Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La donna soffre di una grave carenza di vitamina dopo un intervento di bypass gastrico

Una donna ha sviluppato una malattia perché, dopo il suo intervento di dimagrimento, Shedid non le ha preso il multivitaminico, come riportato in un Case Report pubblicato il 10 ottobre 2008 su The Lancet.

L’epidemia di obesità è ben documentata in tutto il mondo e ha afflitto i paesi sviluppati in grande misura. Una forobesità del trattamento è la chirurgia di bypass gastrico, che in realtà limita le dimensioni della cavità dello stomaco per aiutare a frenare l’appetito del paziente.

La donna, 27 anni, è stata ricoverata in ospedale dopo tre settimane di capogiri, perdita di appetito e vomito. Ha subito un intervento chirurgico di bypass undergonecastrico, senza complicazioni, all’University College Hospital, a Londra, nel Regno Unito. Le è stato prescritto un trattamento standard di multivitamine e lansoprazolo, che impedisce la produzione di acido gastrico, al momento della dimissione dall’ospedale.

Quando è stata esaminata, aveva perso quasi 20 chilogrammi (44 libbre) e rappresentata con un battito cardiaco accelerato e disidratazione. Ciò ha portato a una diagnosi iniziale di ostruzione gastrica, ma questa diagnosi non può essere confermata dall’esame endoscopico. Gli esami del sangue erano incoerenti con la disidratazione, quindi alla fine è stata somministrata fluidi per via endovenosa con glucosio e ha bevuto bevande energetiche con zucchero alto.

Il giorno dopo, è caduta sotto la doccia a causa della sensazione di testa vuota e aveva una pressione sanguigna estremamente bassa. In seguito è stata osservata per mostrare un movimento oculare anormale, iper-reflessia nelle sue braccia, debolezza delle cosce e riduzione della sensazione tattile. Ciò ha portato alla diagnosi ultimata: carenza di tiamina (vitamina B1). Dopo la somministrazione di tiamina per via endovenosa, la paziente si è ripresa. Con la sua ammissione, non stava prendendo i suoi multivitaminici.

Ciò evidenzia una importante linea guida sulla salute che deve essere osservata con attenzione dopo l’intervento di bypass gastrico. L’accumulo di timina nel corpo può durare solo dai 18 ai 60 giorni, e il deficit causa la malattia conosciuta come l’encefalopatia di Beriberi o di Wernicke, entrambi i quali sono descritti dalla donna descritta nel rapporto.

Sebbene nei paesi ad alto reddito, la carenza di tiamina sia solitamente associata ad alcolismo cronico, può influenzare i pazienti con diete a dieta limitata, disturbi del sistema gastrointestinale, cancro, AIDS, infezioni gravi e disturbi renali. È anche un risultato apotenziale della chirurgia dell’obesità.

In conclusione, gli autori avvertono pazienti e medici di essere a conoscenza della carenza di tiamina. “L’encefalopatia di Wernicke si verifica comunemente 4-12 settimane dopo tale intervento, soprattutto in persone che hanno perso più di 7 kg al mese. La somministrazione di glucosio può causare un forte manifestarsi della carenza di tiamina, magari utilizzando le riserve di tiamina in eccesso. Se si sospetta una carenza di tiamina, la tiamina deve essere somministrata prima che il paziente sia givenglucosio “, scrivono.

Gli autori rilevano infine l’importanza di queste informazioni poiché la chirurgia gastrico diventa più comune: “La chirurgia dell’obesità sta diventando sempre più comune in quanto è l’unico trattamento efficace per la morbosità e riduce la mortalità e le malattie associate all’obesità.Il nostro caso evidenzia l’importanza dell’integrazione vitaminica e del monitoraggio dell’intiamina in questo gruppo di pazienti, in considerazione della non specificità della presentazione iniziale di beri-beri, una soglia bassa dovrebbe essere somministrata per somministrazione endovenosa di tiamina, soprattutto prima del glucosio, in pazienti sottoposti a chirurgia post-obesità.

Il glucosio può farti svenire?
Suehana Rahman, Antonia I Scobie, Mohamed Elkalaawy, Louise E Bidlake, Alberic G Fiennes, Rachel L Batterham
Lancet 2008; 372: 1358
Clicca qui per il diario

Scritto da Anna Sophia McKenney

Like this post? Please share to your friends: