Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’organo appena scoperto può portare a “drastici progressi della medicina”

In poche parole, gli scienziati hanno scoperto un nuovo organo. Precedentemente trascurato dalle tecniche standard di visualizzazione dell’anatomia umana, questa nuova struttura anatomica può svolgere un ruolo chiave nel funzionamento di tutti i principali tessuti e organi, nonché nelle metastasi del cancro e nelle malattie infiammatorie.

scienziato che utilizza il microscopio

Gli esseri umani sono fatti principalmente di acqua. Infatti, circa il 75 percento della massa corporea di un bambino e fino al 60 percento di quella di un adulto è costituito da acqua.

Per immagazzinare tutto questo liquido, i nostri corpi hanno escogitato metodi intelligenti di compartimentazione. Lo “spazio interstiziale” è uno di questi scomparti.

Lo spazio interstiziale immagazzina il fluido extracellulare tra le cellule ed è la principale fonte di linfa, che è il fluido chiaro cruciale per la capacità del nostro corpo di combattere le infezioni.

I professionisti medici conoscono da molto tempo l’interstizio, una rete di tessuto generalmente nota per risiedere all’interno dei polmoni, e lo spazio interstiziale, che immagazzina fluido.

Ma ora, per la prima volta, i ricercatori – guidati dal Dr. Neil Theise, professore nel Dipartimento di Patologia della School of Medicine della New York University a New York City – definiscono l’interstizio come un vero organo, ed è uno del più grande del corpo umano.

Nel loro articolo – ora pubblicato sulla rivista – il dott. Theise ei suoi colleghi spiegano ulteriormente perché il nuovo organo è stato “mancato” per tutto questo tempo, e anche quali sono alcune delle ulteriori implicazioni della loro scoperta.

L’interstizio: Ridefinire un organo

I ricercatori spiegano che la tecnica di visualizzazione predominante nel campo medico implica “fissare” uno strato di tessuto e analizzarlo su vetrini da microscopio.

interstizio

Il processo di “fissaggio” utilizza sostanze chimiche che drenano il tessuto del liquido. Questo rende il “merletto” connettivo che forma il collasso del tessuto interstiziale.

“Questo artefatto di fissazione del collasso ha fatto sì che un tipo di tessuto pieno di liquido in tutto il corpo appaia solido nei vetrini per biopsia da decenni”.

“E,” aggiunge Dr. Theise, “i nostri risultati correggono questo per espandere l’anatomia della maggior parte dei tessuti”.

Dr. Theise e il team hanno utilizzato una tecnologia innovativa chiamata “endomicroscopia laser confocale basata su sonda”. Hanno usato questa tecnica per studiare campioni di tessuto di dotti biliari di 12 persone con cancro.

Cosa spinse i ricercatori a studiare i dotti biliari in modo specifico? Tre anni prima dello studio, due co-autori stavano esaminando i dotti biliari di persone con cancro per vedere se i tumori avevano metastatizzato o meno quando si erano imbattuti in questo tessuto intrecciato di cavità piene di liquido che non assomigliava a nessuna parte anatomica conosciuta.

La nuova tecnologia ha permesso agli scienziati di riconoscere la stessa struttura in tutto il corpo.

“In sintesi,” scrivono gli autori, “mentre le descrizioni tipiche dell’interstizio suggeriscono spazi tra le cellule, descriviamo spazi macroscopicamente visibili all’interno dei tessuti – seni dinamicamente comprimibili e distensibili attraverso i quali il fluido interstiziale scorre intorno al corpo.”

Gli autori dello studio propongono “una nuova espansione e specifica del concetto di interstizio umano”.

Verso i “drammatici progressi della medicina”

“I nostri risultati”, affermano gli autori dello studio, “richiedono la riconsiderazione di molte delle normali attività funzionali di diversi organi”.

Come spiegano, i risultati sfidano una narrativa scientifica di vecchia data. In precedenza si pensava che il tubo digerente, i polmoni e il sistema urinario, così come la fascia intermuscolare e lo strato immediato sotto l’epidermide della pelle, fossero tutti rivestiti di tessuto connettivo spesso.

Invece, come rivela il nuovo studio, questi sono allineati con tessuto interstiziale, che è fatto di compartimenti interlacciati pieni di liquido linfatico.

Dato che il fluido linfatico è pieno di cellule immunitarie che combattono le infezioni, la scoperta può aiutarci a capire perché il cancro che si diffonde al tessuto interstiziale è molto più probabile che metastatizza.

Come spiegano gli autori, “Queste strutture anatomiche [appena scoperte] possono essere importanti nella metastasi del cancro, nell’edema, nella fibrosi e nel funzionamento meccanico di molti o tutti i tessuti e gli organi”.

Inoltre, il collagene rivestito dalle cellule nello spazio interstiziale tende ad esaurirsi con l’età, quindi l’organo ritrovato può contribuire alla formazione delle rughe e al processo di invecchiamento della pelle.

“Questa scoperta ha il potenziale per guidare progressi drammatici in medicina, compresa la possibilità che il campionamento diretto del liquido interstiziale possa diventare un potente strumento diagnostico”.

Dr. Neil Theise

Like this post? Please share to your friends: