Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La cannabis allevia lo stress, ma solo a basse dosi

Una delle affermazioni più comuni sulla cannabis è che allevia lo stress e aiuta a rilassarsi. Un nuovo studio dimostra che questo potrebbe essere vero, ma solo a dosi più basse. I risultati sono pubblicati in.

Uomo che fuma cannabis

Le leggi sull’uso di marijuana per scopi medicinali sono cambiate radicalmente negli ultimi anni. Tuttavia, poiché il farmaco è una sostanza di categoria 1 altamente regolamentata, è difficile ottenere permessi per studiarlo.

Un gruppo di ricercatori dell’Università dell’Illinois a Chicago (UIC) e dell’Università di Chicago, IL, ha fatto un balzo attraverso gli appropriati cicli legislativi per studiare gli effetti del tetraidrocannabinolo (THC) – che è il principale ingrediente attivo nella cannabis – sullo stress.

Volevano testare l’antico detto che la cannabis aiuta le persone a rilassarsi e può alleviare lo stress. Sebbene molte persone abbiano ascoltato queste affermazioni, c’è stato poco studio scientifico sull’argomento.

Emma Childs, professore associato di psichiatria presso l’UIC College of Medicine, afferma: “Pochi studi pubblicati hanno esaminato gli effetti del THC sullo stress o sugli effetti dei diversi livelli di THC sullo stress”.

Cannabis e sollievo dallo stress

Il team di Chicago si è proposto di studiare le proprietà antistress della cannabis a diverse dosi. Complessivamente sono stati studiati 42 volontari sani di età compresa tra i 18 ei 40 anni. Tutti avevano esperienza della cannabis ma non erano utenti giornalieri. Sono stati divisi in tre gruppi:

  • il gruppo a basso dosaggio, che ha ricevuto una capsula contenente 7,5 milligrammi di THC
  • il gruppo a dose moderata, che ha ricevuto una capsula contenente 12,5 milligrammi di THC
  • il gruppo placebo, che ha ricevuto una capsula senza THC

Sebbene sia difficile equiparare la cannabis ingerita alla cannabis affumicata, il prof. Childs dice: “Le dosi utilizzate nello studio producono effetti che equivalgono a pochi sbuffi di sigaretta di cannabis”. Prosegue spiegando le scelte posologiche, dicendo: “Non volevamo includere una dose molto più grande perché volevamo evitare potenziali effetti avversi o effetti cardiovascolari che possono derivare da dosi più alte di THC”.

Né i partecipanti né gli investigatori sapevano quali dosi erano state date a quali individui.

Ogni partecipante ha partecipato a due sessioni di 4 ore, a 5 giorni di distanza. Presero la capsula, quindi si rilassarono per 2 ore, permettendogli di entrare nel flusso sanguigno.

Nella prima sessione, i partecipanti hanno dovuto trascorrere 10 minuti per prepararsi a un finto colloquio di lavoro. Hanno quindi avuto un colloquio di 5 minuti con gli assistenti di laboratorio, che non hanno offerto un feedback verbale o del linguaggio del corpo positivo. Successivamente, è stato loro chiesto di svolgere un compito matematico impegnativo per 5 minuti – un compito che, secondo il professor Childs, è “molto affidabile nello stress”.

Durante la seconda visita dei partecipanti al laboratorio, è stato chiesto loro di parlare del loro film o libro preferito per 5 minuti, e poi di suonare il solitario per altri 5 minuti.

All’inizio, durante e dopo entrambi i gruppi di attività, ai partecipanti è stato chiesto di valutare i loro livelli di stress e sentimenti riguardo all’attività. Inoltre, durante i test, sono state misurate la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e i livelli di cortisolo (un ormone dello stress chiave).

THC e la risposta allo stress

Come previsto, coloro che hanno ricevuto la bassa dose di THC hanno riportato meno stress dopo il test psicosociale rispetto a quelli trattati con un placebo. Inoltre, i loro livelli di stress sono diminuiti più velocemente dopo il test.

Tuttavia, quelli che hanno ricevuto la dose più alta di THC hanno riferito un umore più negativo prima e durante l’attività. In precedenza, erano più propensi a valutare il compito psicosociale come “impegnativo” o “minaccioso”.

Inoltre, il gruppo a dose moderata si è fermato di più durante l’intervista simulata rispetto al gruppo placebo.

In tutti e tre i gruppi, non sono state riscontrate differenze significative nella pressione sanguigna, nei livelli di cortisolo o nella frequenza cardiaca prima dell’attività, durante o dopo.

“I nostri risultati forniscono un certo sostegno alla comune affermazione che la cannabis viene utilizzata per ridurre lo stress e alleviare la tensione e l’ansia.

Allo stesso tempo, la nostra scoperta che i partecipanti al gruppo più alto di THC hanno riportato piccoli ma significativi aumenti di ansia e umore negativo durante il test, sostiene l’idea che il THC possa anche produrre l’effetto opposto. “

Prof. Emma Childs

Sebbene lo studio sia su scala relativamente piccola, i risultati sono importanti perché iniziano a colmare alcune lacune nelle nostre conoscenze. A causa di ostacoli normativi, investigare gli effetti della cannabis è difficile. Ma, allo stesso tempo, l’uso di cannabis medicinale sta aumentando, rendendo la ricerca più vitale che mai.

Con questo tipo di studio, restano sempre più domande che risposte. I risultati sarebbero stati gli stessi se lo studio avesse reclutato persone che fumavano regolarmente cannabis o persone che non avevano mai provato la cannabis? In che modo un maggior dosaggio di THC ha influenzato i risultati? L’inalazione piuttosto che l’ingerimento fa una differenza significativa? Sarebbe anche interessante sapere se lo stesso effetto si vedrebbe in altri tipi di attività stressanti, come guidare una macchina.

Come sempre, più ricerca aumenterà la nostra comprensione e confermerà o respingerà questi risultati.

Scopri come i cannabinoidi d’attualità potrebbero aiutare a curare le malattie della pelle.

Like this post? Please share to your friends: