Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La chirurgia per il cancro alla prostata aggressivo dà il 92% di sopravvivenza a 10 anni

I pazienti con la forma più aggressiva di cancro alla prostata sottoposti a intervento chirurgico – prostatectomia radicale – sono risultati avere un tasso di sopravvivenza del cancro del 10% del 92%, che è alto, e un tasso di sopravvivenza complessivo del 77%, secondo i ricercatori del Fox Chase Cancer Center e Mayo Clinic, USA. Questo si confronta con un tasso di sopravvivenza specifico del cancro dell’88% a 10 anni e il tasso di sopravvivenza globale del 52% per coloro che sono stati sottoposti a radioterapia senza intervento chirurgico. I risultati sono stati presentati all’84a riunione annuale della American Urological Association, a Chicago.

Stephen Boorjian, M.D., urologo presso la Mayo Clinic, ha dichiarato:

Si è creduto da tempo che i pazienti con carcinoma prostatico aggressivo non fossero candidati alla chirurgia. Abbiamo scoperto che la chirurgia fornisce un eccellente controllo del cancro a lungo termine per questo tipo di cancro alla prostata. Inoltre, consentendo l’uso mirato di terapie secondarie come la privazione degli androgeni, la chirurgia offre l’opportunità di evitare o almeno ritardare le conseguenze potenzialmente negative per la salute di questi trattamenti.
Il loro studio ha coinvolto 1.747 persone con carcinoma prostatico aggressivo. Tra il 1988 e il 2004, 1.238 di loro sono stati sottoposti a un intervento chirurgico per espellere la prostata (prostatectomia radicale) presso la Mayo Clinic, mentre 609 hanno ricevuto radioterapia al Fox Chase Cancer Center. 344 dei pazienti che hanno ricevuto la radioterapia sono stati anche sottoposti a terapia di deprivazione androgenica.

Gli investigatori hanno calcolato i tassi di sopravvivenza complessivi e specifici per il cancro:

  • I pazienti sottoposti a intervento chirurgico hanno avuto una percentuale di sopravvivenza specifica del cancro del 92%, così come quelli che hanno ricevuto radioterapia più terapia di deprivazione androgenica (terapia ormonale)
  • Il 77% di coloro che hanno subito un intervento chirurgico ha avuto un tasso di sopravvivenza complessivo del 77%
  • Coloro che hanno ricevuto radioterapia più terapia ormonale hanno avuto un tasso di sopravvivenza globale del 67%
  • I pazienti che avevano appena ricevuto radioterapia (radioterapia) avevano un tasso di sopravvivenza globale di appena il 52%

Il Dr. Boorjian ha detto:

I pazienti con radiazioni e terapia ormonale avevano il 50% in più di probabilità di morire rispetto ai pazienti sottoposti a intervento chirurgico. Questo era vero anche dopo aver controllato l’età del paziente, le comorbidità e le caratteristiche dei tumori. Questi risultati suggeriscono che l’uso della terapia ormonale nei pazienti che hanno ricevuto radioterapia può avere avuto conseguenze negative per la salute.

Vogliamo sottolineare che la chirurgia fornisce un eccellente controllo a lungo termine per i pazienti con cancro alla prostata ad alto rischio. Limitare la necessità di ormoni può evitare conseguenze negative per la salute. Sono necessari ulteriori studi per valutare i diversi impatti dei trattamenti sulla qualità della vita e sulla mortalità non tumorale prima di poter determinare l’approccio migliore per i pazienti con carcinoma prostatico aggressivo.

Cos’è il cancro alla prostata?

Il cancro alla prostata colpisce solo gli uomini. Il cancro inizia a svilupparsi nella prostata – una ghiandola nel sistema riproduttivo di un uomo. La parola “prostata” deriva dalla prostata latina medievale e dalla prostata francese medievale. L’antico termine greco prostata significa “uno in piedi davanti”, da proistanai che significa “ambientato prima”. La prostata è così chiamata a causa di dove si trova – alla base della vescica.

La prostata è una ghiandola esocrina del sistema riproduttivo maschile ed esiste direttamente sotto la vescica, di fronte al retto. Una ghiandola esocrina è quella le cui secrezioni finiscono fuori dal corpo, per es. ghiandola prostatica e ghiandole sudoripare. Ha all’incirca le dimensioni di una noce.

L’uretra – un tubo che va dalla vescica alla fine del pene e trasporta l’urina e lo sperma dal corpo – passa attraverso la prostata.

diagramma della prostataCi sono migliaia di ghiandole molto piccole nella prostata – tutte producono un fluido che fa parte dello sperma. Questo fluido protegge e nutre anche lo sperma. Quando un maschio ha un orgasmo, le vescicole seminali secernono un liquido lattiginoso in cui scorre lo sperma. Il liquido viene prodotto nella ghiandola prostatica, mentre lo sperma viene mantenuto e prodotto nei testicoli. Quando un maschio raggiunge il culmine (ha un orgasmo) le contrazioni costringono la prostata a secernere questo fluido nell’uretra e lasciare il corpo attraverso il pene.

Le cellule epiteliali nella ghiandola prostatica producono una proteina chiamata PSA (antigene prostatico specifico). Il PSA aiuta a mantenere lo sperma allo stato liquido. Alcuni dei PSA fuggono nel flusso sanguigno. Possiamo misurare i livelli di PSA di un uomo controllando il suo sangue. Se i livelli di PSA di un uomo sono elevati, potrebbe essere un’indicazione del cancro alla prostata o di qualche tipo di condizione della prostata.

È un mito pensare che un alto livello di PSA nel sangue sia dannoso per te – non lo è. I livelli di PSA nel sangue alto sono comunque un’indicazione che qualcosa potrebbe essere sbagliato nella prostata.

Gli ormoni maschili influenzano la crescita della prostata e anche la quantità di PSA prodotta dalla prostata. Farmaci volti a modificare i livelli di ormone maschile possono influenzare i livelli ematici di PSA. Se gli ormoni maschili sono bassi durante la crescita di un maschio e durante la sua età adulta, la sua ghiandola prostatica non crescerà a grandezza naturale.

In alcuni uomini più anziani la prostata può continuare a crescere, specialmente la parte attorno all’uretra. Questo può rendere più difficile per l’uomo passare l’urina poiché la ghiandola prostatica in crescita potrebbe causare la collassazione dell’uretra. Quando la prostata diventa troppo grande in questo modo, la condizione è chiamata iperplasia prostatica benigna (BPH). L’IPB non è un cancro, ma deve essere trattato.

Nella stragrande maggioranza dei casi, il cancro alla prostata inizia nelle cellule della ghiandola – questo è chiamato adenocarcinoma.

Nella maggior parte dei casi, il cancro alla prostata è una malattia in progressione molto lenta. In effetti, molti uomini muoiono di vecchiaia, senza mai sapere di avere un cancro alla prostata – è solo quando l’autopsia è fatta che i medici sanno che era lì.Diversi studi hanno indicato che forse circa l’80% di tutti gli uomini ottantenni avevano un cancro alla prostata quando morivano, ma nessuno lo sapeva, nemmeno il medico.

Il cancro alla prostata può, tuttavia, essere aggressivo e progredire molto più rapidamente.

Clicca qui per leggere sul cancro alla prostata in modo più dettagliato.

Fonte: clinica Mayo

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: