Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

La droga di alcolismo potrebbe aiutare a curare l’HIV, studio trova

Un farmaco usato per trattare l’alcolismo – chiamato disulfiram – potrebbe portarci più vicino a una cura per l’HIV, secondo i risultati di un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Melbourne in Australia.

[Cellule HIV nel sangue]

La direttrice di studio Sharon Lewin, del Peter Doherty Institute for Infection and Immunity di Melbourne, e colleghi pubblicano le loro scoperte a.

Disulfiram (nome commerciale Antabuse) è un farmaco somministrato a individui con un disturbo da alcol per scoraggiarli dal bere. Funziona bloccando un enzima chiamato deidrogenasi, che svolge un ruolo nel metabolizzare l’assunzione di alcol.

L’inibizione della deidrogenasi causa una sensibilità acuta all’alcol; se i pazienti assumono alcol durante l’assunzione di disulfiram, manifesteranno una serie di spiacevoli effetti collaterali, tra cui cefalea, nausea, dolore toracico, vomito, debolezza, visione offuscata, sudorazione e confusione mentale.

Ma oltre a contribuire al trattamento dell’alcolismo, il Prof. Lewin e colleghi hanno scoperto che il farmaco potrebbe portare a una cura per una delle malattie più gravi e difficili del mondo: l’HIV.

La terapia antiretrovirale (ART) è il trattamento primario per l’HIV, che comporta una combinazione di almeno tre farmaci antiretrovirali che rallentano la progressione della malattia. Mentre il trattamento ha portato a una riduzione dei tassi di mortalità da HIV in tutto il mondo, non è una cura.

L’ART non è in grado di eliminare completamente l’HIV dai pazienti; il virus può rimanere dormiente nelle cellule, nascondendosi dall’attacco del sistema immunitario.

Ma nella loro sperimentazione clinica di fase 2, i ricercatori hanno scoperto che il disulfiram ha aiutato a “svegliare” le cellule dormienti dell’HIV, permettendo loro di essere distrutte – un approccio “shock-and-kill” che i ricercatori ritengono sia la chiave per curare il virus.

Disulfiram ‘potrebbe essere il punto di svolta di cui abbiamo bisogno’

Numerosi studi hanno studiato questo approccio. A settembre, ad esempio, è stato riportato uno studio che suggeriva che una classe di farmaci testati per il trattamento del cancro potrebbe risvegliare le cellule dormienti dell’HIV.

Fatti veloci sull’HIV negli Stati Uniti

  • Più di 1,2 milioni di persone negli Stati Uniti di età pari o superiore a 13 anni hanno l’HIV
  • Circa 1 su 8 persone con HIV negli Stati Uniti non sono consapevoli di essere infetti
  • Ci sono circa 50.000 nuove infezioni da HIV negli Stati Uniti ogni anno.

Ulteriori informazioni sull’HIV

Tuttavia, il prof. Lewin e colleghi osservano che fino ad oggi, i farmaci sperimentati per risvegliare l’HIV latente hanno prodotto effetti collaterali tossici – una barriera importante per far avanzare l’approccio shock-and-kill.

Per il loro studio – condotto in collaborazione con ricercatori dell’Università della California – San Francisco – il team ha somministrato disulfiram a 30 pazienti HIV positivi negli Stati Uniti e in Australia che stavano ricevendo ART.

Disulfiram è stato somministrato quotidianamente per 3 giorni. I pazienti hanno ricevuto 500 mg del farmaco il primo giorno, 1.000 mg il secondo giorno e 2.000 mg il terzo giorno.

I ricercatori hanno scoperto che la dose di 2.000 mg attivata ha dormientemente l’HIV nelle cellule dei pazienti senza produrre effetti collaterali tossici.

“Il dosaggio di disulfiram che abbiamo usato ha fornito più di un ‘solletico’ che un ‘calcio’ al virus, ma questo potrebbe essere sufficiente”, dice il Prof. Lewin. “Anche se il farmaco è stato somministrato solo per 3 giorni, abbiamo riscontrato un netto aumento del virus nel plasma, che è stato molto incoraggiante.”

Il Prof. Lewin aggiunge:

“Questo processo dimostra chiaramente che il disulfiram non è tossico ed è sicuro da usare, e potrebbe essere il cambio di gioco di cui abbiamo bisogno.”

Il primo autore dello studio, il dott. Julian Elliott, responsabile della ricerca clinica presso il Dipartimento di Malattie Infettive dell’Università di Monash e l’Alfred Hospital in Australia, osserva che risvegliare l’HIV dormiente è solo il primo passo per eliminarlo; ora hanno bisogno di trovare un modo per distruggerlo.

“Questo è un passo molto importante in quanto abbiamo dimostrato che possiamo svegliare il virus del sonno con una medicina sicura che è facilmente assunta per via orale una volta al giorno”, aggiunge. “Ora abbiamo bisogno di capire come sbarazzarci della cellula infetta, un aiuto per il sistema immunitario potrebbe essere d’aiuto, abbiamo ancora moltissimo da imparare su come sradicare definitivamente questo virus molto intelligente”.

Recentemente ha riferito che la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti ha approvato un farmaco a singola compressa chiamato Genvoya per il trattamento dell’HIV.

Like this post? Please share to your friends: