Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

L’uso di alcol nelle prime 3-4 settimane di gravidanza può portare a cambiamenti permanenti del cervello nella prole

È noto che il consumo di alcol durante la gravidanza può causare danni al feto. Ora, un nuovo studio rivela che bere alcolici già da 3-4 settimane in gravidanza – prima che molte donne si rendano conto di essere in attesa – può alterare il funzionamento del gene nel cervello della prole, portando a cambiamenti a lungo termine nella struttura del cervello.

Una donna festeggia con champagne

Lo studio, condotto su topi e pubblicato sulla rivista, ha anche identificato i cambiamenti nel funzionamento dei geni in altri tessuti del corpo come risultato del consumo di alcol all’inizio della gravidanza.

Il gruppo di ricerca, guidato dalla dott.ssa Nina Kaminen-Ahola dell’Università di Helsinki in Finlandia, afferma che i risultati indicano che l’esposizione all’alcol in fase iniziale della gravidanza può causare modifiche permanenti alla regolazione genica nelle cellule staminali embrionali – le prime cellule a emergere da uno sviluppo embrione.

Il consumo di alcol durante la gravidanza è stato associato a un aumento del rischio di una serie di condizioni di salute per la prole, tra cui limitazioni della crescita, disabilità intellettive e di apprendimento, scarsa memoria, scarso coordinamento e ritardi linguistici e linguistici.

Dr. Kaminen-Ahola e colleghi osservano, tuttavia, che non è chiaro esattamente come l’esposizione all’alcol durante la gravidanza influenzi lo sviluppo fetale in queste condizioni.

Studi condotti su animali hanno suggerito che il consumo di alcol può influenzare l’espressione genica nell’embrione durante l’inizio della gravidanza modificando l’epigenoma, che regola la funzione genica. I ricercatori di questo ultimo studio hanno voluto indagare ulteriormente su questo.

L’esposizione precoce all’alcool durante la gravidanza altera l’epigenoma nell’ippocampo

Per raggiungere i loro risultati, il team ha somministrato alcol ad un gruppo di topi gravidi durante i primi 8 giorni di gestazione – l’equivalente a 3-4 settimane di gestazione negli esseri umani – e ha analizzato i suoi effetti sull’epigenoma della prole.

Nello specifico, i ricercatori si sono concentrati su come la precoce esposizione all’alcol durante la gravidanza ha influenzato l’epigenoma dell’ippocampo tra la prole – la regione del cervello che svolge un ruolo cruciale nella memoria e nell’apprendimento.

Hanno scoperto che – rispetto alla progenie di topi gravidi che non erano esposti all’alcol – la prole esposta all’alcol mostrava epigenomi alterati, che hanno portato a cambiamenti nella funzione di diversi geni nell’ippocampo.

Inoltre, i ricercatori hanno identificato i cambiamenti nella funzione del gene in altri due tessuti della prole esposti all’alcool durante lo sviluppo iniziale: il midollo osseo e l’epitelio olfattivo del muso.

Usando la risonanza magnetica (MRI) per valutare la struttura cerebrale della progenie dei topi quando raggiunsero l’età adulta, il team identificò i cambiamenti indotti dall’alcol – in particolare nell’ippocampo, nei bulbi olfattivi e nei ventricoli cerebrali.

I risultati potrebbero aiutare la diagnosi della sindrome alcolica fetale negli esseri umani

Il team afferma che la progenie di topi esposti all’alcol ha mostrato sintomi simili alla sindrome alcolica fetale (FAS) negli esseri umani – una condizione che è attualmente difficile da diagnosticare. Questi includevano un ridotto tasso di crescita, cambiamenti strutturali alla faccia e al cranio e iperattività.

Come tali, i ricercatori dicono che i loro risultati indicano che i cambiamenti epigenetici che influenzano la regolazione genica potrebbero essere usati come biomarker biologici che potrebbero fornire uno strumento per diagnosticare FAS.

Il Dr. Kaminen-Ahola spiega:

“I risultati supportano la nostra ipotesi che l’alcol altera in modo permanente la regolazione genica in una fase molto precoce, il che sarebbe significativo per la diagnostica complessa del danno indotto dall’alcol.

I meccanismi e i marcatori biologici che possono aiutare nella diagnosi sono studiati in modo da poter offrire il supporto di sviluppo richiesto dal danno il più presto possibile. Idealmente, un campione di swipe dall’interno della bocca di un neonato potrebbe rivelare l’entità del danno causato dall’esposizione all’alcol precoce “.

Nel gennaio 2014, uno studio condotto da ricercatori della Case Western Reserve University di Cleveland, Ohio, ha prodotto un’immagine del cuore embrionale che, secondo loro, potrebbe migliorare la conoscenza di come l’uso di alcol durante la gravidanza possa portare a difetti cardiaci nella prole.

Like this post? Please share to your friends: