Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La fine della chemio tossica? Il blocco della vitamina B-2 può fermare il cancro

Una nuova ricerca pubblicata sulla rivista trova un composto che impedisce alle cellule tumorali di diffondersi affamando di vitamina B-2. I risultati potrebbero rivoluzionare la chemioterapia tradizionale.

paziente donna chemo speranzoso guardando fuori dalla finestra

Un team di ricercatori britannici ha cercato di trovare un agente terapeutico non tossico che bersaglia i mitocondri delle cellule tumorali.

I mitocondri sono organelli produttori di energia che si trovano all’interno di ogni cellula. Il composto recentemente trovato dagli scienziati può impedire alle cellule staminali del cancro di proliferare interferendo con il loro processo di creazione di energia all’interno dei mitocondri.

Il team è stato guidato dal Prof. Michael Lisanti, presidente della medicina traslazionale presso l’Università di Salford, nel Regno Unito, e il nuovo studio è accessibile qui.

Cellule cancerogene affamate di energia

Il Prof. Lisanti ed i suoi colleghi hanno usato lo screening farmacologico per identificare il composto, che è chiamato difenileniodonio cloruro (DPI).

Come spiegano i ricercatori, vari saggi cellulari e altri esperimenti di coltura cellulare hanno rivelato che DPI riduceva oltre il 90 percento dell’energia prodotta nei mitocondri delle cellule.

Il DPI ha raggiunto questo risultato bloccando la vitamina B-2, conosciuta anche come riboflavina, che ha impoverito le cellule di energia.

“La nostra osservazione è che DPI sta attaccando selettivamente le cellule staminali del cancro, creando efficacemente una carenza vitaminica […]. In altre parole, spegnendo la produzione di energia nelle cellule staminali del cancro, stiamo creando un processo di ibernazione”.

Prof. Michael Lisanti

Le cellule staminali del cancro sono quelle che producono il tumore. “È straordinario”, continua il prof. Lisanti, “le cellule siedono lì come in uno stato di animazione sospesa”.

È importante sottolineare che DPI si è dimostrato non tossico per le cosiddette cellule tumorali “sfuse”, che sono in gran parte ritenute non tumorigeniche.

Ciò suggerisce che il composto potrebbe avere successo laddove la chemioterapia corrente fallisce. Il team spiega che “il trattamento DPI può essere utilizzato per conferire acutamente un fenotipo priva di mitocondri, che dimostriamo efficacemente esaurisce [cellule staminali cancerose] dalla popolazione di cellule di cancro eterogenea”.

“Queste scoperte hanno implicazioni terapeutiche significative per indirizzare potentemente [cellule staminali del cancro] riducendo al minimo gli effetti collaterali tossici”, aggiungono.

Una nuova era della chemioterapia?

“Crediamo,” affermano gli scienziati, “che il DPI sia uno degli inibitori più potenti e altamente selettivi [cellule staminali del cancro] scoperti fino ad oggi.”

I risultati sono particolarmente significativi data la terribile necessità di terapie antitumorali non tossiche e dei gravi effetti collaterali della chemioterapia convenzionale.

“La bellezza di [DPI] è che [rende] le cellule staminali tumorali metabolicamente inflessibili così [che] saranno altamente suscettibili a molti altri farmaci”, spiega il Prof. Lisanti.

La coautrice di studio, la prof.ssa Federica Sotgia, commenta anche il significato delle scoperte recenti, dicendo: “In termini di chemioterapie per il cancro, abbiamo chiaramente bisogno di qualcosa di meglio di ciò che abbiamo attualmente, e questo è, auspicabilmente, l’inizio di un approccio alternativo fermare le cellule staminali del cancro “.

Infatti, gli autori sono specializzati nella ricerca di terapie alternative non tossiche e sperano che le loro scoperte più recenti segneranno l’inizio di una nuova era della chemioterapia – forse una che usa molecole non tossiche per indirizzare l’attività mitocondriale dello stelo del cancro -come le cellule.

I ricercatori propongono di chiamare queste nuove molecole “mitoflavoscini”.

Like this post? Please share to your friends: