Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’uso di marijuana causa problemi di sonno?

L’uso di cannabis è legato a una maggiore probabilità di problemi di sonno, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della Pennsylvania a Philadelphia e presentato alla riunione SLEEP 2014.

L’uso di marijuana è comune, con rapporti che suggeriscono che metà degli adulti negli Stati Uniti hanno usato il farmaco in qualche momento della loro vita. Ora che la marijuana viene legalizzata in alcuni stati, sta diventando sempre più importante capire l’impatto che questo farmaco potrebbe avere sulla salute pubblica.

Ad aprile di quest’anno, è stato riportato uno studio pubblicato nel quale i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica (MRI) per esaminare il cervello di 40 fumatori regolari di marijuana di età compresa tra i 18 e i 25 anni.

Confrontando le scansioni con scansioni cerebrali di individui con poca o nessuna storia di uso di marijuana, i ricercatori hanno scoperto che l’area del cervello responsabile dell’elaborazione della ricompensa – il nucleo accumbens – era più grande e aveva una forma e una struttura alterate negli utilizzatori di marijuana.

L’amigdala – una regione del cervello coinvolta nelle emozioni – mostrava anche anomalie nei fumatori di marijuana, con le anomalie che erano tanto maggiori quanto più la marijuana veniva fumata dai partecipanti.

E uno studio del 2013, condotto da ricercatori della Scuola di Medicina di Feinburg della Northwestern University, nell’Illinois, ha scoperto che l’uso intensivo di marijuana produce cambiamenti nella funzione cerebrale che si traducono in sintomi simili alla schizofrenia.

foglie di marijuana

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2007-2008. Hanno esaminato 1.811 adulti di età compresa tra i 20 e i 59 anni che avevano riferito di aver usato cannabis. NHANES ha raccolto informazioni sui modelli di sonno, a quale età i partecipanti hanno utilizzato per la prima volta il farmaco e il numero di volte in cui hanno usato il farmaco lo scorso mese.

I risultati completi del nuovo studio saranno presentati il ​​4 giugno a Minneapolis, MN, a SLEEP 2014, il 28 ° incontro annuale della Associated Professional Sleep Societies, LLC.

Prima di questa presentazione, tuttavia, i ricercatori hanno annunciato di aver scoperto che gli utenti attuali e passati di marijuana hanno maggiori probabilità di sperimentare problemi di sonno rispetto ai non utenti.

“Il risultato più sorprendente”, afferma l’autore principale Jilesh Chheda, ricercatore presso l’Università della Pennsylvania a Philadelphia, “era che esisteva una forte relazione con l’età del primo utilizzo, indipendentemente da quanto spesso le persone stessero usando la marijuana. usare precocemente era più probabile che avesse problemi di sonno da adulto. “

Il tipo di studio non può determinare la causalità, solo dimostrare un collegamento

La ricerca mostra un legame tra l’inizio dell’uso di marijuana nell’adolescenza e un rischio più elevato per i successivi sintomi di insonnia. Tuttavia, il tipo di studio utilizzato in questa ricerca non consente agli autori di determinare la causalità, quindi non possono dire che l’uso di marijuana causi definitivamente l’insonnia.

Ad esempio, le persone che iniziano ad usare la marijuana in precedenza possono sperimentare l’insonnia per altri motivi, come lo stress. Inoltre, l’insonnia potrebbe essere una ragione per cui alcune persone iniziano o continuano ad usare la marijuana.

L’uso di marijuana è in aumento tra i giovani dal 2007, secondo il National Institute on Drug Abuse. È possibile che il dibattito pubblico sullo status giuridico del farmaco possa aver contribuito a questo uso crescente. Colorado e Washington hanno legalizzato la droga per uso ricreativo tra gli adulti e 21 stati ora consentono l’uso della marijuana come trattamento medico.

Like this post? Please share to your friends: