alcuna indicazione di un calo della prevalenza dell’obesità negli Stati Uniti in qualsiasi gruppo di bambini di età compresa tra 2 e 19”, afferma Asheley Skinner, PhD, che ha guidato il team di ricercatori.

I risultati non sono limitati solo a quei bambini nella fascia più bassa della scala dell’obesità, Skinner continua: “Questo è particolarmente vero con l’obesità grave, che rimane elevata, specialmente tra gli adolescenti”.

Skinner e il suo team hanno perlustrato i dati del National Health and Nutritional Examination Survey (NHANES), un progetto in corso che contiene decenni di dati in un ampio spettro di case americane.

I dati hanno mostrato che per i bambini tra 2 e 9 anni, tra il 2013-2014, il 33,4 per cento era in sovrappeso; di quei bambini, il 17,4 percento era classificato come obeso. Queste cifre non erano significativamente diverse dal calendario temporale 2011-2012. Più preoccupante, se preso nel suo insieme, vi è un aumento chiaro e statisticamente significativo dal 1999-2014.

Skinner dice: “Il più sconfortante è l’aumento dell’obesità grave”. È la categoria di obesità grave che mostra l’aumento più pronunciato della prevalenza.

Un indice di massa corporea (BMI) di almeno 35 è definito come obesità di classe 2; la classe 3 è un BMI di 40 o più. Nel periodo 2011-2012, rispetto al 2013-2014, l’obesità di classe 2 è aumentata dal 5,9% al 6,3% e la classe 3 è passata dal 2,1% al 2,4%.

Questi bambini obesi affrontano problemi di salute ora, e questi peggioreranno solo col passare del tempo, a meno che qualcosa di drastico non cambi il loro comportamento. Skinner dice:

“Si stima che 4,5 milioni di bambini e adolescenti abbiano un’obesità grave e richiederanno nuovi e intensi sforzi per indirizzarli verso un percorso più sano.

Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che l’obesità durante l’infanzia è associata a una salute peggiore e ad una vita più breve degli adulti. “

Obesità infantile in futuro

La dott.ssa Sarah Armstrong, pediatra e direttrice del programma Duke Healthy Lifestyles, non è stata coinvolta nella ricerca ma conferma che i risultati si allineano con le sue esperienze in prima linea.

Sebbene riconosca che le persone sono consapevoli delle implicazioni per la salute dell’obesità e che sono stati compiuti progressi nell’affrontare i problemi, è difficile ottenere un cambiamento delle abitudini di una vita. Lei dice:

“Questo studio mette in evidenza che potremmo aver bisogno di essere più dirompenti nel nostro modo di pensare a come cambiamo l’ambiente intorno ai bambini se vogliamo davvero vedere quella mossa statistica su scala nazionale”.

Skinner nota che i dati NHANES hanno alcune limitazioni, ma anche che il database è molto più ampio di altri studi precedenti, alcuni dei quali hanno riportato un calo o una stagnazione nei tassi di obesità.

Piuttosto che persone scoraggianti, Skinner spera che i risultati possano ispirare il cambiamento. “Questo è davvero un problema di salute della popolazione che richiederà cambiamenti trasversali – politica alimentare, accesso all’assistenza sanitaria, curricula scolastici che includono educazione fisica, risorse locali e della comunità nei parchi e nei marciapiedi.Molte cose messe insieme possono funzionare”, lei dice.

L’obesità non è certamente un problema che scivolerà facilmente, e più informazioni si ottengono sulla dimensione del problema, più facilmente i funzionari della sanità pubblica possono decidere come gestirlo.

ricerche recentemente coperte che dimostrano che i pasti per bambini sono ancora troppo ricchi di grassi e sodio.

Like this post? Please share to your friends: