Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La cannabis “Dabbing” può rilasciare tossine cancerose

I ricercatori hanno analizzato la composizione chimica dei vapori rilasciati dall’olio di hashish del butano – un estratto di cannabis comunemente usato in “tamponatura” o vaporizzazione – e hanno trovato sostanze cancerogene.

olio di cannabis

Alla luce della legalizzazione della cannabis in diversi stati in tutta l’America, sempre più persone usano la marijuana a scopo ricreativo.

Anche la pratica del “tamponare” ha guadagnato popolarità; gli utenti pensano che il tamponamento sia più sicuro e li renda “più puliti”. Nel tamponare, i consumatori mettono una piccola quantità, o un “tocco”, di cannabis concentrata su una superficie calda (di solito un chiodo) e inalano il vapore risultante.

Ma mentre il tamponare l’estratto di cannabis è percepito come meno dannoso del fumare, una nuova ricerca suggerisce che la pratica espone gli utenti a varie tossine cancerogene.

I ricercatori – guidati dal dottor Robert Strongin, professore di chimica organica presso la Portland State University in Oregon – hanno esaminato la composizione del vapore prodotto dall’olio di hashish al butano.

L’olio di hashish di butano è l’estratto di cannabis normalmente usato per tamponare. L’estratto viene prodotto usando il solvente butano per estrarre il tetraidrocannabinolo (THC) dalle foglie di cannabis e dai fiori.

Lo studio si è concentrato sulla chimica dei terpeni o sugli oli che conferiscono alla cannabis la sua fragranza unica. I terpeni sono onnipresenti; si trovano naturalmente nelle piante, nei condimenti e nel cibo che mangiamo, ma possono anche essere trovati in cosmetici e prodotti farmaceutici, a causa dei loro effetti terapeutici.

Sebbene “generalmente riconosciuti come sicuri” dalla Food and Drug Administration (FDA), i terpeni possono migliorare drasticamente l’effetto psicoattivo della cannabis in un fenomeno noto come “l’effetto entourage”.

Questo – insieme alla presenza diffusa di terpeni e al fatto che sono stati recentemente aggiunti alle sigarette elettroniche (e-cigarette) – ha spinto i ricercatori a guardarli più da vicino.

Il primo autore del nuovo studio è Jiries Meehan-Atrash, della Portland State University, e i risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

Trovato sostanze chimiche che causano il cancro

Il dottor Strongin e il suo team hanno simulato le condizioni di tamponatura nel loro laboratorio. Hanno monitorato i terpeni derivati ​​dalla cannabis mircene, limonene, linalolo e Fire OG.

I ricercatori hanno identificato le sostanze chimiche e ne hanno valutato i livelli utilizzando la spettroscopia di risonanza magnetica nucleare (NMR). Inoltre, hanno raccolto e analizzato il vapor dabbing usando altre forme di spettrometria.

Gli esperimenti hanno prodotto livelli elevati di benzene, che è una nota sostanza cancerogena, e la metocroleina, che è una sostanza irritante nociva.

La metocroleina, scrivono gli autori, è strutturalmente molto simile a un altro irritante polmonare e “inquinante dell’aria di grande preoccupazione” chiamato acroleina. L’acroleina è anche un cancerogeno per l’uomo.

Sebbene i livelli ambientali sicuri di metacroleina non siano ancora stati determinati, il benzene è stato studiato intensivamente ed è noto cosa è sicuro e cosa no.

“Anche se il benzene è un inquinante onnipresente,” scrivono gli autori, “le concentrazioni di benzene che si trovano nei terpeni di tamponatura alle più alte [temperature di tamponamento] sono molto maggiori di quelle che si trovano nell’aria ambientale”.

I ricercatori commentano il significato delle loro scoperte, dicendo: “Data la diffusa legalizzazione della cannabis negli [Stati Uniti], è indispensabile studiare la piena tossicologia del suo consumo per guidare la politica futura”.

“I risultati […] indicano chiaramente che il tamponamento, sebbene considerato una forma di vaporizzazione, può, in effetti, fornire quantità significative di prodotti di degradazione tossici”.

Inoltre, “la difficoltà riscontrata dagli utenti nel controllo della temperatura delle unghie mette a rischio gli utenti”, mettono in guardia gli autori.

“Questa ricerca ha anche implicazioni significative per i prodotti aromatizzati di sigarette elettroniche grazie all’ampio uso di terpeni come aromi”, aggiungono.

In futuro, i ricercatori hanno in programma di esaminare ulteriormente come terpeni e sostanze simili al terpene contribuiscano alla tossicità delle sigarette elettroniche.

Like this post? Please share to your friends: