Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La droga di Osteoporosis Bazedoxifene ferma la crescita delle cellule di cancro al seno

Bazedoxifene, un farmaco per l’osteoporosi approvato in Europa, blocca la crescita delle cellule del cancro al seno, comprese quelle che sono resistenti ai farmaci attuali, i ricercatori del Duke Cancer Institute riportati a ENDO 2013 – The Endocrine Society’s Annual Meeting a San Francisco, California, 15 giugno 2013.

Il team ha spiegato che il bazedoxifene non solo blocca gli estrogeni in modo che non possa alimentare la crescita delle cellule del cancro al seno, ma si assicura anche che il recettore per gli estrogeni venga ucciso – contrassegna il recettore degli estrogeni per la distruzione.

Lo studio è stato condotto da Suzanne Wardell, Donald McDonnell, Erik Nelson e Christina Chao, tutti lavorano alla Duke University School of Medicine.

Bazedoxifene mina il recettore dell’estrogeno e si sbarazza anche di esso

Donald McDonnell, PhD, presidente del Dipartimento di Farmacologia e Biologia del Cancro del Duca, ha dichiarato:

“Abbiamo scoperto che il bazedoxifene si lega al recettore degli estrogeni e interferisce con la sua attività, ma la cosa sorprendente che abbiamo scoperto è che degrada anche il recettore, ma ne libera”.
Nelle colture cellulari e negli studi sugli animali, i ricercatori hanno scoperto che bazedoxifene:

  • blocca la crescita nelle cellule estrogeno-dipendenti
  • inibisce la crescita di cellule che sono diventate resistenti al tamoxifene e / o agli inibitori dell’aromatasi, due dei più comunemente usati tipi di farmaci per prevenire e curare il cancro al seno estrogeno-dipendente.

La terapia attuale per pazienti le cui cellule del cancro al seno sono diventate resistenti è quella di somministrare agenti chemioterapici altamente tossici che hanno notevoli effetti collaterali.

Bazedoxifene, una pillola somministrata per via orale, appartiene a una classe di farmaci noti come SERMS (specifici modulatori del recettore dell’estrogeno). Questi farmaci possono mimare l’estrogeno in alcuni tessuti, mentre allo stesso tempo bloccano l’azione dell’estrogeno in altri tessuti. Tamoxifen è anche un SERM. Tuttavia, il bazedoxifene ha anche alcune delle proprietà dei SERD (degradatori selettivi del recettore degli estrogeni). I SERD possono contrassegnare il recettore degli estrogeni per la distruzione. Il tamoxifene non può farlo.

L’autrice principale Suzanne Wardell, PhD, ha dichiarato:

“Poiché il farmaco sta rimuovendo il recettore degli estrogeni come bersaglio dalla degradazione, è meno probabile che la cellula cancerogena possa sviluppare un meccanismo di resistenza perché stai rimuovendo il bersaglio.”
McDonnell ha spiegato che la maggior parte degli scienziati ha ipotizzato che non appena le cellule del cancro al seno diventassero resistenti al tamoxifene, sarebbero anche resistenti ai SERD.

McDonnell ha dichiarato: “Abbiamo scoperto che il recettore per gli estrogeni è ancora un buon bersaglio, anche dopo che si è sviluppata la resistenza al tamoxifene”.

Bazedoxifene ha anche inibito la crescita delle cellule tumorali resistenti alla lapatinib

Gli scienziati hanno testato una gamma di tipi di cellule di cancro al seno, compresi quelli che sono sensibili al tamoxifene ma resistenti a lapatinib, un farmaco usato per i pazienti con carcinoma mammario avanzato i cui tumori contengono il gene mutato HER2. Precedenti studi avevano dimostrato che queste cellule riattivano la segnalazione degli estrogeni e quindi hanno acquisito resistenza ai farmaci. Bazedoxifene ha anche inibito la loro crescita.

Il bazedoxifene si comporta come estrogeno nel tessuto osseo, proteggendolo così dalla distruzione. Poiché il bazedoxifene è un farmaco approvato dalla FDA, significa che ha già subito studi di efficacia e sicurezza per l’osteoporosi, potrebbe essere un’opzione a breve termine per le donne con carcinoma mammario avanzato che non hanno risposto ad altre opzioni di trattamento, ha scritto Wardell.

Bazedoxifene è stato approvato nell’aprile 2009 dalla Commissione Europea con il marchio Conbriza® per il trattamento dell’osteoporosi postmenopausale nelle donne a maggior rischio di frattura.

Il principale effetto collaterale associato alla terapia con bazedoxifene era rappresentato da vampate di calore.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: