Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La caffeina può complicare il trattamento e la diagnosi della pressione arteriosa

Se hai intenzione di sottoporti a un test della pressione sanguigna entro i prossimi 2 giorni, potresti voler tenere il caffè fuori dalla portata. La ricerca pubblicata ha scoperto che i pazienti che bevono la tazza occasionale potrebbero ridurre l’effetto dei farmaci per abbassare la pressione sanguigna.

[caffè e fagioli]

Il caffè è popolare in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, oltre il 50 percento delle persone beve caffè, spendendo insieme circa 40 miliardi di dollari all’anno sulla bevanda.

Gli studi dimostrano che il caffè con caffeina può acutamente aumentare la pressione sanguigna, ma il caffè decaffeinato non lo fa. La caffeina sembra essere un fattore importante nell’influenzare la pressione sanguigna, e gli esperti suggeriscono che come tale, è anche un fattore scatenante per eventi cardiovascolari.

Tuttavia, le persone che consumano caffè e caffeina regolarmente non sono pensate per affrontare un tale rischio, perché sviluppano una tolleranza. Ciò suggerisce che gli intervalli a cui le persone bevono caffè sono di una certa importanza.

Tuttavia, per i consumatori occasionali piuttosto che normali, potrebbe essere una storia diversa.

In che modo il caffè influisce su un test della pressione sanguigna?

Una squadra della Western University e del Lawson Health Research Institute di Londra, Ontario, in Canada, ha ottenuto risultati sorprendenti quando ha misurato l’effetto del consumo occasionale di caffè sulla pressione sanguigna, e specialmente come il consumo di caffè influisce sull’azione dei calcio-antagonisti.

I calcio antagonisti sono un tipo di farmaco per abbassare la pressione sanguigna. Sono comunemente prescritti per i pazienti con ipertensione. I bloccanti dei canali del calcio, come la felodipina, rilassano e allargano i vasi sanguigni, facilitando il flusso del sangue. In questo modo, riducono la pressione sanguigna.

Guidato dal dott. David Bailey, uno scienziato del Lawson e ricercatore della Schulich School of Medicine and Dentistry di Western, il team ha voluto scoprire cosa sarebbe successo alla pressione sanguigna se una persona si fosse astenuta dalla caffeina per un tempo sufficiente ad eliminare la caffeina dal sangue.

Si aspettavano di vedere una pressione sanguigna più alta la volta successiva che una persona beveva caffè, perché eliminare la caffeina e poi consumarla di nuovo poteva annullare gli effetti di abbassamento della pressione della felodipina.

Bere caffè dopo una pausa solleva la pressione sanguigna

Per testare la loro teoria, hanno invitato 13 persone con un’età media di 52 anni con pressione del sangue normale a partecipare a un esperimento.

Hanno effettuato tre test sui soggetti, separati nel tempo di una settimana. Prima di ogni test, le persone non consumavano caffè, prodotti contenenti caffeina o altri prodotti come alcol, pompelmi, marmellata, tabacco e farmaci per 48 ore.

A intervalli di una settimana, i partecipanti hanno poi preso la seguente, e poi hanno preso la loro pressione sanguigna:

  • Due tazze da 300 ml di caffè nero
  • La dose massima raccomandata di felodipina (10 mg)
  • Il caffè più una dose di felodipina.

I risultati hanno dimostrato che, dopo che i partecipanti hanno evitato il caffè per soli 2 giorni, è stata eliminata una quantità sufficiente di caffeina dal corpo in modo che la prossima volta che hanno bevuto il caffè, la loro pressione sanguigna aumentasse.

Dopo una sola tazza di caffè, i partecipanti al gruppo solo caffè hanno registrato il maggiore aumento della pressione sanguigna. La pressione sanguigna è aumentata in meno di un’ora dopo aver bevuto il caffè ed è durata diverse ore.

La combinazione di caffè con felodipina ha portato a livelli più elevati di pressione sanguigna rispetto all’assunzione di solo felodipina. Questo potrebbe essere perché la caffeina blocca l’effetto positivo del farmaco sui vasi sanguigni, dicono i ricercatori.

Notano che una tazza di caffè al mattino potrebbe influenzare la diagnosi e il trattamento dell’ipertensione o dell’ipertensione.

“Anche una tazza di caffè contenente una quantità relativamente bassa di caffeina ha notevolmente compromesso l’effetto antipertensivo di questo farmaco alla massima dose raccomandata. Se volevi superare l’effetto del caffè, dovevi raddoppiare la dose di questo anti- una droga ipertensiva che potrebbe aumentare il rischio di effetti indesiderati eccessivi della droga, in particolare durante il periodo in cui il caffè non viene consumato. “

Dr. David Bailey

Il dott. Bailey è preoccupato che se un paziente beve caffè appena prima di andare dal medico, potrebbe complicare la diagnosi e il trattamento. L’aumento acuto della pressione del sangue potrebbe portare a una sovra-prescrizione di farmaci antipertensivi.

Sottolinea che tra il 15 e il 20 percento delle persone che bevono caffè lo fanno solo occasionalmente. Le persone che bevono caffè due volte alla settimana o meno possono avere un aumento occasionale della pressione sanguigna. In alcune persone, l’aumento può essere maggiore rispetto ad altri.

Il dott. Bailey osserva che le linee guida nazionali e internazionali sull’alta pressione sanguigna non tengono conto dell’impatto del caffè, probabilmente a causa della mancanza di prove.

Spera che ulteriori studi forniranno più dati e che i bevitori occasionali di caffè diventeranno più consapevoli dei rischi che corrono.

Scopri di più su come gli adolescenti bevono troppo caffè.

Like this post? Please share to your friends: