Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’olio di cocco è un lassativo?

I benefici dell’olio di cocco sono stati oggetto di accesi dibattiti. Le prove scientifiche hanno faticato a sostenere l’hype dei prodotti per la salute dell’olio di cocco, nonostante l’approvazione dei fan dei superfood.

Alcuni sostenitori affermano che l’olio di cocco è una cura per la stitichezza. Quindi, quali sono queste affermazioni e le prove le supportano?

L’olio di cocco allevia la stitichezza?

Alcuni ipotizzano che la noce di cocco abbia successo nell’alleviare costipazione perché contiene un’abbondanza di acidi grassi a catena media (MCFA).

Si pensa che gli MCFA stimolino i movimenti intestinali e aiutino ad ammorbidire le feci.

MCFAs

Olio di cocco per la stitichezza

Gli MCFA si trovano in trigliceridi a catena media (MCT), che sono anche una forma di acidi grassi che hanno una serie di benefici per la salute.

Uno studio del 2003 su come gli MCT nell’olio di cocco hanno avuto un impatto sull’obesità costituisce la base per la maggior parte delle attuali affermazioni sui benefici dell’olio di cocco.

Lo studio ha suggerito che gli MCT possono essere utili per prevenire l’obesità o per stimolare la perdita di peso. Tuttavia, lo studio non ha raggiunto conclusioni sul modo in cui gli MCT potrebbero influire sulla stitichezza.

L’uso dei dati dello studio nelle attuali dichiarazioni per l’olio di cocco è controverso. Uno dei motivi è che lo studio utilizzava olio che conteneva MCT al 100%, piuttosto che olio di cocco, che a quanto si dice contiene solo il 13-15% di MCT.

Persino il medico che ha guidato lo studio ha espresso preoccupazione per il fatto che i dati vengano utilizzati in modo scorretto dai venditori di olio di cocco, secondo un articolo pubblicato su un giornale nel Regno Unito.

L’olio di cocco può aiutare altri aspetti della digestione?

Uno studio pubblicato dall’American Society for Microbiology sembra sostenere l’idea che l’olio di cocco sia efficace contro la colonizzazione dei batteri () nell’intestino.

Questo è i batteri che causano infezioni da mughetto orale e lievito vaginale. È un componente naturale della microflora dell’intestino.

Gli autori dello studio propongono che l’olio di cocco uccide i batteri nell’intestino o ne impedisce la crescita. Inoltre concludono che l’olio di cocco potrebbe diventare il primo intervento dietetico per ridurre la colonizzazione dell’intestino.

Tuttavia, altre persone hanno suggerito che la presenza nell’intestino e il processo di uccisione dei batteri possono causare stitichezza. Ci sono poche prove scientifiche a sostegno di questo.

È anche importante ricordare che, come la maggior parte degli studi scientifici condotti finora sull’olio di cocco, questo studio sull’impatto dell’olio di cocco è stato condotto solo sui roditori. È difficile sapere se questi effetti saranno gli stessi negli esseri umani.

Altri rimedi per la stitichezza

Il caffè è un'alternativa all'olio di cocco per la stitichezza

La stitichezza è spesso il risultato di una dieta o di uno stile di vita.

La disidratazione è una causa significativa di costipazione. Quindi, anche semplici passaggi come bere più acqua possono aiutare.

Gli scienziati sanno da molto tempo che il caffè può stimolare l’intestino. Il caffè ha un effetto lassativo che è il 60 percento più forte dell’acqua.

L’aggiunta di più fibre alla dieta può anche aumentare la massa e la consistenza delle feci, che potrebbero renderle più facili da superare. L’evidenza suggerisce anche che mangiare cibi probiotici sia efficace contro la stitichezza.

Porta via

L’olio di cocco e l’olio MCT sono entrambi abbastanza miti da provare con moderazione.

Una gamma di lassativi over the counter (OTC) è disponibile se l’olio di cocco o altri rimedi lifestyle non funzionano.

Chiunque voglia provare l’olio di cocco o MCT dovrebbe prima parlare con un medico, soprattutto se è incinta, allatta al seno o ha altre condizioni di salute, come la malattia infiammatoria intestinale.

Like this post? Please share to your friends: