Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La cola quotidiana “aumenta il rischio di cancro” a causa della colorazione del caramello

Il processo chimico durante la produzione della colorazione al caramello utilizzata nelle bevande analcoliche come la cola produce un cancerogeno che potrebbe aumentare il rischio di cancro oltre la soglia accettata di un caso in più su ogni 100.000 persone che consumano le bevande, suggerisce un’analisi.

cola e ghiaccio

Test di laboratorio condotti da Consumer Reports su 11 diverse bevande analcoliche, riportate per la prima volta l’anno scorso, con un’analisi del consumo medio da parte degli americani, i ricercatori hanno scoperto che uno può essere sufficiente per esporli a livelli potenzialmente cancerogeni della sostanza chimica noto come 4-MEI (abbreviazione di 4-metilimidazolo).

Il potenziale cancerogeno si forma durante la produzione del noto color caramello che viene aggiunto a molte bevande ampiamente consumate.

Una legge in California richiede che le bevande debbano contenere etichette di avvertimento se contengono un numero di 4-MEI sufficiente a rappresentare un rischio di cancro in eccesso di più di 1 caso ogni 100.000 persone esposte (esposizione di 29 mcg di 4-MEI al giorno).

Test su 110 campioni di marchi di soda realizzati dai ricercatori di Consumer Reports, guidati da un team del Johns Hopkins Center per un futuro vivibile a Baltimora, MD, ha rilevato che le bevande contenevano livelli che vanno da 9,5 mcg / l (mcg / L) a 963 mcg / L.

Le concentrazioni di 4-MEI variavano considerevolmente per marca di soda e stato di acquisto, hanno concluso i ricercatori, “ma erano generalmente coerenti su molte delle stesse bevande acquistate nello stesso stato / area.”

Aggiungono: “Il consumo abituale di alcune bevande può portare a esposizioni 4-MEI superiori a 29 mcg al giorno” – il livello che scatena un nuovo caso di cancro in ogni 100.000 persone che consumano la bevanda, tossicità che è stata stabilita da precedenti studi nei topi e ratti condotti dal programma nazionale di tossicologia degli Stati Uniti.

I ricercatori dicono che non c’erano abbastanza dati dai singoli campioni di bevande per raccomandare una marca piuttosto che un’altra in termini di esposizione cancerogena, ma suggerire: “Gli standard normativi statali sembrano essere stati efficaci nel ridurre l’esposizione agli agenti cancerogeni in alcune bevande”.

L’autore principale dello studio Tyler Smith, un responsabile del programma del Johns Hopkins Center per un futuro vivibile, afferma che i livelli di 4-MEI possono “variare in modo sostanziale tra i campioni, anche per lo stesso tipo di bevanda”. Smith spiega:

“Ad esempio, per le cole dietetiche, alcuni campioni avevano livelli più o più variabili del composto, mentre altri campioni avevano concentrazioni molto basse.”

Nel laboratorio di campionamento, Malta Goya ha avuto la più alta concentrazione di 4-MEI mentre la Coca-Cola ha prodotto il valore più basso.

La California ha elencato 4-MEI come cancerogeno nel 2011, in base alla Legge sull’assicurazione dell’acqua potabile e tossica del 1986 – meglio conosciuta come Proposition 65. Gli autori dicono che i loro risultati suggeriscono che “la regolamentazione federale del 4-MEI in color caramello può essere appropriata. “

Varietà di abitudini di bere cola

Per stimare l’esposizione dei consumatori al potenziale cancerogeno, i ricercatori hanno preso le letture di laboratorio e analizzato il consumo di bevande analcoliche utilizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES).

I dati di questo sondaggio hanno riguardato i modelli generali di salute e nutrizione tra il 2003 e il 2010 per decine di migliaia di bambini e adulti statunitensi tra i 3 ei 70 anni.

Gli autori dicono: “Abbiamo analizzato il consumo di tutte le bibite e ulteriormente suddiviso in soda in cinque categorie che si escludono a vicenda: 1) cola, 2) diet-cola, 3) root beer, 4) pepper cola e 5) altro (non-diet) Coca Cola.”

Hanno scoperto che la proporzione della popolazione che consuma ogni tipo di bevanda analcolica varia, con “le cole che sono le più popolari e le birre di radice e di pepe sono meno popolari”.

Adolescenti e giovani adulti hanno consumato la maggior parte di qualsiasi bevanda analcolica rispetto ai bambini piccoli e agli adulti più anziani. I consumi medi di qualsiasi soda erano:

  • Tra 550 e 1.070 millilitri bevuti ogni giorno da 16 a 20 anni
  • Tra 457 e 864 millilitri bevuti ogni giorno da 45 a 64 anni.

Rischi di cancro a vita

“Questo studio ha cercato di rispondere a una domanda critica”, dice Urvashi Rangan, PhD, direttore esecutivo del centro di sicurezza alimentare e sostenibilità dei rapporti dei consumatori: “Quanta soda i consumatori americani bevono in media?”

“Questa nuova analisi sottolinea la nostra convinzione che le persone consumano quantità significative di soda che aumentano inutilmente il rischio di cancro nel corso della vita”, afferma il dott. Rangan.

Aggiunge: “Riteniamo che i produttori di bevande e il governo dovrebbero adottare le misure necessarie per proteggere la salute pubblica”.

“La California ha già fatto un passo importante impostando una soglia”, afferma il dott. Rangan.

Keeve Nachman, PhD, è un autore senior dello studio e direttore del programma di produzione alimentare e di salute pubblica presso il Johns Hopkins Center for a Livable Future.

Anche un assistente professore alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, il Dr. Nachman dice:

“I consumatori di bibite sono esposti a un rischio di cancro evitabile e non necessario da un ingrediente che viene aggiunto a queste bevande semplicemente per scopi estetici.

Questa esposizione non necessaria rappresenta una minaccia per la salute pubblica e solleva interrogativi sull’uso continuo della colorazione al caramello nella soda. “

ConsumerReports.org ha prodotto un video che fornisce informazioni su 4-MEI nelle bibite gassate.

Il consumo giornaliero di bevande zuccherate è largamente legato al diabete e all’obesità, ma meno noto include un legame con le ragazze che iniziano il ciclo precoce e che sono esposte a un rischio più elevato di cancro al seno.

Like this post? Please share to your friends: