Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La fluorizzazione dell’acqua “non riduce il QI”

Bere acqua fluorizzata non riduce il QI, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Otago in Nuova Zelanda.

Molte teorie popolari gettano il sospetto sul ruolo della fluorizzazione dell’acqua, con alcune persone che sostengono che l’acqua fluorizzata è associata a una serie di effetti avversi sulla salute.

Il fluoruro viene regolarmente aggiunto all’acqua potabile negli Stati Uniti e in altri paesi come supplemento alla protezione contro la carie. Tuttavia, alcune persone si oppongono alla natura obbligatoria della fluorizzazione dell’acqua.

Inoltre, alcune delle preoccupazioni relative alla fluorizzazione dell’acqua derivano dalle teorie cospirative relative alla fine della seconda guerra mondiale. Questi includono suggerimenti che il regime nazista ha segretamente fluorurato le riserve idriche nel tentativo di danneggiare la ghiandola pineale dei loro cittadini, che alcune persone pensano che promuova la docilità negli esseri umani.

La vicinanza delle teorie cospirative al problema ha reso il dibattito sui rischi per la salute di fluorizzazione dell’acqua controversa. Tuttavia, nel 2012, i ricercatori della Harvard University di Cambridge, MA, hanno messo in dubbio i benefici per la salute del fluoruro nelle risorse idriche.

Hanno condotto una revisione degli studi esaminando gli effetti della fluorizzazione dell’acqua sui bambini e hanno scoperto che i bambini che vivono in aree ad alto contenuto di fluoruro “avevano un QI significativamente più basso rispetto a quelli che vivevano in aree a basso contenuto di fluoruro”.

Il fluoruro, hanno detto i ricercatori, è una sostanza chimica “con una sostanziale evidenza di neurotossicità dello sviluppo”.

Tuttavia, questi risultati sono sfidati da un nuovo studio pubblicato nel.

Lo studio multidisciplinare Dunedin e la fluorizzazione dell’acqua

Traendo dati da un ampio studio di 1.000 persone nate a Dunedin in Nuova Zelanda nel 1972-1973 – lo studio multidisciplinare Dunedin – i ricercatori dell’Università di Otago hanno confrontato il QI dei partecipanti allo studio che sono cresciuti in periferia con e senza acqua fluorizzata. Hanno anche preso in considerazione in che misura i partecipanti sono stati esposti a dentifricio al fluoro o compresse durante la crescita.

persona che riempie un bicchiere di acqua da un rubinetto

I punteggi del QI per 992 partecipanti sono stati esaminati tra i 7 e i 13 anni. Di queste persone, 942 sono state nuovamente testate all’età di 38 anni. I punteggi dei test che hanno valutato la comprensione verbale, il ragionamento percettivo, la memoria di lavoro e la velocità di elaborazione erano disponibili anche per i ricercatori Otago.

Il team ha controllato i risultati per fattori che sono noti influenzare la variazione del QI nell’infanzia, come lo stato socioeconomico dei genitori, il peso alla nascita e l’allattamento al seno, così come i risultati nell’istruzione secondaria e terziaria, che si ritiene influenzino il QI degli adulti.

L’autore principale Dr. Jonathan Broadbent descrive i risultati della squadra:

“La nostra analisi non ha mostrato differenze significative nel QI per esposizione al fluoruro, anche prima del controllo degli altri fattori che potrebbero influenzare i punteggi. In linea con altri studi, abbiamo riscontrato che l’allattamento al seno era associato a un QI superiore, e questo indipendentemente dal fatto che i bambini crescessero in aree fluorurate o non fluorurate. “

Il dott. Broadbent suggerisce che gli studi che trovano un’associazione tra fluorurazione dell’acqua e QI ridotto tendono ad utilizzare una metodologia di ricerca scarsa con un alto rischio di parzialità. Parlando, ha detto dello studio di Harvard: “Gli autori hanno affermato che ciascuno degli articoli esaminati presentava delle carenze, in alcuni casi piuttosto serie: si tratta di una meta-analisi basata su ricerche di scarsa qualità”.

Aggiunge che lo studio multidisciplinare Dunedin, per confronto, è famoso in tutto il mondo per la qualità dei suoi dati e il rigore delle sue analisi.

In conclusione, il dott. Broadbent dice:

Si spera che i nostri risultati contribuiscano a mettere un altro chiodo nella bara del canard completo che l’acqua fluorescente è in qualche modo dannosa per lo sviluppo dei bambini.In realtà, l’opposto totale è vero, in quanto aiuta a ridurre la carie che rovina l’infanzia di troppi Neozelandesi. “

Like this post? Please share to your friends: