Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

L’uso giovanile della marijuana può portare a sintomi bipolari in seguito

È risaputo che molti giovani usano la cannabis e gli studi hanno indicato un legame tra la droga e le condizioni psichiatriche come la schizofrenia. Tuttavia, i collegamenti tra l’uso di cannabis e lo sviluppo di sintomi bipolari nel tempo sono stati studiati in modo insufficiente – fino ad ora.

ragazza che fuma una pentola

Un nuovo studio colma questa lacuna di ricerca esaminando come l’uso di cannabis tra gli adolescenti sia collegato all’ipomania nella prima età adulta.

La ricerca è stata condotta dal Dr. Steven Marwaha, uno psichiatra accademico clinico dell’Università di Warwick nel Regno Unito, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista

La dott.ssa Marwaha e colleghi hanno iniziato dall’osservazione che, nonostante il legame documentato tra uso di marijuana da adolescenti e disturbi psichiatrici, l’associazione prospettica tra l’uso di cannabis ei sintomi del disturbo bipolare non è stata sufficientemente studiata.

In effetti, abbiamo riportato diversi studi che hanno illuminato il legame tra l’uso di cannabis da adolescenti e le condizioni psichiatriche. Ad esempio, uno studio ha suggerito che l’uso di marijuana provoca cambiamenti nella struttura del cervello simili a quelli causati dalla schizofrenia.

Un altro studio sui roditori ha suggerito che l’uso dell’adolescente del farmaco può causare sintomi di schizofrenia, ma solo in quelli già geneticamente suscettibili alla malattia.

Questo studio ha esaminato il legame tra l’uso da adolescenti della cannabis e l’ipomania, che è un sintomo che spesso viene sperimentato da chi soffre di disturbo bipolare. L’ipomania è caratterizzata da sentimenti di euforia, intensa eccitazione, ridotto bisogno di sonno e iperattività.

L’uso settimanale di cannabis può causare ipomania

La dott.ssa Marwaha e colleghi hanno esaminato i dati disponibili su 3.370 partecipanti da uno studio di coorte di nascita U.K. denominato Avon Longitudinal Study of Parents and Children.

Il team ha esaminato il legame tra l’uso della cannabis all’età di 17 anni e lo sviluppo dell’ipomania a 22-23 anni.

Utilizzando l’analisi di regressione, gli scienziati si sono adeguati per sesso, alcol e altri usi di droghe, fattori di rischio ambientale precoce – come avversità o abusi infantili – e depressione e psicosi all’età di 18 anni.

Lo studio ha rilevato che l’uso della cannabis almeno due o tre volte alla settimana era un forte predittore per l’ipomania nella prima età adulta.

La relazione tra consumo di cannabis adolescenti e ipomania dipendeva dalla dose, dato che l’uso settimanale era più fortemente associato al sintomo di “qualsiasi uso”.

L’uso della cannabis è stato anche trovato per mediare il legame tra abuso sessuale infantile e ipomania, così come quello tra il genere maschile e il sintomo psichiatrico.

Gli autori concludono:

“L’uso di cannabis adolescenziale può essere un fattore di rischio indipendente per la futura ipomania e la natura dell’associazione suggerisce un potenziale nesso causale, pertanto potrebbe essere un utile bersaglio per la prevenzione indicata dell’ipomania”.

La dott.ssa Marwaha commenta i risultati, affermando: “L’uso di cannabis nei giovani è comune e associato a disturbi psichiatrici, tuttavia il legame prospettico tra l’uso di cannabis ei sintomi del disturbo bipolare è stato raramente studiato”.

Secondo le ultime statistiche dell’Istituto nazionale sull’abuso di droghe, oltre il 35% dei dodicenni – che di solito hanno 17-18 anni – hanno affermato di aver usato marijuana nell’anno precedente al sondaggio, e il 6% ha ammesso di usarlo “quotidiano o quasi quotidiano.”

Like this post? Please share to your friends: