Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’olio di pesce Omega-3 “potrebbe ridurre la frequenza delle crisi per i pazienti con epilessia”

Circa 2,3 milioni di adulti e circa 470.000 bambini negli Stati Uniti hanno l’epilessia, una condizione neurologica permanente caratterizzata da ricorrenti convulsioni. Ora, un nuovo studio sostiene che i pazienti affetti da epilessia potrebbero ridurre la frequenza delle convulsioni consumando ogni giorno basse dosi di olio di pesce omega-3.

Supplementi di olio di pesce

Il gruppo di ricerca, guidato dal Prof. Christopher DeGiorgio del Dipartimento di Neurologia presso la Facoltà di Medicina dell’Università della California-Los Angeles (UCLA), afferma che i risultati possono essere particolarmente utili per i pazienti con epilessia che non rispondono più ai farmaci.

Pubblicano le loro scoperte nel.

Gli acidi grassi Omega-3 possono essere ottenuti attraverso il consumo di pesce grasso – come trote, sgombri, tonno, aringhe, sardine e salmone – e integratori di olio di pesce.

Studi precedenti hanno indicato che l’omega-3 può stabilizzare il ritmo cardiaco e prevenire attacchi di cuore. Il Prof. DeGiorgio dice che questo è importante per le persone con epilessia, dal momento che sono a più alto rischio di infarto rispetto a quelli che non hanno la condizione. Inoltre, il team osserva che l’omega-3 è stato collegato alla ridotta eccitabilità delle cellule cerebrali tra gli epilettici, che può frenare le convulsioni.

Tuttavia, sottolineano che studi precedenti che hanno esaminato tali associazioni utilizzando olio di pesce ad alte dosi sono stati inconcludenti.

Come tale, il team si è proposto di determinare gli effetti di olio di pesce ad alte dosi e basse dosi sulla salute cardiovascolare e sulla frequenza delle crisi dei pazienti epilettici.

Supplemento di olio di pesce a basse dosi “riduzione delle convulsioni di oltre il 30%”

Per il loro studio, i ricercatori hanno arruolato 24 partecipanti con epilessia che avevano smesso di rispondere ai farmaci antiepilettici.

Fatti veloci sull’epilessia negli Stati Uniti

  • Circa 150.000 nuovi casi di epilessia vengono diagnosticati negli Stati Uniti ogni anno
  • Circa 1 su 26 persone saranno diagnosticate con epilessia ad un certo punto della loro vita
  • L’epilessia può essere causata da numerose condizioni che colpiscono il cervello, come ictus, tumore cerebrale e trauma cranico.

Ogni paziente era soggetto a tre diversi regimi di integrazione, ciascuno dei quali è durato per 10 settimane e sono stati divisi per un periodo di 6 settimane. Questi erano:

  • Integrazione con olio di pesce a bassa dose: tre integratori di olio di pesce al giorno – l’equivalente di 1.080 mg di omega-3 – più tre supplementi di placebo (olio di mais)
  • Supplemento di olio di pesce ad alte dosi: sei integratori di olio di pesce al giorno – l’equivalente di 2,160 mg di omega-3
  • Tre supplementi di placebo due volte al giorno.

I ricercatori hanno scoperto che il numero più basso di convulsioni si è verificato – 12 al mese – quando i partecipanti seguivano il regime a basso dosaggio di olio di pesce, rispetto a 17 al mese sul regime di alte dosi e circa 18 al mese per il regime di placebo. Ciò significa che il regime di basse dosi ha rappresentato una riduzione del 33,6% nelle convulsioni.

Il team ha anche scoperto che due dei pazienti che seguivano il regime a basso dosaggio di olio di pesce non avevano avuto crisi epilettiche durante lo studio di 10 settimane, mentre nessuno dei pazienti che assumevano olio di pesce ad alte dosi o placebo erano liberi da crisi.

Inoltre, la pressione arteriosa è diminuita di 1,95 mm / Hg tra i pazienti che seguono il regime a basso dosaggio di olio di pesce, mentre l’olio di pesce ad alto dosaggio è stato collegato a un aumento di 1,84 mm / Hg nella pressione sanguigna.

Il team osserva, tuttavia, che non hanno trovato alcun collegamento tra l’olio di pesce e la gravità delle convulsioni, i cambiamenti nella frequenza cardiaca o nei livelli di lipidi nel sangue.

Commentando i loro risultati, i ricercatori dicono:

“Il principale ャ] ding è che l’olio low ャ” a basse dosi era associato a una riduzione della frequenza delle crisi del 33,6% rispetto al placebo, anche se le dimensioni della prova richiedono una combinazione di effetto sulla frequenza delle crisi è simile a molti studi randomizzati di farmaci antiepilettici.

La riduzione della pressione arteriosa indica che un olio low ャ “a basse dosi può esercitare un beneficio cardiovascolare positivo” in questa coorte con epilessia resistente ai farmaci, un valore ャ] di una certa importanza, dati i recenti dati sul rischio di la morte a causa di infarto miocardico è signi ramente superiore nelle persone con epilessia. “

Il prof. DeGiorgio e il suo team ammettono, tuttavia, che il loro studio è soggetto ad alcune limitazioni. Ad esempio, notano che l’esposizione a ciascuno dei regimi di integrazione è stata relativamente breve, quindi non è noto se l’olio di pesce a bassa dose abbia una ridotta frequenza di crisi.

Essi concludono che un ampio studio randomizzato controllato sugli effetti dell’olio di pesce sull’epilessia è giustificato al fine di confermare i loro risultati.

recentemente riferito su uno studio che afferma che l’olio di pesce omega-3 può proteggere dai danni cerebrali causati dall’abuso di alcol.

Like this post? Please share to your friends: