Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La lettura ad alta voce aumenta la memoria

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista, è più probabile che ricordiamo qualcosa se lo leggiamo ad alta voce.

una donna che legge un libro

Gli autori dello studio, dell’Università di Waterloo in Canada, riferiscono che la “doppia azione” di parlare e sentire se stessi parla aiuta il cervello a memorizzare le informazioni in modo che diventino memoria a lungo termine. Questo processo è chiamato “effetto produzione”.

Il nuovo studio si basa su precedenti lavori del team dell’Università di Waterloo che ha studiato i vantaggi di attività come la digitazione e la scrittura di parole nell’aumentare la conservazione della memoria.

Nel 2015, è stato riferito su uno studio condotto da ricercatori in Canada che ha anche scoperto che ripetere le parole ad alta voce aumenta la memoria verbale.

In questo studio, 44 ​​studenti di lingua francese hanno letto una selezione di parole dallo schermo di un computer e gli è stato chiesto di ripetere le parole in quattro modi diversi. Ciò implicava leggere le parole in silenzio, leggere mentre si muovevano le labbra, ripetere le parole ad alta voce mentre si guardava lo schermo e ripetere le parole ad alta voce ad un’altra persona.

Lo studio canadese riportò che ripetere le parole a un’altra persona portava al più alto richiamo di memoria verbale. Al contrario, leggere in silenzio produceva il più basso richiamo di memoria verbale.

Apprendimento, la memoria beneficia dell’azione

I ricercatori dietro il nuovo studio hanno utilizzato una metodologia simile. I 95 soggetti dovevano leggere in silenzio, ascoltare qualcun altro leggere, ascoltare una registrazione di se stessi leggendo e leggere ad alta voce in tempo reale.

I ricercatori hanno scoperto che il richiamo di parole era più grande quando i partecipanti leggevano a voce alta a se stessi.

“Questo studio conferma che l’apprendimento e la memoria traggono beneficio dal coinvolgimento attivo”, afferma l’autore dello studio Colin M. MacLeod, professore e presidente del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Waterloo.

“Quando aggiungiamo una misura attiva o un elemento di produzione a una parola,” aggiunge, “quella parola diventa più distinta nella memoria a lungo termine, e quindi più memorabile.”

Ma cosa significano questi risultati per noi in termini pratici?

“Quando consideriamo le applicazioni pratiche di questa ricerca, penso agli anziani che sono consigliati di fare puzzle e parole crociate per contribuire a rafforzare la loro memoria”, afferma il professor MacLeod. “Questo studio suggerisce che l’idea di azione o attività migliora anche la memoria.”

“E sappiamo che regolare esercizio fisico e movimento sono anche elementi costitutivi per una buona memoria”, aggiunge.

Like this post? Please share to your friends: