Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La droga dimagrante mostra il potenziale per trattare l’abuso di oppioidi

L’abuso di oppioidi è un problema significativo di salute pubblica negli Stati Uniti, e mentre i trattamenti esistono, c’è un alto tasso di recidive e di insuccesso nel mantenere il programma. Un nuovo studio suggerisce che la lorcaserina di farmaci per la perdita di peso prescritta ha un potenziale come nuovo trattamento per il disturbo da uso di oppioidi. Test sui ratti rivelano che non solo riduce l’auto-somministrazione di ossicodone, ma anche che può indebolire la reazione agli stimoli di assunzione di droghe, che sono spesso associati a recidiva.

individuo dipendente da oppioidi

Lo studio – condotto da Kathryn A. Cunningham, professore di farmacologia e direttore del Center for Addiction Research presso la Medical Branch della University of Texas a Galveston – è pubblicato sulla rivista.

Secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani, gli Stati Uniti si trovano “nel mezzo di un’epidemia di oppiacei senza precedenti”.

Gli oppioidi sono sostanze che si attaccano ai recettori oppioidi in parti del cervello che controllano il dolore e le emozioni. Gli esempi includono eroina, morfina e alcuni antidolorifici prescritti come ossicodone, codeina e fentanil.

Oltre a ridurre il dolore, gli oppioidi producono stati di euforia e rilassamento, che è la ragione principale per cui gli antidolorifici da oppiacei tendono ad essere abusati.

In un giorno medio negli Stati Uniti, vengono dispensate più di 650.000 prescrizioni per antidolorifici oppioidi e 3.900 persone iniziano a usarle per ragioni non mediche.

Le stime dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) suggeriscono che più di 3 decessi su 5 per overdose coinvolgono un oppiaceo. Nel 2014, le morti per overdose che coinvolgono oppioidi hanno totalizzato più di 28.000.

I trattamenti devono affrontare la “reattività delle cue”

Sebbene esistano trattamenti per il disturbo da uso di oppioidi, non sono ideali perché sono spesso associati a tassi elevati di ricaduta e troppe persone interrompono il trattamento in anticipo, osservano gli autori del nuovo studio.

Uno dei problemi con molti dei trattamenti attuali è che mentre riducono la sensazione di euforia derivante dall’assunzione di oppioidi come l’ossicodone, non affrontano la “reattività cue” – il potente effetto che un ambiente familiare di assunzione di droghe può esercitare su anticipazione dell’esperienza della droga.

La reattività della cue è spesso la ragione per cui le persone che ricorrono all’abuso di oppioidi recidivano quando incontrano le persone, i luoghi, le situazioni e le attrezzature che associano al loro uso di oppioidi. Deriva dall’accoppiamento ripetuto di questi stimoli con l’esperienza dell’uso di droghe.

Nella loro nuova ricerca, che prende la forma di uno studio preclinico, il team dimostra che il farmaco per la perdita di peso di prescrizione lorcaserin ha ridotto non solo l’uso ma anche il desiderio di ossicodone nei ratti.

Lorcaserin è prescritto per perdita di peso; influisce sulla sensazione di pienezza alterando il sistema serotoninergico del cervello. Attraverso un’altra via che coinvolge i recettori della serotonina 2C, la serotonina regola anche il circuito cerebrale che influenza la reattività dei cue e la ricompensa del farmaco.

Lorcaserin ha ridotto l’uso di oppioidi e la reattività degli spilli

Nel lavoro precedente, il Prof. Cunningham e colleghi hanno dimostrato che il lorcaserin riduce la frequenza con cui i ratti completeranno un compito per guadagnare una dose di cocaina. Tuttavia, questo non spiega come la lorcaserina possa influenzare la sensazione di ricompensa invocata dai farmaci oppioidi che agiscono attraverso i recettori della serotonina 2C.

Quindi, per il nuovo studio, i ricercatori hanno permesso ai ratti di darsi ossicodone quando erano esposti a un particolare schema di luci e suoni – creando così un ambiente specifico per assumere droghe.

Dopo un periodo durante il quale i ratti si sono abituati all’ossicodone auto-somministrato nell’ambiente di assunzione di droga, la squadra ha ritirato l’ossicodone. Hanno esposto i ratti al loro familiare ambiente di assunzione di droga e hanno dato ad alcuni di loro il lorcaserin e il resto un placebo.

Hanno quindi permesso ai topi di autosomministrare nuovamente l’ossicodone. I topi a cui era stato somministrato il lorcaserin non solo si davano meno ossicodone, ma reagivano anche meno intensamente agli stimoli dell’ambiente di assunzione della droga.

Per confermare che questo effetto era dovuto alla lorcaserina, i ricercatori hanno dato un gruppo di ratti lorcaserin più un farmaco che ne blocca l’effetto negando l’accesso ai recettori della serotonina 2C. Questi ratti quindi “hanno provato molto duramente” per auto-somministrare l’ossicodone.

I ricercatori dicono che lo studio dimostra che la lorcaserina sembra non solo ridurre l’auto-somministrazione di ossicodone, ma anche stimolare la reattività associata alla ricaduta.

“L’efficacia della lorcaserina nel ridurre la ricerca e la brama dell’ossicodone evidenzia il potenziale terapeutico della lorcaserina nel trattamento del disturbo da uso di oppiacei”.

Prof. Kathryn A. Cunningham

Il team sta ora pianificando di condurre ulteriori studi su farmaci come il lorcaserin per capire meglio come potrebbero contribuire ad affrontare l’epidemia di oppioidi.

Scopri perché le prescrizioni di oppioidi continuano dopo il sovradosaggio.

Like this post? Please share to your friends: