Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La carenza di ferro aumenta il rischio di ictus rendendo il sangue appiccicoso

Più di 15 milioni di persone in tutto il mondo subiscono un ictus ogni anno, provocando quasi 6 milioni di morti. Ora, una nuova ricerca dell’Imperial College di Londra nel Regno Unito rileva che la carenza di ferro potrebbe aumentare il rischio di ictus di una persona rendendo il sangue appiccicoso.

Questo è secondo uno studio recentemente pubblicato sulla rivista.

Il gruppo di ricerca, compresa la dottoressa Claire Shovlin, dell’Istituto nazionale per il cuore e il polmone dell’Imperial College di Londra, osserva che ricerche precedenti hanno dimostrato che la carenza di ferro potrebbe essere un fattore di rischio per ictus ischemico – quando piccoli coaguli di sangue interrompono il flusso sanguigno al cervello – negli adulti e nei bambini.

Per indagare sul perché questo è il caso, i ricercatori hanno analizzato i livelli di ferro di 497 pazienti con teleangiectasia emorragica ereditaria (HHT) – una malattia rara che può portare ad ingrossamento dei vasi sanguigni nei polmoni.

Il team di ricerca spiega che i vasi sanguigni sani di solito filtrano piccoli coaguli di sangue prima che il sangue viaggi verso le arterie. Ma nell’HHT, i vasi sanguigni possono consentire ai piccoli coaguli di sangue di raggiungere il cervello.

Basso rischio di ferro a doppio rischio di ictus

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con livelli di ferro moderatamente bassi (6 micromoli per litro) avevano il doppio del rischio di ictus, rispetto ai pazienti con livelli di ferro ritenuti a metà del range normale (7-27 micromoli per litro).

Ulteriori indagini hanno rivelato che la carenza di ferro aumenta la viscosità delle piastrine – piccoli globuli rossi. Questo richiede alle piastrine di aderire, causando la coagulazione.

Commentando i risultati, il Dr. Shovlin dice:

“Poiché le piastrine nel sangue si attaccano di più se si è a corto di ferro, pensiamo che questo possa spiegare perché essere a corto di ferro può portare a ictus, anche se saranno necessarie molte più ricerche per dimostrare questo legame”.

Aggiunge che il team ha in programma di valutare se il trattamento della carenza di ferro nei pazienti ad alto rischio potrebbe ridurre il rischio di ictus e, in particolare, se ciò causerebbe una riduzione dell’appiccicoso delle piastrine nel sangue.

“Ci sono molti passaggi aggiuntivi da un coagulo che blocca un vaso sanguigno fino al colpo finale, quindi non è ancora chiaro quanto siano importanti le piastrine appiccicose per il processo complessivo”, aggiunge il dott. Shovlin.

Dice che il team spera che ulteriori studi indagheranno sull’associazione tra piastrine appiccicose e ictus.

I benefici del ferro

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), oltre il 30% della popolazione mondiale soffre di anemia – principalmente a causa di carenza di ferro.

La mancanza di ferro nel sangue può essere causata da perdita di sangue, dieta povera o incapacità di assorbire una quantità sufficiente di ferro dal cibo – un evento comune nelle persone che soffrono di malattia di Crohn o celiachia.

Secondo il National Heart, Lung and Blood Institute (NHLBI), le migliori fonti di ferro sono carne, pollame, pesce e cibi fortificati con ferro. Una persona ha maggiori probabilità di sviluppare anemia da carenza di ferro se non mangia questi alimenti regolarmente o non assume integratori di ferro.

L’anno scorso, uno studio ha suggerito che l’integrazione di ferro fornisce benefici cognitivi e fisici per i bambini anemici, mentre altre ricerche suggeriscono che gli alimenti ricchi di ferro possono ridurre il rischio di demenza.

Like this post? Please share to your friends: