Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La cartilagine “vivente” cresciuta usando cellule staminali potrebbe impedire la chirurgia di sostituzione dell’anca

Un’alternativa alla chirurgia di sostituzione dell’anca può essere in vista. Nel, i ricercatori rivelano come sia possibile utilizzare le cellule staminali di un paziente per far crescere nuova cartilagine a forma di articolazione dell’anca.

[Un'impalcatura dell'articolazione dell'anca 3-D]

Inoltre, il team – compresi i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Washington a St. Louis, MO – dice che è possibile programmare la cartilagine di recente crescita per rilasciare molecole anti-infiammatorie, che potrebbero impedire il ritorno dell’artrite – la causa più comune di dolore all’anca.

Secondo l’Istituto Nazionale di Artrite e Malattie Muscoloscheletriche e della Pelle (NIAMS), l’artrosi è la causa principale del danno articolare dell’anca che richiede un intervento chirurgico di sostituzione dell’anca, causando forti dolori e disabilità.

L’intervento chirurgico di sostituzione dell’anca, noto anche come artroplastica, comporta la rimozione chirurgica della parte malata dell’anca e la sua sostituzione con nuove parti protesiche. Ogni anno negli Stati Uniti vengono eseguiti oltre 332.000 interventi di sostituzione dell’anca.

Mentre è efficace, il co-autore dello studio Farshid Guilak, Ph.D., professore di chirurgia ortopedica alla Washington University, e colleghi osservano che i medici sono cauti sulla chirurgia di sostituzione dell’anca in pazienti di età inferiore ai 50 anni.

Spiegano che le protesi dell’anca di solito durano meno di 20 anni, quindi è probabile che un giorno i pazienti più giovani necessitino di una seconda protesi d’anca. Sostituire un’articolazione protesica dell’anca usurata è complessa e può aumentare il rischio di infezione dei pazienti e causare danni all’osso circostante.

Come tale, vi è la necessità di un’alternativa alla chirurgia di sostituzione dell’anca, e Guilak e colleghi ritengono di averne trovato uno.

Il ritorno dell’artrite potrebbe essere prevenuto con un metodo di terapia genica

Nel loro studio, i ricercatori descrivono come la nuova cartilagine può essere coltivata dalle cellule staminali di un paziente, che vengono estratte da grasso sotto la pelle.

La nuova cartilagine viene coltivata per coprire un’impalcatura sintetica 3-D che può essere modellata nella forma esatta dell’articolazione dell’anca di un paziente.

Fatti veloci sull’osteoartrite

  • L’osteoartrosi è la forma più comune di artrite
  • Tra il 2008-2011, circa 30,8 milioni di persone negli Stati Uniti hanno avuto l’osteoartrite
  • Nel 2011, l’osteoartrite rappresentava circa l’80% di tutti gli interventi chirurgici di sostituzione dell’anca negli Stati Uniti.

Scopri di più sull’osteoartrite

Questa impalcatura ricoperta di cartilagine può essere impiantata sulla superficie dell’articolazione dell’anca danneggiata del paziente. Il team spiega che questo potrebbe alleviare il dolore causato dall’artrite e, per alcuni pazienti, potrebbe ritardare o arrestare l’intervento chirurgico di sostituzione dell’anca.

Lo scaffold è stato creato utilizzando circa 600 fasci di fibre biodegradabili che sono tessuti insieme, producendo un tessuto resistente che ha la capacità di funzionare come una normale cartilagine.

“Come prova di ciò, gli impianti tessuti sono abbastanza forti da sopportare carichi fino a 10 volte il peso corporeo del paziente, che è tipicamente quello che le nostre articolazioni devono sopportare quando ci esercitiamo”, dice il coautore dello studio Franklin Moutos, Ph.D., vicepresidente dello sviluppo tecnologico presso Cytex Therapeutics Inc.

Inoltre, i ricercatori spiegano come, inserendo un gene nella cartilagine di recente crescita, possono innescare il rilascio di molecole anti-infiammatorie che hanno il potenziale per fermare il ritorno dell’artrite.

“Quando c’è un’infiammazione, possiamo dare a un paziente un semplice farmaco, che attiva il gene che abbiamo impiantato, per ridurre l’infiammazione nell’articolazione”, spiega Guilak. “Possiamo smettere di dare il farmaco in qualsiasi momento, il che spegne il gene.”

Aggiunge che questa componente della terapia genica è la chiave; l’aumento dei livelli di molecole infiammatorie in un’articolazione può aumentare il dolore e danneggiare la cartilagine. Avere la capacità di ridurre i livelli di queste molecole può proteggere la cartilagine di recente crescita e promuovere il funzionamento a lungo termine.

I ricercatori ritengono che il loro nuovo impianto possa un giorno fornire un’alternativa tanto necessaria alla chirurgia sostitutiva dell’anca per i milioni di pazienti con osteoartrite – molti dei quali sono pazienti più giovani di età compresa tra 45 e 65 anni.

“Prevediamo in futuro che questa popolazione di pazienti più giovani possa essere il candidato ideale per questo tipo di sostituzione dell’articolazione biologica”.

Co-autore dello studio Bradley Estes, Ph.D., Cytex Therapeutics Inc.

Il team afferma che gli impianti vengono ora testati su modelli animali e, in caso di successo, potrebbero raggiungere test umani nei prossimi 3-5 anni.

Scopri come l’intervento di sostituzione totale dell’anca o del ginocchio per l’artrosi può aumentare il rischio a breve termine di infarto.

Like this post? Please share to your friends: