Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

La luce fioca può farci … fioco?

Crepuscolo, chiaro di luna, un’accogliente luce da camino – indubbiamente, tutti questi evocano un’atmosfera romantica, ma secondo un nuovo studio, c’è di più nell’oscurare la luce di quanto non sembri. Risulta, potrebbe esserci un motivo in più per cui un’impostazione poco illuminata ci porta a prendere decisioni (a volte povere) romantiche.

lampada sul comodino

Siamo stati tutti lì ad un certo punto: sei ad un appuntamento in un piccolo ristorante poco illuminato e accogliente.

Sta andando abbastanza bene, e la persona con cui stai è mezza decente. Tuttavia, forse non sono così attraenti come vorresti, o forse sono un po ‘sgarbati con il cameriere, o forse fanno strani rumori da masticare. In ogni caso, decidi che non sono la persona giusta per te.

Comunque, visto che ci sei, potresti anche rilassarti e provare a goderti la serata. Hai un bicchiere di vino, forse due, una cosa tira l’altra e diciamo solo che … la serata finisce selvaggiamente in modo diverso da quello che inizialmente intendevi.

La mattina dopo, mentre guardi il tuo … partner imprevisto e prematuro che dorme, cominci a chiedermi: “A cosa stavi pensando? Che cosa ha portato a questa … povera scelta romantica? Era il vino? Era l’atmosfera? è stato … il?! “

Secondo un nuovo studio, potrebbe benissimo essere stata la luce (anche se nel nostro piccolo scenario, probabilmente il vino non ha aiutato neanche). Certo, una luce fioca e romantica ci fa sembrare tutti un po ‘più attraenti di quanto facciamo nella crudele luce del giorno, ma – la nuova ricerca sembra suggerire – quando hai scelto di andare a casa con quella persona, potresti essere stato .. . Disturbi cognitivi.

I ricercatori della Michigan State University di East Lansing hanno testato le capacità cognitive di un tipo di ratto che dorme di notte ed è sveglio durante il giorno – proprio come gli umani.

Gli scienziati hanno esposto i roditori alla luce fioca e alla luce intensa per un periodo di 4 settimane. Le loro nuove scoperte – pubblicate sulla rivista – potrebbero farti riflettere due volte prima di accendere quella candela.

La luce debole conduce a un deterioramento cognitivo

I ratti che erano stati esposti a poca luce si sono comportati male nei compiti di apprendimento spaziale e hanno mostrato una riduzione del 30% nei loro ippocampi, che è un’area del cervello che è fondamentale per l’apprendimento e la formazione di nuovi ricordi.

Inoltre, gli stessi roditori mostravano livelli diminuiti di un peptide cerebrale che normalmente aiuta i neuroni a comunicare l’uno con l’altro nell’ippocampo. Il peptide, che è chiamato fattore neurotrofico derivato dal cervello, contribuisce a mantenere sane connessioni tra i neuroni.

“Dato che ci sono meno connessioni da fare”, spiega l’autore dello studio principale Joel Soler, uno studente di dottorato in psicologia, “questo si traduce in una diminuzione dell’apprendimento e delle prestazioni della memoria che dipende dall’ippocampo”.

“In altre parole,” aggiunge, “le luci fioche stanno producendo dei debitori”.

Viceversa, i roditori che erano esposti a una luce molto intensa sembravano, beh, più luminosi; questi roditori si sono comportati molto meglio su compiti di orientamento spaziale.

Inoltre, quando i ratti “deboli” sono stati riportati alla luce intensa per altre 4 settimane e poi testati nuovamente, la loro capacità cerebrale e le loro prestazioni cognitive sono tornate alla normalità.

Questo segna la prima volta che uno studio ha dimostrato che i cambiamenti ambientali nella luce potrebbero portare a cambiamenti strutturali nel cervello.

“Quando abbiamo esposto i ratti alla luce fioca, mimando i giorni nuvolosi degli inverni del Midwest o la tipica illuminazione interna, gli animali hanno mostrato problemi nell’apprendimento spaziale”, dice il coautore dello studio Antonio Núñez, professore di psicologia.

Continua dicendo “Questo è simile a quando le persone non riescono a trovare la strada per tornare alle loro macchine in un parcheggio occupato dopo aver trascorso qualche ora in un centro commerciale o in un cinema”. O … simile a quando le persone non riescono a trovare la strada per il proprio letto dopo aver trascorso alcune ore in una data poco illuminata.

Like this post? Please share to your friends: