Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La dipendenza ha una nuova definizione – è una malattia, non solo cattive scelte o comportamenti

La dipendenza è una malattia cronica del cervello, e non solo un problema comportamentale o semplicemente il risultato di prendere le scelte sbagliate, secondo l’American Society of Addiction Medicine (ASAM), che ha dato alla dipendenza una nuova e lunga definizione. L’ASAM afferma che la dipendenza è molto, molto più di un problema comportamentale che coinvolge droghe eccessive, sesso, gioco d’azzardo o alcol.

Quando la maggior parte di noi testimonia comportamenti compulsivi e dannosi in familiari, amici e persino personaggi pubblici, generalmente ci si concentra sull’uso della sostanza o dell’obiettivo ossessivo e dei loro comportamenti come problema.

Questi comportamenti evidenti, tuttavia, sono realmente manifestazioni di una malattia che coinvolge diverse aree del cervello, affermano gli autori ASAM della nuova definizione. ASAM è la più grande società professionale di medici statunitensi dedicata alla prevenzione e al trattamento della dipendenza.

Il Dr. Michael Miller, ex presidente di ASAM, che ha supervisionato lo sviluppo della nuova definizione, ha dichiarato:

“Fondamentalmente, la dipendenza non è solo un problema sociale o un problema morale o un problema criminale, è un problema abrno i cui comportamenti si manifestano in tutte queste altre aree.Tutti i comportamenti guidati dalla dipendenza sono problemi reali e talvolta atti criminali. Riguarda il cervello, non le droghe: si tratta di neurologia in fase di insuccesso, non di azioni esterne. “
ASAM afferma che la nuova definizione è il risultato di un processo completo di quattro anni con il contributo di oltre 80 esperti, tra cui le migliori autorità di dipendenza, i medici della medicina delle dipendenze e eminenti scienziati delle neuroscienze di tutti gli Stati Uniti, nonché ogni membro del consiglio di amministrazione dell’ASAM , presidenti di capitolo di diversi stati ed esperti del NIDA (National Institute on Drug Abuse).

La dipendenza è ora descritta come una malattia primaria, non causata da qualcos’altro, come un problema psichiatrico o emotivo.

La dipendenza è anche una malattia (cronica) a lungo termine e, come altre malattie croniche, come il diabete o le malattie cardiovascolari, il trattamento e il monitoraggio devono essere mantenuti per tutta la vita del paziente.

La ricerca neuroscientifica è progredita enormemente negli ultimi 20 anni. Nuove scoperte negli ultimi due decenni hanno convinto gli esperti e i membri dell’ASAM che la definizione di dipendenza doveva essere cambiata in modo che l’attenzione si concentri su ciò che sta accadendo nel cervello.

Nel suo sito web, ASAM ha dichiarato:

“La ricerca mostra che la malattia della dipendenza influenza la neurotrasmissione e le interazioni all’interno dei circuiti di ricompensa del cervello, portando a comportamenti di dipendenza che soppiantano comportamenti sani, mentre i ricordi di precedenti esperienze con cibo, sesso, alcol e altri farmaci innescano il desiderio e il rinnovo dei comportamenti di dipendenza. “
In questa malattia, i circuiti cerebrali che dirigono il controllo degli impulsi e il giudizio diventano alterati – il paziente ha una ricerca disfunzionale di ricompense quando cerca, ad esempio, alcol e altri farmaci. L’esposizione precoce a droghe e alcol è legata a un rischio maggiore di diventare dipendenti in età avanzata perché questa zona del cervello si sta ancora sviluppando durante l’adolescenza.

Che le persone abbiano o meno una scelta rispetto alle attività antisociali e pericolose è da anni un tema controverso.

Il Dr. Raju Hajela, ex presidente della Canadian Society of Addiction Medicine e presidente del comitato ASAM sulla nuova definizione, ha dichiarato:

“La malattia crea distorsioni nei pensieri, nelle sensazioni e nelle percezioni, che spingono le persone a comportarsi in modi che non sono comprensibili per gli altri intorno a loro.Infatti, la dipendenza non è una scelta.I comportamenti di dipendenza sono una manifestazione della malattia, non una causa.

La scelta gioca ancora un ruolo importante nell’ottenere aiuto. Mentre la neurobiologia della scelta non può essere pienamente compresa, una persona con dipendenza deve fare delle scelte per una vita più sana per l’entertreatment e il recupero. Perché non esiste una pillola che da sola può curare la dipendenza, è necessario scegliere il recupero rispetto a comportamenti non salutari. “
Il Dr. Miller ha detto:

“Molte malattie croniche richiedono scelte comportamentali, come le persone con malattie cardiache che scelgono di mangiare in modo sano o iniziano l’attività fisica, oltre agli interventi medici o chirurgici. Quindi, dobbiamo smettere di moralizzare, incolpare, controllare o sogghignare alla persona con la malattia della dipendenza e iniziare a creare opportunità per individui e famiglie per ottenere aiuto e fornire assistenza nella scelta del trattamento adeguato. “
Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: