Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’olio extravergine d’oliva può prevenire l’Alzheimer

Una nuova ricerca suggerisce che l’olio extra vergine di oliva – un componente chiave della dieta mediterranea – possa proteggere il cervello dai sintomi della malattia di Alzheimer. Gli esperimenti con il mouse hanno rivelato cambiamenti nelle prestazioni cognitive e nell’aspetto delle cellule nervose.

olio d'oliva versato in una ciotola

Si stima che il morbo di Alzheimer colpisca circa 5 milioni di persone negli Stati Uniti. La malattia neurodegenerativa è progressiva e non può ancora essere curata o invertita.

Ma la nuova ricerca si avvicina a una strategia di prevenzione e potenzialmente inversione di tendenza, studiando gli effetti dell’olio extra vergine di oliva sulle prestazioni cognitive e sulla salute del cervello dei topi.

L’olio extra vergine di oliva è un componente chiave della dieta mediterranea, che è una dieta ricca di frutta, verdura, cereali integrali, olio d’oliva e noci.

Il nuovo studio – pubblicato sulla rivista – è stato realizzato da un gruppo di ricercatori della Lewis Katz School of Medicine presso la Temple University (LKSOM) di Philadelphia, in Pennsylvania.

Il ricercatore capo Dott. Domenico Praticò – un professore nei dipartimenti di Farmacologia e Microbiologia e il Centro di medicina traslazionale di LKSOM – spiega perché diversi studi hanno individuato l’olio d’oliva e lo hanno salutato come il motivo principale per cui la dieta mediterranea è legata a così tanti benefici alla salute.

“Il pensiero è che l’olio extra vergine di oliva è meglio di frutta e verdura da solo, e come un grasso vegetale monoinsaturo è più sano di grassi animali saturi”, dice.

Studiare l’effetto dell’olio d’oliva nei topi

Il dott. Praticò e il team hanno utilizzato un modello di topo transgenico tradizionale di Alzheimer per studiare l’effetto dell’olio. I roditori sono stati geneticamente modificati per avere le tre principali caratteristiche della malattia di Alzheimer: disturbi della memoria, accumulo di placche amiloidi e grovigli neurofibrillari.

I grovigli neurofibrillari sono il risultato di fili intrecciati di una proteina chiamata tau. In un cervello sano, il tau aiuta a trasportare i nutrienti e le altre molecole di cui le cellule cerebrali hanno bisogno. Nella malattia di Alzheimer, questa proteina viene aggrovigliata all’interno delle cellule cerebrali, che stanno per morire perché i nutrienti essenziali non le raggiungono più.

Le placche amiloidi sono il risultato dell’eccesso di produzione e accumulo di beta-amiloide, un frammento della proteina chiamata “proteina precursore dell’amiloide”. Nella malattia di Alzheimer, queste placche si accumulano negli spazi tra i neuroni.

Il dott. Praticò e colleghi hanno diviso i roditori in due gruppi: un gruppo è stato alimentato con una dieta a base di cibo con olio extravergine di oliva e l’altro gruppo ha ricevuto una dieta regolare a digiuno senza olio aggiunto.

Le caratteristiche del morbo di Alzheimer iniziano a svilupparsi in un modello di roditore abbastanza presto, quindi in questo esperimento, l’olio è stato aggiunto alla dieta quando i topi avevano 6 mesi, prima che si manifestassero i sintomi.

I ricercatori hanno valutato le capacità cognitive dei topi somministrando test per la loro memoria spaziale, memoria di lavoro e capacità di apprendimento.

L’olio d’oliva conserva la salute delle cellule cerebrali

In termini di aspetto generale, non sono state notate differenze tra i due gruppi di animali.

Ma, quando i topi avevano 9 mesi e 12 mesi, i topi che erano stati nutriti con la dieta dell’olio extravergine di oliva si sono comportati molto meglio nei test cognitivi.

Il dott. Praticò e il suo team hanno anche analizzato il tessuto cerebrale di questi topi e gli studi hanno rivelato notevoli differenze tra l’aspetto e il funzionamento delle cellule nervose.

In primo luogo, l’integrità delle sinapsi – che sono le parti della cellula cerebrale che facilitano la comunicazione tra i neuroni – è stata preservata molto meglio nel gruppo dell’olio d’oliva. In secondo luogo, il tessuto cerebrale nei topi alimentati con olio d’oliva ha rivelato un “aumento drammatico” nell’attivazione autofagica delle cellule nervose.

L’autofagia è un processo che vede le cellule nervose disintegrarsi ed eliminare i detriti tossici che tendono ad accumularsi tra le cellule.

In questo esperimento, l’aumento dell’autofagia ha portato ad una diminuzione delle placche amiloidi e della tau fosforilata.

Il Dott. Praticò dice: “Questa è una scoperta eccitante per noi. Grazie all’attivazione dell’autofagia, la memoria e l’integrità sinaptica sono state preservate e gli effetti patologici negli animali altrimenti destinati a sviluppare la malattia di Alzheimer sono stati significativamente ridotti”.

“Questa è una scoperta molto importante, poiché sospettiamo che una riduzione dell’autofagia segna l’inizio della malattia di Alzheimer”.

Dott. Domenico Praticò

Successivamente, i ricercatori hanno in programma di introdurre l’olio d’oliva in una fase successiva, quando i sintomi dell’Alzheimer saranno già emersi. Nel caso dei topi, ciò significherebbe a 12 mesi di età.

“Di solito quando un paziente vede un medico per sospetti sintomi di demenza, la malattia è già presente”, spiega il dott. Praticò. “Vogliamo sapere se l’olio d’oliva aggiunto in un secondo momento nella dieta può fermare o invertire la malattia”.

Scopri come una dieta mediterranea arricchita con olio d’oliva vergine può proteggere il cuore.

Like this post? Please share to your friends: