Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’olio di pesce può prevenire la schizofrenia e altri disturbi psicotici?

In quello che deve essere considerato il primo studio nel suo genere, una nuova ricerca ha rivelato che gli acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce possono essere efficaci per ridurre il rischio di psicosi.

Olio di fegato di merluzzo.

Lo studio è stato pubblicato in e dettagli su come un intervento di 12 settimane con integratori di omega-3 ha ridotto sostanzialmente il rischio a lungo termine di sviluppare disturbi psicotici.

L’uso dell’olio di pesce è stato a lungo all’occhio pubblico ed è stato annunciato da alcuni come una componente essenziale del nostro benessere fisico, ma può anche migliorare la nostra salute mentale?

L’olio di pesce contiene gli acidi grassi omega-3 eicosapentaenoico (EPA), docosaesaenoico (DHA) e acido alfa-linolenico (ALA), che sono componenti essenziali delle membrane cellulari nel nostro corpo che forniscono una base per la produzione di ormoni.

Un sondaggio sulla salute condotto dal National Institutes of Health (NIH) ha trovato che l’olio di pesce era il prodotto naturale più popolare utilizzato da adulti e bambini nel 2012. Il mese scorso, uno studio ha rilevato che gli americani spendono circa $ 1,2 miliardi ogni anno su pillole e supplementi di olio di pesce .

Questo studio fa seguito ai precedenti lavori del gruppo di ricerca nel 2010, in cui si sono concentrati inizialmente su come l’omega 3 influisce sullo sviluppo di disturbi psicotici.

L’autore dello studio, il prof. Paul Amminger, dell’Università di Melbourne in Australia, e colleghi hanno analizzato i partecipanti di età compresa tra 13 e 25 anni che erano considerati a rischio di sviluppare psicosi e schizofrenia.

Un totale di 81 persone hanno preso parte al trial randomizzato e in doppio cieco; 41 sono stati assegnati a prendere un corso giornaliero di olio di pesce di 3 mesi, con il gruppo rimanente prendendo un placebo.

Dopo il periodo di intervento di 3 mesi, tutti i partecipanti sono stati monitorati per altri 12 mesi. A questo punto, 76 degli 81 partecipanti hanno completato con successo lo studio, e si è scoperto che solo due dei 41 individui del gruppo che assumevano olio di pesce erano passati a un disturbo psicotico.

Al contrario, la cifra per il gruppo placebo era molto più alta, con 11 dei 40 partecipanti che hanno sviluppato un disturbo psicotico.

Solo il 10% ha sviluppato un disturbo psicotico entro 7 anni

A 7 anni dallo studio originale, i risultati hanno rivelato che la maggior parte degli individui che hanno assunto l’olio di pesce non mostravano ancora segni di un disturbo psicotico.

Solo quattro dei 41 del gruppo che avevano assunto olio di pesce per 3 mesi avevano continuato a sviluppare un disturbo psicotico da allora. Ancora una volta, la cifra era molto più alta per il gruppo placebo, dove 16 su 40 svilupparono un disturbo psicotico.

Parlando al, il Prof. Amminger spera che lo studio possa offrire un trattamento alternativo per i disturbi psicotici. Lui dice:

“La schizofrenia è una delle principali cause di disabilità, ma il trattamento precoce è stato collegato a esiti migliori: il nostro studio dà speranza che possano esserci alternative ai farmaci antipsicotici”.

Una possibile limitazione dello studio è il gruppo di campioni relativamente piccolo utilizzato dai ricercatori. A causa di ciò, ulteriori analisi nei sottogruppi sono state limitate.

Nonostante il notevole aumento di olio di pesce negli ultimi tempi, l’uso del supplemento continua ad attrarre polemiche con molti professionisti della salute scettici sui suoi benefici medici. Tuttavia, recentemente è stato riportato che l’olio di pesce può ridurre la frequenza delle crisi per i pazienti con epilessia.

Lo studio conclude affermando che l’olio di pesce “può offrire una valida strategia di prevenzione a lungo termine con un rischio associato minimo nei giovani ad alto rischio di psicosi”.

Like this post? Please share to your friends: