Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La dieta mediterranea può rallentare il declino cognitivo, prevenire l’Alzheimer

Una nuova revisione conclude che una dieta mediterranea fa bene al cervello, dopo aver scoperto che le persone che seguono la dieta hanno meno probabilità di sperimentare un declino cognitivo e sviluppare la malattia di Alzheimer.

[Pomodori e olio d'oliva]

L’autore principale Roy Hardman, del Center for Human Psychopharmacology della Swinburne University of Technology di Melbourne, in Australia, e il suo team pubblicano le loro scoperte sulla rivista.

La dieta mediterranea incorpora un elevato apporto di alimenti a base vegetale, come frutta, verdura, cereali integrali, legumi e noci, limitando l’assunzione di carne rossa e sostituendo il burro con grassi sani, come l’olio d’oliva.

La dieta sottolinea anche il consumo di pesce o pollame almeno due volte a settimana e l’utilizzo di erbe e spezie piuttosto che sale per aromatizzare il cibo.

La dieta mediterranea è considerata da molti il ​​miglior piano alimentare per un cuore sano, con numerosi studi che dimostrano che può ridurre il rischio di malattie cardiache riducendo i livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL) – o “cattivo” – colesterolo.

Ma sempre più spesso i ricercatori stanno scoprendo che i benefici di una dieta mediterranea non possono essere limitati al cuore; l’anno scorso, ad esempio, uno studio ha trovato una dieta mediterranea con aggiunta di noci o olio d’oliva può proteggere contro il declino cognitivo negli anziani.

La nuova recensione di Hardman e colleghi supporta tali risultati, rivelando che la dieta mediterranea può avere significativi benefici per la funzione cognitiva.

Miglioramenti nella memoria, attenzione con una dieta mediterranea

Per la loro revisione, i ricercatori hanno identificato 135 studi condotti tra il 2000-2015 che hanno esaminato il modo in cui la dieta mediterranea influisce sulla funzione cognitiva a lungo termine. Un totale di 18 studi ha soddisfatto i loro criteri rigorosi e sono stati inclusi per la revisione sistematica.

In ciascuno di questi studi, l’adesione dei soggetti a una dieta mediterranea è stata auto-segnalata attraverso il completamento di questionari sulla frequenza degli alimenti o un diario alimentare.

La funzione cognitiva dei partecipanti è stata valutata attraverso una serie di test, tra cui l’esame dello stato mini-mentale (MMSE) e la valutazione della prestazione mentale computerizzata (COMPASS).

Complessivamente, la revisione ha rivelato che i partecipanti con maggiore aderenza alla dieta mediterranea avevano meno declino cognitivo, miglioramenti con esperienza nelle funzioni cognitive, o avevano meno probabilità di sviluppare la malattia di Alzheimer, rispetto a quelli che avevano una minore aderenza alla dieta.

In relazione alla memoria, i partecipanti che hanno seguito da vicino la dieta mediterranea hanno sperimentato miglioramenti nella memoria a lungo termine e di lavoro, oltre a miglioramenti nel riconoscimento ritardato, nella memoria esecutiva e nei costrutti visivi.

Una maggiore aderenza alla dieta mediterranea è stata anche associata a miglioramenti nell’attenzione e nella lingua, riferiscono i ricercatori.

“Anche gli adulti più anziani dovrebbero passare a una dieta mediterranea”

Nel complesso, i ricercatori dicono che la loro revisione suggerisce che ci sono “prove incoraggianti” che seguire una dieta mediterranea può migliorare la funzione cognitiva.

Inoltre, i risultati hanno rivelato che sia gli adulti più giovani che quelli più anziani hanno sperimentato benefici cognitivi seguendo una dieta mediterranea.

“Raccomanderei quindi alle persone di provare ad aderire o passare a una dieta mediterranea, anche in età avanzata.”

Roy Hardman

Mentre lo studio non ha esaminato i meccanismi sottostanti con cui la dieta mediterranea giova alla funzione cognitiva, Hardman afferma che la dieta migliora un certo numero di fattori di rischio per il declino cognitivo.

“Questi includono la riduzione delle risposte infiammatorie, l’aumento dei micronutrienti, il miglioramento degli squilibri vitaminici e minerali, il cambiamento dei profili lipidici utilizzando gli oli di oliva come principale fonte di grassi alimentari, mantenendo il peso e potenzialmente riducendo l’obesità, migliorando i polifenoli nel sangue, migliorando il metabolismo energetico cellulare e forse cambiando il microbiota intestinale, anche se questo non è stato ancora esaminato in misura maggiore “, spiega.

Dato l’aumento previsto dell’invecchiamento della popolazione, Hardman osserva che identificare i modi per mantenere la qualità della vita e ridurre gli oneri sociali ed economici delle malattie in età avanzata è importante, e crede che l’adozione della dieta mediterranea sia una di queste strategie.

Scopri come una dieta mediterranea ricca di grassi vegetali potrebbe favorire il peso tanto quanto una dieta povera di grassi.

Like this post? Please share to your friends: