Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La droga promette una crescita robusta dei nuovi capelli

Un nuovo metodo per ripristinare la crescita dei capelli – usando farmaci già approvati per la sicurezza – potrebbe essere in arrivo, secondo la ricerca pubblicata nel 2006.

[uomo felice con i capelli]

I ricercatori del Columbia University Medical Center di New York hanno scoperto che quando i follicoli piliferi sono sospesi in uno stato di riposo, una rapida e robusta crescita può essere ripristinata inibendo una famiglia di enzimi all’interno dei follicoli.

I follicoli piliferi non producono costantemente i capelli, ma si spostano ciclicamente tra quattro fasi di riposo e di crescita.

Più del 90% dei capelli è normalmente in fase di crescita, “anagen”, che può durare da 2 a 6 anni.

Segue la fase catagen relativamente breve, quando il follicolo regredisce e si sposta verso la superficie. “Telogen” è la fase di riposo e “esogeno” è quando i capelli cadono prima che il follicolo riprenda la crescita.

Generalmente, più i capelli sono lunghi, più lunghe sono le fasi; i capelli lunghi tendono a crescere più lentamente.

Gli inibitori degli enzimi promuovono la crescita

In esperimenti con i normali follicoli di topo e di capelli umani, la Dott.ssa Angela Christiano, PhD e colleghi hanno scoperto che i farmaci che inibiscono la famiglia di enzimi della Janus kinase (JAK) promuovono una crescita rapida e robusta dei capelli se applicati direttamente sulla pelle.

Fatti veloci sulla calvizie maschile

  • Il 95% della calvizie maschile è dovuta all’alopecia androgenetica
  • All’età di 35 anni, 2 uomini su 3 negli Stati Uniti avranno una perdita di capelli notevole
  • Nel 25% degli uomini, la perdita dei capelli inizia prima dei 21 anni.

Ulteriori informazioni sulla calvizie

Ciò suggerisce che gli inibitori JAK potrebbero essere utilizzati per ripristinare la crescita dei capelli in varie forme di perdita dei capelli, come quella indotta dalla calvizie maschile – chiamata anche alopecia androgenetica – e altri tipi di perdita di capelli che si verificano quando i follicoli piliferi sono intrappolati in uno stato di riposo .

Due inibitori JAK sono già stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, uno per il trattamento delle malattie del sangue (ruxolitinib) e l’altro per l’artrite reumatoide (tofacitinib).

Entrambi sono stati testati in studi clinici per il trattamento della psoriasi a placche e dell’alopecia areata, una malattia autoimmune che attacca i follicoli, causando la caduta dei capelli.

Fu durante lo studio dell’alopecia areata che i ricercatori si sono imbattuti sull’effetto degli inibitori JAK sui follicoli piliferi.

Avevano già scoperto che gli inibitori della JAK bloccano il segnale che causa l’attacco autoimmune e che le forme orali del farmaco ripristinano la crescita dei capelli in alcune persone affette dal disturbo.

Gli inibitori degli enzimi promuovono una crescita dei capelli forte e rapida

Negli esperimenti, il team ha notato che i topi crescevano di più quando il farmaco veniva applicato localmente sulla pelle rispetto a quando veniva somministrato internamente. Questo ha suggerito che gli inibitori della JAK potrebbero avere un effetto diretto sui follicoli piliferi, oltre a inibire l’attacco immunitario.

Osservando più da vicino i normali follicoli piliferi del mouse, hanno scoperto che gli inibitori della JAK hanno rapidamente risvegliato i follicoli in riposo dalla dormienza.

Gli inibitori della JAK sembrano attivare il normale processo di risveglio dei follicoli. I topi trattati per 5 giorni con uno dei due inibitori della JAK hanno germinato nuovi capelli entro 10 giorni, accelerando notevolmente la fase di crescita del follicolo pilifero. Nessun pelo è cresciuto su topi di controllo non trattati nello stesso periodo di tempo.

Gli inibitori producono anche capelli più lunghi da follicoli di capelli umani cresciuti in coltura e su pelle innestata su topi.

Alla luce di questi risultati, i ricercatori sperano che i farmaci possano indurre una nuova crescita dei capelli e prolungare la crescita dei peli esistenti nell’uomo.

Dr. Christiano dice:

“Quello che abbiamo trovato è promettente, anche se non abbiamo ancora dimostrato che è efficace per la calvizie maschile. Più lavoro deve essere fatto per testare formulazioni di inibitori JAK appositamente realizzati per il cuoio capelluto per determinare se possono indurre la crescita dei capelli in gli esseri umani.”

Non è ancora noto se gli inibitori della JAK possano risvegliare i follicoli piliferi che sono stati sospesi in uno stato di riposo a causa dell’alopecia androgenetica – che colpisce sia i maschi che le femmine – o altre forme di perdita di capelli. Finora, tutti gli esperimenti sono stati condotti su topi normali e follicoli umani.

Il Dr. Christiano spiega che pochissimi composti possono spingere i follicoli piliferi nel loro ciclo di crescita così rapidamente. Alcuni agenti topici inducono ciuffi di capelli qua e là dopo poche settimane, ma pochissimi hanno un effetto così potente e ad azione rapida.

All’inizio di quest’anno, ha riferito che strappare i capelli potrebbe aiutare a ridurre la calvizie.

Like this post? Please share to your friends: