Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La dieta è la chiave per la salute e la felicità dei bambini

Una nuova analisi rivela che i bambini che mangiano in modo sano hanno maggiori probabilità di essere felici, e quelli che sono felici hanno maggiori probabilità di mangiare in modo sano. È interessante notare che questi collegamenti erano indipendenti dal peso.

Bambino che mangia cibi insalubri

Il sovrappeso e l’obesità infantile sono un problema crescente negli Stati Uniti e altrove.

Circa 1 su 3 bambini e adolescenti statunitensi sono in sovrappeso o obesi. I livelli hanno, preoccupato, triplicato dagli anni ’70.

Essere sovrappeso spesso comporta problemi di salute, ma ha anche effetti psicologici. I bambini sovrappeso sono più inclini alla bassa autostima, all’immagine negativa del corpo e alla depressione.

A causa delle dimensioni di questo problema, molte ricerche sono focalizzate sul tentativo di comprendere la psicologia alla base del sovrappeso, nonché sull’impatto del sovrappeso sul benessere psicologico dei bambini.

Uno di questi studi è l’identificazione e la prevenzione degli effetti sulla salute indotti dalla dieta e dallo stile di vita nello studio di bambini e neonati. Questo studio prospettico di coorte è stato istituito con l’obiettivo di prevenire l’obesità nei bambini e comprendere i fattori che contribuiscono ad esso.

Indagare le diete e il benessere dei bambini

Di recente, un team dell’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg in Svezia ha utilizzato i dati di questo studio per esaminare i legami tra il benessere psicologico e il peso nei bambini.

Lo studio ha incluso 7.675 bambini di età compresa tra 2 e 9 anni provenienti da otto paesi europei. Questi erano Belgio, Cipro, Estonia, Germania, Ungheria, Italia, Spagna e Svezia.

All’inizio dello studio, i genitori hanno compilato un questionario che specificava quanto spesso venivano mangiati cibi specifici ogni settimana. C’erano 43 prodotti alimentari tra cui scegliere in totale.

Da tutte queste informazioni, a ogni bambino è stato assegnato un punteggio di aderenza dietetica salutare (HDAS). Il punteggio HDAS acquisisce informazioni sull’aderenza del bambino a una dieta salutare. Prende in considerazione comportamenti come evitare cibi zuccherati e grassi e mangiare verdure fresche e frutta.

Inoltre, il benessere dei bambini è stato valutato all’inizio e alla fine del periodo di prova di 2 anni. Questo includeva informazioni riguardanti l’autostima, i problemi emotivi e le relazioni con genitori e coetanei. Altezza e peso sono stati anche rilevati all’inizio e alla fine dello studio.

Una volta analizzati i dati, è emerso un chiaro schema che collega la dieta al benessere psicologico. I risultati sono stati recentemente pubblicati sulla rivista.

“Abbiamo riscontrato che nei bambini di età compresa tra 2 e 9 anni esiste un’associazione tra aderenza a linee guida dietetiche salutari e migliore benessere psicologico, che include meno problemi emotivi, migliori relazioni con gli altri bambini e maggiore autostima, 2 anni più tardi “, dice l’autore dello studio corrispondente, la dott.ssa Louise Arvidsson.

“I nostri risultati suggeriscono che una dieta sana può migliorare il benessere dei bambini”.

Dr. Louise Arvidsson

Gli autori riportano che livelli più alti di autostima all’inizio dello studio erano associati a un HDAS più alto dopo 2 anni e che le associazioni tra HDAS e benessere non erano influenzate dal peso del bambino, il che era inaspettato.

Il dott. Arvidsson afferma: “È stato piuttosto sorprendente scoprire che l’associazione tra dieta di base e benessere migliore 2 anni dopo era indipendente dalla posizione socioeconomica dei bambini e dal loro peso corporeo”.

Lo studio attuale è il primo ad aver esaminato i collegamenti tra i punteggi HDAS e il benessere.

Altri risultati e prossimi passi

Hanno anche scoperto che mangiare 2-3 porzioni di pesce a settimana era associato a una migliore autostima, oltre a non avere problemi emotivi o problemi con i coetanei. Il consumo di prodotti integrali era anche legato all’assenza di problemi tra pari.

È interessante notare che le associazioni sono andate in entrambe le direzioni. Per esempio, i bambini con un miglior senso di benessere mangiavano frutta, grassi e zuccheri in linea con le raccomandazioni, e quelli con una migliore stima di sé avevano una minore assunzione di zucchero.

Come altri ricercatori hanno suggerito, le emozioni possono regolare il mangiare e il mangiare in grado di regolare le emozioni.

I risultati sono interessanti, ma, come sempre, i ricercatori menzionano alcune limitazioni. Lo studio era osservativo e si basava su dati auto-riportati, ad esempio, il che significa che causa ed effetto non possono essere accertati.

Inoltre, i bambini con diete più povere e minore autostima avevano maggiori probabilità di abbandonare lo studio, rendendo le conclusioni un po ‘meno facili da disegnare.

Più lavoro deve essere fatto. Come afferma il dott. Arvidsson, “Le associazioni che abbiamo identificato qui devono essere confermate in studi sperimentali che includono bambini con diagnosi clinica di depressione, ansia o altri disturbi comportamentali piuttosto che benessere come riportato dai genitori”.

Perché l’obesità nei bambini è una questione così urgente, senza dubbio ulteriori studi saranno in attesa dietro le quinte.

Like this post? Please share to your friends: