Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’olfatto più fine delle donne potrebbe essere dovuto a più cellule cerebrali

Una nuova ricerca mostra che le donne hanno più cellule nel bulbo olfattivo – l’area del cervello dedicata all’olfatto – rispetto agli uomini. Theauthors dello studio – pubblicato in – suggeriscono che questo potrebbe spiegare perché le donne sono segnalate per avere un migliore senso dell’olfatto thanmen.

donna che sente l'odore del fiore

Lo studio è stato condotto da un team dell’Università Federale di Rio de Janeiro in Brasile, dove un altro gruppo di ricercatori ha sviluppato il “frazionatore isotropico”, un metodo rapido e affidabile per misurare il numero di cellule in una determinata regione del cervello, come il bulbo olfattivo .

Il bulbo olfattivo è la prima regione del cervello a ricevere segnali sugli odori rilevati dalle narici. La capacità di discriminare traodori e profumi varia ampiamente tra gli individui. Inoltre, gli studi mostrano differenze tra uomini e donne, con donne che sovraperformano gli uomini in molti tipi di test sensoriali.

Ci sono teorie sul fatto che le differenze di sesso nell’olfatto sono dovute a cognitiv e influenze emotive piuttosto che a capacità percettive.

Precedenti studi che hanno cercato spiegazioni biologiche per l’apparente senso dell’olfatto apparentemente superiore alle donne hanno utilizzato le scansioni cerebrali per cercare differenze strutturali e di volume. Questi hanno portato a risultati misti e molte domande lasciate senza risposta.

Così Roberto Lent, professore all’Istituto di scienze biomediche dell’Università Federale di Rio, e colleghi hanno deciso di misurare più direttamente la valutazione biologica – contando il numero di cellule presenti nelle lampadine olfattive delle donne e degli uomini.

A tal fine hanno esaminato cervelli post-mortem da sette uomini e 11 donne che erano tutti sani e di età superiore ai 55 anni quando sono morti. Nessuno dei soggetti aveva lavorato in lavori che richiedevano loro un senso eccezionale di odori come la cucina o la degustazione di caffè.

Studio ha scoperto che il cervello delle donne ha fino al 50% in più di neuroni olfattivi

Usando il frazionatore isotropico, il team ha calcolato il numero di cellule nei bulbi olfattivi di questi individui e ha scoperto che, in condizioni normali, le donne avevano il 43% in più di cellule in questa regione del cervello rispetto agli uomini. Quando includevano solo neuroni nel conteggio – cioè tralasciando altre celle come cellule gliali o strutturali – questa cifra è salita quasi al 50%.

diagramma a bulbo olfattivo

Gli autori riconoscono che il solo fatto di trovare questa differenza non è sufficiente a dimostrare che le donne hanno un senso dell’olfatto superiore – non è nemmeno abbastanza da spiegare i risultati di studi precedenti sulle differenze di capacità todifferentiate, identificare e ricordare profumi e odori. Tuttavia, il Prof. Lentsuggests:

“In generale, cervelli più grandi con un numero maggiore di neuroni correlati alla complessità funzionale fornita da questi cervelli, ha quindi senso pensare che più neuroni nelle lampadine olfattive femminili fornirebbero donne con maggiore sensibilità olfattiva”.

Dal momento che il cervello non accumula molte più cellule man mano che cresciamo, sembrerebbe che le donne siano dotate di queste cellule olfattive extra dal giorno in cui nascono.

Ci sono ancora molte domande da esplorare, incluso il motivo per cui le donne dovrebbero avere questa capacità intrecciata nel loro cervello, e quale meccanismo produce questa maggiore quantità di cellule olfattive nel cervello femminile.

Una teoria è che un senso dell’olfatto superiore aiuta mamma e figlio a nutrirsi dopo la nascita; un altro è anche influenza la selezione delle femmine di compagni potenziali.

Nell’ottobre 2012, un altro studio dell’Università della Pennsylvania che ha suggerito di perdere l’olfatto potrebbe essere un sintomo precoce del morbo di Parkinson o di Alzheimer o di un altro neurodegenerato.

Like this post? Please share to your friends: