Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La dieta mediterranea aumenta i batteri “buoni” dell’intestino

La dieta mediterranea è considerata da molte persone una delle diete più salutistiche in circolazione, con innumerevoli studi che affermano che è buono per il cuore. Una nuova ricerca, tuttavia, suggerisce che la dieta potrebbe essere buona anche per l’intestino.

dieta mediterranea

Guidato da Hariom Yadav, Ph.D., del Wake Forest Baptist Medical Center di Winston-Salem, NC, la ricerca ha scoperto che una dieta mediterranea aumentava significativamente l’abbondanza di batteri “buoni” nelle budella delle scimmie, rispetto a un Western dieta.

Yadav e il suo team hanno recentemente pubblicato le loro scoperte sulla rivista.

La dieta mediterranea consiste principalmente di frutta, verdura, cereali integrali, noci, pesce e pollame. Limita anche la carne rossa, ma è consentito l’occasionale bicchiere di vino rosso.

Numerosi studi hanno accolto i benefici di una dieta mediterranea. Un recente studio riportato, ad esempio, collegava la dieta a un minor rischio di cancro alla prostata, mentre altre ricerche affermano che una dieta mediterranea può proteggere la salute del cuore.

La dieta mediterranea è stata anche classificata come la prima dieta per il diabete da un gruppo di esperti di salute all’inizio di quest’anno, ed è arrivata proprio dietro gli approcci dietetici per fermare l’ipertensione (DASH) per la salute del cuore.

Ma i benefici di questo piano alimentare mediterraneo non si fermano qui; la nuova ricerca di Yadav e colleghi suggerisce che la dieta mediterranea può anche essere positiva per l’intestino.

aumentato nell’intestino

I ricercatori sono giunti alla loro conclusione studiando un gruppo di 20 scimmie. Per 30 mesi, le scimmie sono state randomizzate a una delle due diete: una dieta mediterranea o una dieta occidentale. Entrambe queste diete contenevano lo stesso numero di calorie.

La dieta mediterranea comprendeva olio di pesce, olio d’oliva, burro, uova, farina di pesce, farina di grano, farina di fagioli neri e ceci, purea di frutta, succo di verdura e saccarosio.

La dieta occidentale era costituita da lardo, burro, colesterolo, uova, sego di manzo, sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio e saccarosio.

Al fine di determinare il modo in cui ogni dieta ha colpito i batteri intestinali delle scimmie, i ricercatori hanno valutato campioni fecali dagli animali alla fine degli interventi dietetici di 30 mesi.

Mentre le scimmie alimentate con la dieta occidentale hanno sperimentato uno 0,5% di aumento nell’abbondanza di batteri “buoni” nell’intestino, i batteri benefici dell’intestino delle scimmie alimentate con la dieta mediterranea sono aumentati fino al 7%.

“Abbiamo circa 2 miliardi di batteri buoni e cattivi che vivono nel nostro intestino”, dice Yadav. “Se i batteri sono di un certo tipo e non adeguatamente bilanciati, la nostra salute può soffrire”.

“Il nostro studio ha dimostrato che i batteri buoni, principalmente la maggior parte dei quali sono probiotici, erano significativamente aumentati nel gruppo di dieta mediterranea.”

Hariom Yadav, Ph.D.

è un batterio amichevole che previene e cura la diarrea e altre condizioni digestive. Oltre a risiedere nell’intestino, i batteri si possono trovare anche in alimenti fermentati, come lo yogurt, e in alcuni integratori alimentari.

Secondo Yadav e colleghi, queste scoperte aprono la strada a futuri studi per studiare come la dieta mediterranea influisce sulla salute dell’intestino degli esseri umani.

Like this post? Please share to your friends: