Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’olio di canola potrebbe peggiorare la memoria

L’olio di canola viene regolarmente promosso come grasso da cucina salutare. Un nuovo studio, tuttavia, suggerisce che potrebbe essere più dannoso che utile, in particolare per il cervello.

olio di canola

Studiando modelli murini del morbo di Alzheimer, i ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di olio di canola ha esacerbato i problemi di memoria per 6 mesi, e ha anche portato ad un aumento di peso.

Il dottor Domenico Praticò, ricercatore senior dello studio della Lewis Katz School of Medicine della Temple University di Philadelphia, Pennsylvania, e colleghi hanno recentemente riportato i loro risultati sulla rivista.

L’olio di canola è un tipo di olio vegetale che proviene dalla colza o, che è una pianta a fioritura gialla appartenente alla famiglia dei cavoli.

La prima forma di olio di colza commercialmente consumabile è stata sviluppata dai ricercatori canadesi negli anni ’70. A differenza di alcune forme di olio di colza, l’olio di canola è a basso contenuto di acido erucico, un acido grasso omega-9 che alcune ricerche hanno collegato a problemi cardiovascolari e cancro.

L’olio di colza è anche povero di grassi saturi e ricco di grassi polinsaturi, che possono abbassare il colesterolo e proteggere il cuore.

Infatti, gli studi affermano che l’olio di canola “può ora essere considerato uno degli oli vegetali commestibili più salutari in termini di funzioni biologiche e capacità di aiutare a ridurre i fattori di rischio correlati alla malattia e migliorare la salute”.

Con tali rapporti incandescente, non c’è da meravigliarsi che l’olio di canola è diventato uno degli oli più comunemente consumati negli Stati Uniti.

“L’olio di canola è attraente perché è meno costoso di altri oli vegetali, ed è pubblicizzato come sano”, osserva il dott. Praticò. “Pochissimi studi, tuttavia, hanno esaminato tale affermazione, soprattutto in termini di cervello.”

Olio di canola e Alzheimer

Per il loro studio, il dott. Praticò ei suoi colleghi hanno cercato di scoprire di più su come l’olio di canola influisce sulla salute del cervello. Più specificamente, usando modelli di topo di 6 mesi, hanno osservato come l’olio vegetale influenza la patologia del morbo di Alzheimer.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza ed è caratterizzata da problemi di apprendimento e memoria.

Mentre le precise cause del morbo di Alzheimer rimangono un mistero, si ritiene che gli ammassi di proteina beta-amiloide, o “placche”, svolgano un ruolo nella malattia.

I ricercatori hanno voluto scoprire in che modo una dieta ricca di olio di canola influenza la formazione di placche di beta-amiloide, così come influenza l’apprendimento e la memoria.

La squadra ha diviso i suoi modelli murini di Alzheimer in due gruppi. Un gruppo è stato alimentato con una dieta ricca di colza, che ha incorporato l’equivalente umano di due cucchiaini di olio di colza al giorno, e l’altro gruppo è stato alimentato con una dieta normale. Entrambi i gruppi sono stati monitorati per 6 mesi.

All’età di 1 anno, entrambi i gruppi di topi hanno completato un test di labirinto, che ha valutato le loro capacità di apprendimento e memoria.

L’olio di canola ha aumentato la formazione della placca

Rispetto ai topi nutriti con una dieta normale, i ricercatori hanno scoperto che i topi nutriti con una dieta ricca di olio di colza hanno avuto un aumento di peso e una memoria di lavoro significativamente peggiore.

È interessante notare che i roditori alimentati con olio di canola hanno mostrato riduzioni in una forma di beta-amiloide chiamata 1-40, che è stata associata ad un aumento della formazione di placche beta-amiloidi e danni alle sinapsi, le strutture responsabili della comunicazione tra cellule cerebrali.

I ricercatori osservano che la riduzione della beta-amiloide 1-40 porta ad una maggiore abbondanza di beta-amiloide 1-42.

“L’beta-amiloide 1-40 neutralizza le azioni dell’amiloide 1-42, il che significa che una diminuzione di 1-40, come quella osservata nel nostro studio, lascia 1-42 non controllata”, spiega il dott. Praticò. “Nel nostro modello, questo cambiamento nel rapporto ha comportato un considerevole danno neuronale, diminuzione dei contatti neurali e deterioramento della memoria”.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori ipotizzano che il consumo a lungo termine di olio di canola non possa offrire alcun beneficio per la salute del cervello e potrebbe effettivamente essere dannoso.

“Anche se l’olio di canola è un olio vegetale, dobbiamo stare attenti prima di affermare che è salutare, basandoci sulle prove di questo studio, l’olio di canola non dovrebbe essere considerato equivalente agli oli con comprovati benefici per la salute”.

Dott. Domenico Praticò

I ricercatori ora progettano di condurre uno studio più breve con l’obiettivo di individuare il periodo di tempo in cui l’olio di canola deve essere consumato al fine di influenzare la beta amiloide.

Il team vuole anche indagare se gli effetti cerebrali dell’olio di canola siano limitati o meno al morbo di Alzheimer.

“C’è una possibilità”, aggiunge il dott. Praticò, “che il consumo di olio di colza possa anche influenzare l’insorgenza e il decorso di altre malattie neurodegenerative o di altre forme di demenza”.

Like this post? Please share to your friends: