Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La dieta che potrebbe ridurre il rischio di depressione

Un nuovo studio ha fornito ulteriori prove del fatto che una dieta salutare fa bene alla mente e al corpo, dopo aver scoperto che una dieta ricca di frutta, verdura e cereali integrali può aiutare a ridurre il rischio di depressione.

frutta, verdura e cereali integrali

I ricercatori hanno scoperto che le persone con una maggiore aderenza agli approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH) avevano meno probabilità di avere una depressione in 6,5 anni rispetto alle persone con una minore aderenza alla dieta.

Il coautore dello studio, la dottoressa Laurel Cherian, del Rush University Medical Center di Chicago, Illinois, e i suoi colleghi dovranno presentare le loro scoperte all’American Academy of Neurology’s Meeting l’anno prossimo, che si terrà a Los Angeles, in California.

Si stima che circa 16,2 milioni di adulti negli Stati Uniti – o circa il 6,7% della popolazione adulta del paese – abbiano avuto almeno un episodio depressivo maggiore nel 2016, rendendolo una delle condizioni di salute mentale più comuni.

Le persone affette da depressione possono provare sentimenti persistenti di disperazione, tristezza o irritabilità e possono perdere interesse in attività piacevoli una volta, avere difficoltà a dormire e persino avere pensieri suicidi.

Una storia familiare di depressione, esperienze traumatiche o stressanti e malattie fisiche sono tra i fattori di rischio per la depressione. Ma un nuovo studio suggerisce che potremmo essere in grado di ridurre il nostro rischio della condizione semplicemente mangiando meglio.

Il rischio di depressione è diminuito dell’11 percento

Lo studio ha incluso 964 adulti con un’età media di 81 anni, seguiti per una media di 6,5 anni.

Alla linea di base dello studio, è stato chiesto a tutti i soggetti di compilare questionari dietetici. I ricercatori hanno valutato questi per stabilire l’adesione a varie diete, tra cui la dieta occidentale, la dieta mediterranea e la dieta DASH.

La dieta DASH è un piano alimentare ad alto contenuto di frutta, verdura e cereali integrali, ma a basso contenuto di alimenti ad alto contenuto di zuccheri e grassi saturi. È stato creato dal National Heart, Lung and Blood Institute come un modo per abbassare la pressione sanguigna.

I partecipanti allo studio sono stati valutati anche per i sintomi di depressione durante il periodo di follow-up.

Rispetto ai soggetti che hanno avuto la più bassa aderenza alla dieta DASH, quelli che hanno avuto la più alta aderenza hanno dimostrato di avere l’11% in meno di probabilità di sviluppare depressione.

Ma una dieta occidentale è risultata avere l’effetto opposto, e più l’aderenza dei soggetti a questa dieta – che è ricca di grassi saturi e povera di frutta, verdura e cereali integrali – maggiore è il rischio di sviluppare depressione.

Il dott. Cherian osserva che questo studio mostra solo un’associazione tra la dieta DASH e il rischio di depressione inferiore, quindi non è in grado di dimostrare la causa e l’effetto.

Detto questo, lei e i suoi colleghi dicono che è necessaria un’ulteriore ricerca per determinare se questo piano alimentare potrebbe aiutare a prevenire uno dei più comuni disturbi di salute mentale negli Stati Uniti.

“Ora sono necessari studi futuri per confermare questi risultati e per determinare i migliori componenti nutrizionali della dieta DASH per prevenire la depressione più tardi nella vita e per aiutare al meglio le persone a mantenere il loro cervello sano”.

Dr. Laurel Cherian

Like this post? Please share to your friends: