Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La bassa ossitocina può portare a una scarsa empatia, i reperti dello studio

L’ormone responsabile dell’attaccamento romantico e del legame genitoriale potrebbe anche influenzare la nostra empatia, secondo un nuovo studio. I ricercatori sono giunti a questa conclusione esaminando pazienti con condizioni neurologiche che causano un basso livello di ossitocina.

[la donna mette due braccia sulle spalle di un'altra donna per consolazione]

L’ossitocina è un ormone prodotto nell’ipotalamo, che è una parte molto piccola del cervello che controlla molte delle nostre funzioni corporee, tra cui l’appetito, la sete, il sonno, l’umore e la libido.

L’ormone è secreto e immagazzinato dalla ghiandola pituitaria, un organo delle dimensioni del pisello alla base del nostro cervello che regola molte funzioni corporee vitali, come il metabolismo, la crescita fisica, la maturazione sessuale e la riproduzione.

L’ossitocina si è guadagnata il soprannome di “ormone dell’amore” perché la secerniamo quando creiamo legami con il nostro partner romantico, i nostri figli e persino i nostri animali domestici.

Viene rilasciato durante il sesso e il parto per aiutare e facilitare la riproduzione. È anche secreto quando fissiamo negli occhi i nostri cari, o quando li abbracciamo.

L’ormone dell’amore ha dimostrato di regolare il comportamento sociale, poiché aumenta i sentimenti di fiducia e induce comportamenti pro-sociali e morali. L’ossitocina riduce l’aggressività e i livelli di stress.

Una nuova ricerca rafforza il legame tra empatia e ossitocina, esaminando come i pazienti con bassi livelli di ossitocina rispondono ai compiti di empatia.

L’ossitocina aumenta l’empatia

I livelli di ossitocina sono stati precedentemente collegati all’empatia. Alcuni studi hanno suggerito che l’aumento dell’ossitocina migliora l’empatia cognitiva e aiuta con l’adattamento sociale nei pazienti con disturbo dello spettro autistico (ASD).

Uno studio condotto su 13 partecipanti con autismo ha rilevato che dopo l’inalazione di ossitocina, i pazienti mostravano interazioni più forti con i coetanei socialmente più cooperativi e riportavano maggiori sentimenti di fiducia.

Altri studi hanno dimostrato che l’ossitocina aumenta anche l’empatia emotiva e migliora l’apprendimento socialmente rinforzato negli uomini sani.

In effetti, l’ossitocina potrebbe aiutarci selettivamente a ricordare le cose che abbiamo appreso in un ambiente sociale positivo e dimenticare ciò che abbiamo appreso in un contesto di apprendimento altamente stressante.

Ridotta empatia nei pazienti neurologici con bassa ossitocina

Ricercatori dell’Università di Cardiff nel Regno Unito hanno esaminato pazienti con condizioni mediche che avrebbero potuto compromettere la loro produzione di ossitocina.

Le condizioni ricercate erano il diabete insipido craniale (CDI) e l’ipopituitarismo (HP). Nel CDI, il corpo produce livelli ridotti di arginina vasopressina, che è un ormone simile all’ossitocina e prodotta anche nell’ipotalamo.

In HP, la ghiandola pituitaria non produce abbastanza ormoni.

L’ipotesi dei ricercatori era duplice: in primo luogo, ci si aspettava che i livelli di ossitocina fossero inferiori nei pazienti con CDI e HP. In secondo luogo, è stato previsto che livelli più bassi di ossitocina diminuirebbero l’empatia in questi pazienti.

Guidato da Katie Daughters, dell’Istituto di ricerca sulla neuroscienza e la salute mentale dell’Università di Cardiff, il team di ricerca ha esaminato un totale di 55 persone, di cui 20 con CDI, 20 con HP e 15 con controlli sani.

Figlie e colleghi hanno prelevato campioni di saliva dai partecipanti sia prima che dopo i test di empatia, che consistevano nel compito “Leggere la mente negli occhi” e nel compito “Riconoscimento dell’espressione facciale”.

Questi test hanno rivelato livelli più bassi di ossitocina sia nei pazienti con CDI che in quelli HP, ma non abbastanza bassi da essere statisticamente rilevanti.

Tuttavia, sia i pazienti con CDI che quelli con HP hanno avuto risultati significativamente peggiori nei test di empatia rispetto ai loro omologhi sani.

I pazienti CDI e HP hanno avuto risultati molto peggiori identificando espressioni facciali ad alta intensità e “leggendo la mente di qualcuno” nel loro sguardo. La capacità dei partecipanti di riconoscere le espressioni facciali è stata accuratamente prevista dai loro livelli di ossitocina.

I pazienti con i livelli di ossitocina più bassi hanno anche eseguito i più poveri nel compito di riconoscimento dell’espressione facciale.

Lo studio è stato presentato come estratto della conferenza da Figlie e gruppo alla conferenza annuale della Society for Endocrinology nel Regno Unito.

Ulteriori studi necessari per confermare i risultati

Come sottolinea Daughters, “questo è il primo studio che analizza la bassa ossitocina a causa di disturbi medici, al contrario di quelli psicologici”.

“Se replicati”, continua Daughters, “i risultati dei nostri gruppi di pazienti suggeriscono che è anche importante considerare le condizioni mediche che comportano un rischio di bassi livelli di ossitocina”.

Le figlie suggeriscono di introdurre pratiche di test che verifichino i livelli di ossitocina in alcuni pazienti.

“I pazienti sottoposti a chirurgia ipofisaria, e in particolare quelli che hanno acquisito CDI come conseguenza, possono presentare livelli di ossitocina inferiori, il che potrebbe influire sul loro comportamento emotivo e, a sua volta, influenzare il loro benessere psicologico. considerando l’introduzione di controlli del livello di ossitocina in questi casi. “

Katie Daughters

Gli autori sperano che la loro ricerca incoraggi nuovi studi simili che rafforzeranno le loro scoperte.

Leggi come la fiction potrebbe migliorare la nostra empatia.

Like this post? Please share to your friends: