Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La dieta può portare al ritiro e alla depressione del cibo

Mangiare cibi grassi e zuccherini può causare cambiamenti chimici nel cervello, facendo sentire una persona in una dieta come se si trattasse di prelievi di droga.

La scoperta è arrivata da una nuova ricerca sui topi pubblicata dalla Dott.ssa Stephanie Fulton, dal CRCHUM e dalla Facoltà di Medicina dell’Università di Montreal, nell’International Journal of Obesity.

Fulton ha spiegato:

“Lavorando con i topi, i cui cervelli sono per molti versi paragonabili ai nostri, abbiamo scoperto che la neurochimica degli animali che erano stati nutriti con una dieta ricca di grassi e zuccheri era diversa da quelli che erano stati nutriti con una dieta sana.

Le sostanze chimiche modificate dalla dieta sono associate alla depressione. Un cambio di dieta provoca quindi sintomi di astinenza e una maggiore sensibilità a situazioni stressanti, avviando un circolo vizioso di cattiva alimentazione “.
In un periodo di sei settimane, il team di esperti ha alimentato un gruppo di topi con una dieta a basso contenuto di grassi, mentre alimentava un secondo gruppo di topi con una dieta ricca di grassi, in modo da poter analizzare come i diversi alimenti influenzassero il comportamento degli animali .

L’undici percento delle calorie nella dieta povera di grassi consisteva in grasso e il 58% nella dieta ricca di grassi. Ciò ha causato un aumento dell’11% delle dimensioni della vita del gruppo ad alto contenuto di grassi, ma non erano ancora considerati obesi.

Fulton e il suo team hanno quindi esaminato l’associazione tra premiare i topi con il cibo e i loro risultati comportamentali ed emotivi utilizzando una varietà di metodi che sono stati scientificamente dimostrati. Anche il cervello degli animali è stato analizzato in modo che gli esperti potessero osservare eventuali cambiamenti avvenuti.

I ricercatori hanno scoperto che il gruppo ad alto contenuto di grassi mostrava segni di ansia, ad esempio, hanno cercato di evitare le aree aperte. Secondo gli autori, le esperienze degli animali hanno cambiato fisicamente il loro cervello.

La dopamina era una delle molecole nel cervello che è stata osservata. Permette al cervello di premiare le persone con buoni sentimenti, che a loro volta motivano le persone ad acquisire comportamenti particolari.

La dopamina è una sostanza chimica che funziona allo stesso modo negli esseri umani come nei topi e in altri animali. CREB è una molecola che regola l’attivazione dei geni che svolgono un ruolo nel funzionamento dei cervelli umani, compresi quelli che causano la produzione di dopamina. Contribuisce anche alla formazione dei ricordi.

Fulton ha concluso:

“CREB è molto più attivato nel cervello di topi con una dieta ad alto contenuto di grassi e questi topi hanno anche livelli più elevati di corticosterone, un ormone associato allo stress, che spiega sia la depressione che il ciclo del comportamento negativo.

È interessante notare che questi cambiamenti avvengono prima dell’obesità. Questi risultati sfidano la nostra comprensione della relazione tra dieta, corpo e mente. È spunto di riflessione su come potremmo sostenere le persone psicologicamente mentre si sforzano di adottare abitudini alimentari sane, indipendentemente dalla loro corpulenza attuale. “
La ricerca è simile a uno studio precedente che ha scoperto che le diete ricche di grassi saturi e zuccheri raffinati non solo possono portare le persone all’obesità, ma cambiano anche il loro cervello, facendogli desiderare di mangiare di più.

Scritto da Sarah Glynn

Like this post? Please share to your friends: